Andrea Maffei (poeta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Andrea Maffei
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Andrea Maffei
Luogo nascita Molina di Ledro
Data nascita 19 aprile 1798
Luogo morte Milano
Data morte 27 novembre 1885
Data 1879

Andrea Maffei (Molina di Ledro, 19 aprile 1798Milano, 27 novembre 1885) è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Discepolo di Vincenzo Monti, fece parte della corrente letteraria classicista del XIX secolo.

Fu nominato senatore del regno d'Italia nel 1879.

Conseguita la laurea in giurisprudenza si spostò per alcuni anni a Verona, poi a Venezia e infine a Milano, dove sposò la contessa Clara Spinelli, animatrice del celebre Salotto Maffei. Per interessamento dello zio Giuseppe ottenne un posto presso il tribunale criminale della città meneghina. Prima delle nozze, e anche dopo, fu un punto di riferimento dell'alta società milanese, dove la propria avvenenza e alcuni atteggiamenti da dandy fecero la sua fortuna presso alcune dame dell'aristocrazia. Era un frequentatore abituale di salotti, caffè e teatri, con la dipendenza dal gioco d'azzardo, che gli fece accumulare una ingente somma di debiti.[1]

Buon conoscitore delle lingue straniere, tradusse in italiano molti capolavori delle letteratura tedesca e inglese; in particolare il teatro di Schiller, Otello e La tempesta di Shakespeare, molte opere di Goethe, tra cui Faust, e il Paradiso perduto di Milton.

Nelle sue traduzioni cercò di adattare il pensiero originale dell’autore a quello del pubblico di lettori italiani.

Non fu soltanto un traduttore ma anche poeta. Per Giuseppe Verdi scrisse il libretto de I masnadieri, tratto da Schiller, e intervenne sul libretto di Francesco Maria Piave per il Macbeth. Scrisse inoltre versi di ispirazione montiana.

Il Maffei intrattenne importanti rapporti con molti uomini di spicco della sua cultura contemporanea: fra gli altri Vincenzo Monti, Antonio Rosmini, Gino Capponi, Mario Rapisardi, Giovanni Prati, Carlo Tenca, Giuseppe Verdi, il pittore Francesco Hayez, gli scultori Vela e Dupre. Nel salotto della sua casa milanese transitarono ospiti quali Liszt, Stendhal, e altri protagonisti della cultura europea. Nel 1879, su pressione di Benedetto Cairoli, Andrea Maffei venne nominato senatore del Regno e partecipò alla vita politica italiana.

Dalla metà dell'Ottocento egli visse frequentemente a Riva del Garda, dove frequentò la villa della sua pupilla Francesca Lutti e organizzò la propria ricca collezione d'arte.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Gli Idillj di Gessner. Traduzione poetica del cav. A. Maffei, Parte I, Milano, G. Pirotta, 1818
  • Idilli di Gessner. [Traduzione] del cav. A. Maffei, Seconda edizione accresciuta, Venezia, Picotti, 1820
  • La sposa di Messina. Tragedia di F. Schiller. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, A. Fontana, 1827
  • Maria Stuarda. Tragedia di F. Schiller. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, Editori degli Annali Universali, 1829
  • La preghiera, Milano, Fontana, 1829
  • La vergine d'Orleans. Tragedia romantica di F. Schiller. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, Editori degli Annali Universali, 1830
  • Studi poetici del cav. A. Maffei, Milano, A. Fontana, 1831
  • Guglielmo Tell. Tragedia di F. Schiller. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, Editori degli Annali Universali, 1835
  • Gli amori degli angeli. Poema di Tommaso Moore. 1. traduzione italiana del cav. A. Maffei, Livorno, Bertani e Antonelli, 1836
  • Canti orientali di Tommaso Moore. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, f.lli Ubucini, 1836
  • I masnadieri (Teatro Her Majesty di Londra, 22 luglio 1847) - Melodramma tragico in quattro parti di Andrea Maffei, musica di Giuseppe Verdi
  • David Riccio. Dramma in 2 atti con prologo. Poesia di A. Maffei, musica di Vinc. Capecelatro, da rappresentarsi nell'I.R. Teatro alla Scala il carnovale 1850, Milano, Valentini, 1849
  • Macbeth. Melodramma in quattro parti, musica del maestro Giuseppe Verdi, da rappresentarsi al Teatro Carcano, Milano, G. Ricordi, 1850
  • Cabala ed amore. Dramma di F. Schiller, Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, Pirola, 1852
  • Caino. Mistero di Lord Byron. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, Luigi di Giacomo Pirola, 1852
  • Cielo e terra. Mistero di Lord Byron. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, G. Gnocchi, 1853
  • La congiura del Fiesco. Tragedia di F. Schiller. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, Luigi di G. Pirola, 1853
  • Parisina. Poema di Lord Byron. Traduzione del cav. A. Maffei, Milano, G. Gnocchi, 1853
  • Le satire e le epistole di Boileau, tradotte da A. Maffei, Firenze, Volpato, [dopo il 1853]
  • Dal Benaco. Versi di A. Maffei, Milano, G. Gnocchi, 1854
  • Il paradiso perduto, poema di Giovanni Milton. Traduzione del cav. A. Maffei, Torino, Unione Tipografica Editrice, 1857
  • Poesie varie di A. Maffei, Milano, f.lli Ubicini, 1859
  • Struensee. Tragedia in cinque atti di Michele Beer, tradotta per le scene italiane da A. Maffei, Milano, Tito di Gio. Ricordi, [pref. 1863]
  • Arminio e Dorotea di Volfango Goethe. Traduzione di A. Maffei, Milano, Bernardoni, 1864
  • Arte, affetti, fantasie. Liriche di A. Maffei, Firenze, Le Monnier, 1864
  • Fausto. Tragedia di Wolfango Goethe. Traduzione di A. Maffei, Firenze, succ. Le Monnier, 1866
  • Misteri e novelle di Lord Byron; traduzioni di Andrea Maffei Firenze : Successori Le Monnier, 1868
  • Guglielmo Ratcliff. Tragedia di Enrico Heine; traduzione di A. Maffei, Milano, a spese della ditta G. Molinari, 1875
  • È morto il re! Versi di A. Maffei, Firenze, succ. Le Monnier, 1878
  • Liriche di A. Maffei, Firenze, succ. Le Monnier, 1878
  • L'ode a Pirra di Orazio, tradotta da A. Maffei, con commenti di Giovanni Prati, [S.l. : s.n., 1880?]
  • Affetti di A. Maffei, Milano, U. Hoepli, 1885
  • Ghirlanda per una sposa. Versi, Perugia, Boncompagni, 1886
  • Poeti tedeschi : Schiller, Goethe, Gessner, Klopstok, Zedliz, Pirker. Traduzioni di A. Maffei, Firenze, succ. Le Monnier, 1901

Intitolazioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Frequentava in particolare il Caffè Martini, vicino alla Scala; D. Pizzagalli, L'amica. Clara Maffei e il suo salotto nel Risorgimento, Milano 2004, p. 6

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. De Gubernatis, Andrea Maffei, in Ricordi biografici, Firenze, 1872.
  • G.P. Molmenti, Andrea Maffei, in Nuove impressioni letterarie, Torino, 1879.
  • F. Ambrosi, Scrittori ed artisti trentini, Trento, 1894.
  • E. Nencioni, Andrea Maffei, in Saggi critici di letteratura italiana, Firenze, 1898.
  • E. Benvenuti, Andrea Maffei poeta originale e traduttore, in Pro cultura, Trento,1911.
  • G. Mazzoni, L'Ottoceno, Milano, 1913.
  • C. De Lollis, Saggi sulla forma poetica italiana dell'Ottocento, Bari, 1929.
  • B. Croce, La letteratura della nuova Italia. Saggi critici,V, Bari, 1957.
  • L.Baldacci-G.Innamorati, Poeti minori dell'800, I,II, Milano-Napoli, 1963.
  • V. Cisotti, Schiller e il melodramma di Verdi, Firenze, 1975.
  • M. Marri Tonelli, Andrea Maffei, il traduttore dell'Ottocento, in Goethe: il viaggio in Italia e i grandi traduttori del Garda trentino, Comunità del Garda, 1986.
  • L'Ottocento di Andrea Maffei (catalogo della mostra), con contributi di: M.Marri Tonelli, P.M.Filippi, G.Riccadonna, A.Foletto, F.Mazzocca, B.Cinelli, C.Oradini. Museo di Riva del Garda, 1987.
  • B.Cetti Marinoni, Andrea Maffei germanista e operatore culturale, in Il Lombardo-Veneto 1814-1859, storia e cultura, Udine, 1996.
  • M. Marri Tonelli, Andrea Maffei e il giovane Verdi, Museo di Riva del Garda, 1999.
  • P.M. Filippi, Musica e letteratura. Tradurre. Un'esperienza multipla: Heine, Maffei, Mascagni, in "Quattroequaranta",V, Trento, 2000.
  • P.M. Filippi, Andrea Maffei traduttore di F. Grillparzer, in Rovereto, il Tirolo, l'Italia..., Atti del seminario di studio, Rovereto, 2001.
  • C.A. Pastorino, Andrea Maffei e il "mago" Verdi, in "Rassegna musicale italiana", VII(2001/02).
  • P. Ross, Der Dichter als Librettist: A. Maffeis Libretto zu Verdis "I Masnadieri", in Verdi e la letteratura tedesca, Atti del Convegno, Venezia, 1997.
  • F. Mazzocca, Andrea Maffei e il fascino esercitato da Milano sulla scena artistica trentina dell'Ottocento, in Il Secolo dell'Impero,(catalogo), Milano, 2004.
  • M. Marri Tonelli, Andrea Maffei, in Dizionario biografico degli italiani, Volume 67, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2007.
  • I. Meloni, Andrea Maffei mediatore tra Schiller e Verdi, in Atti della Accademia Roveretana degli Agiati, Rovereto, 2007.
  • M. Marri Tonelli, " Quando la letteratura incontra il Risorgimento. Andrea Maffei e le spoglie di Ugo Foscolo, Museo Alto Garda, 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 32798376 LCCN: n83013976 SBN: IT\ICCU\CFIV\109099