Brian Bosworth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brian Bosworth
Brian Bosworth.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 112 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Linebacker
Ritirato 1989
Carriera
Giovanili
1984-1986 Stemma Oklahoma Sooners Oklahoma Sooners
Squadre di club
1987-1989 Stemma Seattle Seahawks Seattle Seahawks
Statistiche aggiornate al 17 novembre 2013

Brian Keith Bosworth (Oklahoma City, 9 marzo 1965) è un attore ed ex giocatore di football americano statunitense che ha giocato nel ruolo di linebacker per i Seattle Seahawks della National Football League (NFL). Al college giocò a football all'Università dell'Oklahoma. Divenne famoso per la sua personalità estroversa, i controversi commenti sulla NCAA, le bizzarre acconciature e i rischiosi stunt a Hollywood.

Carriera nel football[modifica | modifica wikitesto]

Seattle Seahawks[modifica | modifica wikitesto]

Prima di entrare nel Draft supplementare del 1987, Bosworth mandò lettere a diverse squadra della NFL affermando che, se lo avessero scelto, non si sarebbe presentato al loro training camp e non avrebbe giocato per loro. Come scherzo, i Tacoma Stars della Major Indoor Soccer League lo scelsero nel dodicesimo giro del draft 1987, col general manager che affermò di averlo scelto: "non aveva ricevuto alcuna lettera che dicesse che non avrebbe giocato per loro".

Bosworth fu scelto dai Seahawks nel Draft supplementare del 1987 e con essi firmò il più ricco contratto della storia della squadra e il maggiore contratto della storia per un rookie della NFL all'epoca: 10 anni per 11 milioni di dollari. Dopo essere stato scelto dai Seahawks, Bosworth fece causa alla NFL per avere diritto di indossare il numero 44 (che indossava al college) e i Seahawks fecero una petizione per cambiare le regole, poiché la NFL impediva ai linebacker di indossare numeri dal 40 in su, ma senza successo. Bosworth alla fine optò per il numero 55 di maglia[1].

Bosworth firmò con la squadra di Seattle che non era riuscita raggiungere i playoff nelle ultime due stagioni (un record di 10-6 nel 1986 fu sufficiente solo per arrivare terza nella AFC West). Disputò 12 gare nella sua stagione da rookie, giocando bene nella maggior parte di esse, ma diventando noto per la sua personalità sopra le righe. Prima dell'inizio della prima gara della stagione, contro i Denver Broncos, Bosworth provocò il quarterback di Denver John Elway. 10.000 tifosi di Denver indossarono magliette da 15 dollari con la squadra "BAN THE BOZ" ("Squalificate Boz") senza sapere che quelle magliette erano prodotte dalla compagnia di Bosworth[1].

Prima di una gara del Monday Night Football del 1987 contro i Los Angeles Raiders, i Seahawks avevano già battuto i loro rivali di division una volta in quella stagione, quando Bosworth insultò il running back rookie Raiders Bo Jackson e promise nella conferenza stampa precedente all'evento che lo precedeva che avrebbe contenuto l'avversario. Avendo debuttato solo quattro settimane prima, Jackson aveva giocato in maniera notevole ma i Raiders avevano sempre perso.

Bosworth tuttavia non riuscì a mantenere la promessa, con Jackson che finì col correre 221 yard e segnare 3 touchdown. Nel parte iniziale della gara, Bosworth si trovò uno-contro-uno con Jackson nei pressi della goal line ma non riuscì a fermare e Bo segnò il primo dei suoi tre TD.

Bosworth fu costretto a ritirarsi dopo due sole stagioni nel 1989, a causa di un infortunio alla spalla subito nella stagione precedente. Il medico della squadra Pierce E. Scranton Jr. spiegò che "Brian era un venticinquenne con le spalle di un sessantenne."

Ricordato per la sua carriera professionistica che rispettò mai le grandi attese riposte su di lui, Bosworth fu classificato al sesto posto tra i peggiori flop degli ultimi 25 anni da ESPN nel 2004 e al numero tre tra le peggiori scelte del draft da NFL Network. Nel secondo caso, Bosworth fu l'unico giocatore che accettò di essere intervistato per quel programma. Uno dei suoi contemporanei, Matt Millen, difese Bosworth, dicendo di ricordare un eccellente linebacker, che fu solo rallentato dagli infortuni e che molte persone lo ricordano solo per quella gara nel Monday Night Football contro i Raiders, in cui Millen giocava per Los Angeles.

Bosworth fece un'apparizione durante il commento di un Monday Night Football tra Seattle Seahawks e Oakland Raiders il 6 novembre 2006. Durante quella discussione, asserì di non avere rimpianti riguardo alla sua carriera nel football ma che avrebbe voluto che lui e Bo Jackson potessero avere avuto carriera più lunghe. Inoltre disse di pensare che lui e Jackson avrebbero potuto sviluppare una buona rivalità se avessero potuto giocare di più.

Vittorie e premi[modifica | modifica wikitesto]

1985, 1986

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 24
Sack 4,0
Fumble recuperati 3

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Ruolo Regista
1991 Forza d'urto Joe Huff / John Stone Craig R. Baxley
1995 One Man's Justice John North Kurt Wimmer
1996 Spill Ken Fairchild Allan A. Goldstein
1997 Blackout John Gray/Wayne Garret Allan A. Goldstein
1998 Back in Business Joe Elkhart Philippe Mora
1999 Three Kings Action Star David O. Russell
2000 The Operative Alec/Grady Robert Lee
2001 Phase IV Detective Steven Birnam Bryan Goeres
2002 Mach 2 Captain Jack Tyree Fred Olen Ray
2005 L'altra sporca ultima meta Guard Garner Peter Segal
2009 Rock Slyde The Friendly Pirate Chris Dowling
2010 Blue Mountain State (Stagione 2 Ep. 3) Sé stesso Falconer. Romanski
2010 Down and Distance John Vonarb Brian J. De Palma
2013 Revelation Road: The Beginning of the End Hawg Gabriel Sabloff
2014 The Expendables 3 Stone Cold Patrick Hughes

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) 300 Pounds of Attitude: The Wildest Stories and Craziest Characters the NFL Has Ever Seen. URL consultato il 17 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]