Aaron Curry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aaron Curry
Aaron Curry Fort Lewis June 25, 2009.jpg
Curry nel 2009.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 116 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Outside linebacker
Ritirato 2013
Carriera
Giovanili
Stemma Wake Forest Demon Deacons Wake Forest Demon Deacons
Squadre di club
2009 - 2011 Stemma Seattle Seahawks Seattle Seahawks
2011 - 2012 Stemma Oakland Raiders Oakland Raiders
2013* Stemma New York Giants New York Giants *pre-stagione
Statistiche aggiornate al 28 agosto 2013

Aaron Curry (Fayetteville, 6 aprile 1986) è un ex giocatore di football americano statunitense che ha giocato nel ruolo di outside linebacker nella National Football League (NFL). Fu scelto quarto assoluto nel Draft NFL 2009 dai Seattle Seahawks. Al college giocò a football alla Wake Forest University.

Carriera universitaria[modifica | modifica sorgente]

Al college, Curry giocò gon i Wake Forest Demon Deacons in 51 partite, di cui 49 come titolare.

Riconoscimenti vinti:

  • First-team All American (2008).
  • First-team All-Atlantic Coast Conference (2008).
  • Second-team All-Atlantic Coast Conference (2007).
  • Freshman All American secondo Sporting News (2005).
  • Freshman All-Atlantic Coast Conference secondo Sporting News (2005).

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Seattle Seahawks[modifica | modifica sorgente]

Curry fu scelto al primo giro del Draft 2009 dai Seattle Seahawks[1]. L' 8 agosto 2009 firmò un contratto di 6 anni per 60 milioni di dollari di cui 34 milioni garantiti.

Debuttò nella NFL il 13 settembre 2009 contro i St. Louis Rams. Il 27 settembre contro i Chicago Bears fece il suo primo sack in carriera e il suo primo fumble forzato su Jay Cutler. L'11 ottobre 2009 contro i Jacksonville Jaguars totalizzò il record in carriera di 10 tackle, fece il suo secondo sack e procurò ancora una volta un fumble su David Garrard.

Il 14 novembre 2010 contro gli Arizona Cardinals fece due sack e forzò un fumble su Derek Anderson.

Nella stagione 2011 rientrò meno nei piani della squadra e il 12 ottobre venne ceduto agli Oakland Raiders.

Oakland Raiders[modifica | modifica sorgente]

I Raiders per averlo cedettero la 7a scelta del draft NFL 2012 e la 5a scelta del draft NFL 2013. Il 13 ottobre firmò un contratto di due anni per un totale di 6,07 milioni di dollari. Dopo 3 giorni debuttò con i Raiders. Il 20 novembre contro i Minnesota Vikings recuperò il suo primo fumble in carriera. Il 18 dicembre contro i Detroit Lions fece il suo primo touchdown di 6 yard su un fumble recuperato.

Il 10 marzo 2012 ristrutturò il suo contratto, firmò un quinquiennale per un totale di 16,5 milioni di cui 1,885 di bonus e 2,5 milioni garantiti. Durante il ritiro estivo dovette sottoporsi a un intervento curativo ad entrambe le ginocchia. Saltò interamente la pre-season e venne inserito sulla lista di chi sta recuperando da un infortunio. Il 17 ottobre ritornò ad allenarsi per la prima volta. Il 6 novembre venne reinserito nel roster ufficiale della squadra. Il 20 dello stesso mese venne svincolato dopo non aver raggiunto i risultati sperati.

New York Giants[modifica | modifica sorgente]

Il 10 maggio 2013, Curry firmò un contratto annuale coi Giants[2]. Il 26 agosto 2013 fu svincolato[3].

Il 28 agosto 2013, Curry annunciò il proprio ritiro tramite il proprio account su Twitter[4].

Vittorie e premi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Partite totali 48
Partite da titolare 39
Tackle totali 203
Sack 5,5
Intercetti 0
Fumble forzati 4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 2009 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 28 settembre 2012.
  2. ^ (EN) Aaron Curry, New York Giants strike one-year contract, BFL.com, 10 maggio 2013. URL consultato il 10 maggio 2013.
  3. ^ (EN) Braylon Edwards, Josh Cribbs among early releases, NFL.com, 26 agosto 2013. URL consultato il 26 agosto 2013.
  4. ^ (EN) Aaron Curry retires from NFL after four seasons, NFL.com, 28 agosto 2013. URL consultato il 28 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]