Vengeance (2006)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da WWE Vengeance 2006)
Vengeance (2006)
Colonna sonora "Victim" degli Eighteen Visions
Prodotto da WWE
Brand Raw
Data 25 giugno 2006
Sede Charlotte Bobcats Arena
Città Charlotte, Carolina del Nord
Spettatori 6.800
Cronologia pay-per-view
ECW One Night Stand (2006) Vengeance (2006) The Great American Bash (2006)
Progetto Wrestling

Vengeance (2006) è stata la sesta edizione dell'omonimo evento in pay-per-view prodotto dalla World Wrestling Entertainment (WWE). L'evento, appartenente al roster di Raw, si svolse il 25 giugno 2006 alla Charlotte Bobcats Arena di Charlotte, Carolina del Nord.

Nonostante l'evento appartenesse al roster di Raw, esso ha visto la partecipazione anche di tre wrestler del roster ECW: l'ECW World Champion e WWE Champion Rob Van Dam, Sabu e Kurt Angle.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata della ECW del 13 giugno 2006 Rob Van Dam venne premiato con l'ECW World Championship dal General Manager Paul Heyman, rendendo di fatto Van Dam un doppio campione, dato che deteneva anche il WWE Championship. La celebrazione di Van Dam, però, venne interrotta dal contendente n°1 al WWE Championship Edge e dalla sua ragazza Lita, il quale colpì il campione con una Spear. Nella puntata di Raw del 19 giugno Edge sconfisse Ric Flair ma, nel post match, venne attaccato da Van Dam. Nella puntata della ECW del 20 giugno Van Dam e Kurt Angle sconfissero Edge e Randy Orton, con Van Dam che schienò Edge dopo una Five Star Frog Splash. Un match tra Rob Van Dam e Edge per il WWE Championship venne dunque sancito per Vengeance.

Il 30 aprile, a Backlash, Shawn Michaels e "God" vennero sconfitti da Vince McMahon e suo figlio Shane in un No Holds Barred match grazie all'aiuto della Spirit Squad (Johnny, Kenny, Mikey, Mitch, Nicky). Nella puntata di Raw del 22 maggio la Spirit Squad attaccò Michaels, infortunandolo al ginocchio (kayfabe). A quel punto, Vince McMahon ordinò a Triple H di colpire Michaels con il suo sledgehammer ma questi, invece, colpì l'intera Spirit Squad. Due settimane dopo, a Raw, Vince McMahon forzò Triple H a combattere in un Gauntlet match contro l'intera Spirit Squad; Triple H non riuscì a reggere lo sforzo ma venne aiutato da Michaels, e i due riformarono la D-Generation X (quattro anni dopo il loro ritorno nel 2002). In seguito a ciò, Vince McMahon annunciò che a Vengeance Triple H e Shawn Michaels avrebbero affrontato la Spirit Squad in un 5-on-2 Handicap match. Nella puntata di Raw del 19 giugno la D-Generation X annunciò ufficialmente il suo ritorno lanciando addosso alla Spirit Squad della vernice verde, umiliandola.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Risultati Stipulazioni Durata
Dark Val Venis ha sconfitto Rob Conway Single match N/A
1 Randy Orton ha sconfitto Kurt Angle1 Single match 12:50
2 Umaga (con Armando Alejandro Estrada) ha sconfitto Eugene (con Jim Duggan, Doink the Clown e Kamala) Single match 01:26
3 Ric Flair ha sconfitto Mick Foley per 2-0 2-out-of-3 Falls match 07:32
4 Johnny Nitro (con Melina) ha sconfitto Shelton Benjamin (c) e Carlito Triple Threat match per il WWE Intercontinental Championship 12:01
5 Rob Van Dam1 (c) ha sconfitto Edge (con Lita) Single match per il WWE Championship 17:55
6 Imposter Kane ha sconfitto Kane Single match 07:00
7 John Cena ha sconfitto Sabu1 per sottomissione Extreme Rules Lumberjack match[1] 06:38
8 D-Generation X (Triple H e Shawn Michaels) ha sconfitto The Spirit Squad (Johnny, Kenny, Mikey, Mitch, Nicky) 5-on-2 Handicap match 17:45

1 Appartenente al roster ECW.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling