Max Unger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Max Unger
Max Unger.jpg
Unger nel 2013.
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 138 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centro/Guardia
Squadra Stemma Seattle Seahawks Seattle Seahawks
Carriera
Giovanili
Stemma Oregon Ducks Oregon Ducks
Squadre di club
2009- Stemma Seattle Seahawks Seattle Seahawks
Palmarès
Super Bowl 1
Selezioni al Pro Bowl 2
All-Pro 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 25 aprile 2014

Maxwell McCandless Unger (Kailua-Kona, 14 aprile 1986) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di centro per i Seattle Seahawks della National Football League. Alle scuole superiori giocò a football alla Hawaii Preparatory Academy a Kamuela, Hawaii ed al college alla University of Oregon.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Seattle Seahawks[modifica | modifica wikitesto]

Max Unger fu scelto dai Seahawks nel corso del secondo giro del Draft NFL 2009. Egli firmò un contratto quadriennale del valore di 3 milioni di dollari il 29 luglio 2009. Dopo la pre-stagione, il capo-allenatore Jim L. Mora disse: "Crediamo sia pronto per essere titolare e diventare subito un giocatore produttivo in questa lega". Unger fu nominato guardia sinistra titolare al posto di Mansfield Wrotto[1]. Nella sua stagione da rookie giocò tutte e 16 le partite da titolare, divenendo il primo rookie della linea offensiva a partire in tutte le partite dall'inizio dai tempi di Ray Roberts nel 1992[2]. Le prime 13 gare iniziò da guardia sinistra prima di essere spostato al centro nelle 3 gare finali.

Nella stagione 2010 partì da titolare nella prima gara della stagione contro i San Francisco 49ers il 12 settembre nel ruolo di guardia sinistra, prima di lasciare la partita per un infortunio che lo tenne fuori per tutta la stagione. Il 14 settembre fu messo in lista infortunati.

Ristabilitosi dall'infortunio, tornò nella stagione 2011 giocando tutte le partite tranne una e partendo sempre come titolare.

Il 26 dicembre 2012, Unger fu convocato per il primo Pro Bowl in carriera[3] e il 12 gennaio 2013 fu inserito nel First-team All-Pro[4]. La sua stagione si concluse disputando tutte le 16 partite come titolare, oltre alle due gare dei Seahawks nei playoff. A fine anno fu classificato al numero 95 nella classifica dei migliori cento giocatori della stagione[5].

Nella stagione 2013, Unger fu costretto a saltare le settimane 4 e 5 per un infortunio a un braccio e la gara della settimana 10 per una commozione cerebrale subita nel turno precedente. Il 27 dicembre fu premiato con la seconda convocazione al Pro Bowl in carriera[6]. Il 2 febbraio 2014, nel Super Bowl XLVIII contro i Denver Broncos, Unger partì come titolare, in una gara che Seattle dominò dall'inizio alla fine della partita, laureandosi campione NFL[7][8].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Franchigia[modifica | modifica wikitesto]

Seattle Seahawks: Super Bowl XLVIII
Seattle Seahawks: 2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2012, 2013
2012

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 61
Partite totali da titolare 61

Statistiche aggiornate alla stagione 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) "Seahawks still undecided on kicker".
  2. ^ (EN) Players: Max Unger.
  3. ^ (EN) 2013 Pro Bowl rosters, NFL.com, 26 dicembre 2012. URL consultato il 27 dicembre 2012.
  4. ^ (EN) All-Pro Team headlined by Adrian Peterson, J.J. Watt, NFL.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  5. ^ (EN) Top 100 Players of 2013, NFL.com, 25 aprile 2013. URL consultato il 28 aprile 2013.
  6. ^ (EN) 2014 Pro Bowl: Complete rosters, NFL.com, 27 dicembre 2013. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  7. ^ (EN) Seahawks crush Broncos for first Super Bowl win, NFL.com, 2 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  8. ^ (EN) Super Bowl, la difesa annienta Manning, Seattle stravince: campione per la prima volta, La Repubblica, 3 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]