Cristina di Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cristina di Lorena
Ritratto ufficiale di Cristina di Lorenadipinto da Scipione Pulzone, 1590.
Ritratto ufficiale di Cristina di Lorena
dipinto da Scipione Pulzone, 1590.
Granduchessa di Toscana
In carica 3 maggio 1589 - 17 febbraio 1609
Predecessore Giovanna d'Austria
Successore Maria Maddalena d'Austria
Nascita Bar-le-Duc, 16 agosto 1565
Morte Firenze, 19 dicembre 1637
Luogo di sepoltura Cappelle Medicee, Firenze
Casa reale Lorena
Padre Carlo III di Lorena
Madre Claudia di Valois
Consorte Ferdinando I de' Medici
Firma Signature of Christina of Lorraine as Grand Duchess of Tuscany in 1599.png

Cristina di Lorena (Bar-le-Duc, 16 agosto 1565Firenze, 19 dicembre 1637) fu consorte del granduca di Toscana Ferdinando I de' Medici.

Era figlia del duca Carlo III di Lorena e di Claudia di Valois, figlia del re Enrico II di Francia e di Caterina de' Medici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Cristina di Lorena, Santi di Tito (Siena, Palazzo Pubblico).

Fu proprio la nonna Caterina, prima regina di Francia della famiglia Medici che, dopo la morte precoce della madre Claudia, si preoccupò della sua educazione e si occupò delle trattative matrimoniali che le garantissero un consorte di alto livello.

Le trattative furono lunghe e complicate, ma alla fine venne scelto il futuro Granduca di Toscana, Ferdinando, che Cristina sposò nel 1586, anche se si recò a Firenze solo nel 1589, quando vennero creati grandiosi apparati decorativi in tutta la città, alla creazione dei quali parteciparono i migliori artisti attivi in città. Non fu una scelta semplice anche perché Ferdinando era in una posizione controversa, essendo stato cardinale ed aveva rinunciato alla porpora dopo la morte di suo fratello Francesco I. Il matrimonio venne celebrato da alcuni dei più grandi artisti dell'epoca con uno spettacolo, attualmente conosciuto con il nome di Intermedi della Pellegrina.

Dopo la prematura scomparsa del marito nel 1609, tenne la reggenza in vece del giovane figlio Cosimo II de' Medici, destinato a succedere al padre con il raggiungimento dei 21 anni, del quale curò anche l'educazione, improntata con lungimiranza alle correnti scientifico-filosofiche più moderne.

La sua influenza sugli affari di governo e la vita politica non fu però giudicata positiva da suo nipote Ferdinando II, che la allontanò da corte dopo che egli era subentrato al governo granducale dopo la morte prematura di Cosimo II.

Fu una donna infatti attratta dal sapere scientifico, che intrattenne un rapporto epistolare con Galileo Galilei, il quale indirizzò proprio a lei la più famosa delle sue quattro Lettere copernicane datata 1615, dove lo scienziato si prodigava nel dimostrare come le sue idee non fossero in contrasto con la Bibbia. Antonio Santucci le dedicò la ruota perpetua, un complesso sistema di calcoli astronomici realizzato dopo il 1582.

Morì a Firenze nel 1636.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Duca di Lorena e Bar
Vaudémont

Lorraine Arms 1538.svg

Figli
  • Carlo (1486-?)
  • Francesco (1487-1487)
  • Antonio (1489-1544)
  • Anna (1490-1491)
  • Nicola (1493-giovane)
  • Isabella (1494-1508)
  • Claudio (1496-1550)
  • Giovanni (1498-1550)
  • Luigi (1500-1528)
  • Claudio (1502-giovane)
  • Caterina (1502-giovane)
  • Francesco (1506-1525)
Figli
  • Francesco (1517-1545)
  • Nicola (1524–1577)
    • Luisa, regina di Francia
  • Giovanna (1526–1532)
  • Antonio (1528 - giovane)
  • Anna (1496–1549)
  • Elisabetta (1530 - giovane)
Figli
Figli
Figli
Figli
Figli
  • Ferdinando Filippo (1608 - 1657)
  • Carlo V (1643–1690)
Figli
  • Leopoldo I (1679-1729))
  • Carlo Giuseppe (1680-1716)
  • Eleonora (1682)
  • Carlo Ferdinando (1683-1685)
  • Giuseppe Innocenzo (1685-1705)
  • Francesco Antonio (1689-1715)
Figli
  • Leopoldo (1699–1700)
  • Elisabetta Carlotta (1700–1711)
  • Luisa Cristina (*/† 1701)
  • Maria Gabriella Carlotta (1702–1711)
  • Luigi (1704–1711)
  • Giuseppa Gabriella (1706–1708)
  • Leopoldo Clemente Carlo (1707–1723)
  • Francesco III Stefano (1708–1765)
  • Eleonora (*/† 1710)
  • Elisabetta Teresa (1711–1741)
  • Carlo Alessandro (1712–1780)
  • Anna Carlotta (1714 - 1773)
Cristina di Lorena Padre:
Carlo III di Lorena
Nonno paterno:
Francesco I di Lorena
Bisnonno paterno:
Antonio di Lorena
Trisnonno paterno:
Renato II di Lorena
Trisnonna paterna:
Filippina di Gheldria
Bisnonna paterna:
Renata di Borbone-Montpensier
Trisnonno paterno:
Gilberto di Borbone-Montpensier
Trisnonna paterna:
Chiara Gonzaga
Nonna paterna:
Cristina di Oldenburg
Bisnonno paterno:
Cristiano II di Danimarca
Trisnonno paterno:
Giovanni di Danimarca
Trisnonna paterna:
Cristina di Sassonia
Bisnonna paterna:
Isabella d'Asburgo
Trisnonno paterno:
Filippo I di Castiglia
Trisnonna paterna:
Giovanna di Aragona e Castiglia
Madre:
Claudia di Valois
Nonno materno:
Enrico II di Francia
Bisnonno materno:
Francesco I di Francia
Trisnonno materno:
Carlo di Valois-Angoulême
Trisnonna materna:
Luisa di Savoia
Bisnonna materna:
Claudia di Francia
Trisnonno materno:
Luigi XII di Francia
Trisnonna materna:
Anna di Bretagna
Nonna materna:
Caterina de' Medici
Bisnonno materno:
Lorenzo de' Medici duca di Urbino
Trisnonno materno:
Piero il Fatuo
Trisnonna materna:
Alfonsina Orsini
Bisnonna materna:
Madeleine de la Tour d'Auvergne
Trisnonno materno:
Giovanni V d'Alvernia
Trisnonna materna:
Giovanna di Borbone-Vendôme

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Nome Nascita Morte Note
Cosimo 12 maggio 1590 28 febbraio 1621 sposò Maria Maddalena d'Austria, sorella dell'imperatore Ferdinando II
Eleonora 1591 1617
Caterina 2 maggio 1593 17 aprile 1629 Sposò Ferdinando Gonzaga, duca di Mantova
Francesco 1594 1614
Carlo 1595 1666 Cardinale
Filippino 9 aprile 1598 3 aprile 1602
Lorenzo 1599 1648
Maria Maddalena 1600 1633 Nata deforme, trascorse la vita in un monastero
Claudia 1604 1648 Sposò Federico della Rovere, duca di Urbino e, in seconde nozze, l'arciduca Leopoldo V d'Austria

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Vannucci, Le donne di casa Medici, Newton Compton Editori, Roma 1999, ristampato nel 2006 ISBN 88-541-0526-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Granduchessa di Toscana Successore Coat of arms of the Grand Duchy of Tuscany (1562-1737).svg
Giovanna d'Austria 15891609 Maria Maddalena d'Austria

Controllo di autorità VIAF: 64816933 LCCN: n88069098