Superstition (Stevie Wonder)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Superstition
ArtistaStevie Wonder
Tipo albumSingolo
Pubblicazione24 ottobre 1972
Durata4:26[1]
Album di provenienzaTalking Book
GenereFunk
EtichettaTamla
ProduttoreStevie Wonder[1]
ArrangiamentiStevie Wonder
Certificazioni originali
Dischi d'oroDanimarca Danimarca[3]
(vendite: 45 000+)
Dischi di platinoRegno Unito Regno Unito (2)[4]
(vendite: 1 200 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi di platinoItalia Italia[2]
(vendite: 50 000+)
Stevie Wonder - cronologia
Singolo precedente
Keep on Running
(1972)

Superstition è una canzone scritta nel 1972 da Stevie Wonder[1], e registrata da Wonder per l'album Talking Book, da cui fu estratta come primo singolo. Il brano fu prodotto dallo stesso Wonder[1].

Il brano nel 1973 vinse il Grammy Award alla miglior canzone R&B ed il Grammy Award per "Best R&B Vocal Performance, Male".

Nel novembre 2004 la rivista Rolling Stone ha classificato il brano alla posizione 74 della lista delle 500 migliori canzoni della storia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Wonder aveva scritto originariamente Superstition per Jeff Beck, ma l'insistenza del suo manager lo convinse a registrare egli stesso il brano, mentre a Beck fu offerto Cause We've Ended As Lovers, benché in seguito anche lui registrò una cover di Superstition.

Superstition rappresentò per Wonder un netto cambiamento rispetto ai brani che aveva registrato fino a quel momento, passando dal tipico pop della Motown ad uno stile più personale, che permeerà tutti i suoi lavori a venire.

La canzone parla delle superstizioni[5], e menziona numerose credenze popolari nel testo:

Thirteen-month-old baby
Broke the looking glass
Seven years of bad luck
The good things in your past
Un neonato di tredici mesi
ha rotto lo specchio
Sette anni di sfortuna
le cose belle sono nel tuo passato

Il ritornello inoltre contiene alcuni consigli:

When you believe in things
That you don't understand
Then you suffer
Superstition ain't the way
Quando credi in cose
che non capisci
allora soffri
la superstizione non è la soluzione

La caratteristica batteria che dà inizio al brano, fu suonata da Stevie Wonder, mentre il sassofono da Trevor Laurence. I suoni riprodotti dal sintetizzatore furono creati da Malcolm Cecil e Robert Margouleff.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

7" Single Tamla Motown 006-94 0131972[1]
  1. Superstition - 4:09
  2. You've Got It Bad Girl - 4:52
7" Single Motown 006-62 8461979[1]
  1. Superstition - 3:57
  2. I Was Made To Love Her - 2:35

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli altri artisti ad aver registrato una cover del brano si possono citare Melvin Van Peebles, Raven-Symoné, Stevie Ray Vaughan, Widespread Panic, Quincy Jones, Jonas Brothers con Jordin Sparks, o Fred Bongusto. Alicia Keys ha campionato il brano in Karma (Karmastition Remix). Il brano è eseguito da Noemi durante i suoi tour a partire dal Sulla mia pelle tour, durante il RossoLive tour è eseguito in una versione duetto tra Noemi e Sarah Jane Morris. Nel 1993 Francesca Pettinelli realizza una cover per la compilation Non è la Rai 2 (RTI Music).

Utilizzo del brano nei media[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei primi film in cui venne utilizzata Superstition nella colonna sonora fu La cosa diretto da John Carpenter. La canzone fu inserita nella versione cinematografica (theatrical version); invece nell'uscita del VHS, per questioni di diritti, fu sostituita con One chain don't make no prison dei Four Tops. Venne ripristinato il brano di Wonder nell'edizione DVD e Blu Ray.[6] Nel film il brano viene trasmesso da una radio e se ne sente un frammento in una scena del film. Nel film di Wes Craven Vampiro a Brooklyn, la canzone accompagna i titoli di coda. La canzone compare anche in Io, robot con Will Smith, Io ballo da sola di Bernardo Bertolucci e La casa dei fantasmi con Eddie Murphy. Il brano ha inoltre accompagnato gli spot pubblicitari della Levi's trasmessi negli Stati Uniti nel 2006.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1972-73) Posizione
più alta
U.S. Billboard Hot 100[7] 1
U.S. R&B Chart[7] 1
Regno Unito 11[8]
Paesi Bassi 10[1]
Italia 13[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Stevie Wonder - Superstition, italiancharts.com. URL consultato il 14 settembre 2014.
  2. ^ Superstition (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  3. ^ (EN) Superstition, IFPI Danmark. URL consultato il 17 luglio 2019.
  4. ^ (EN) Superstition, British Phonographic Industry. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  5. ^ Maury Dean, Rock N' Roll Gold Rush, Algora, 2003, p. 276, ISBN 0-87586-207-1.
  6. ^ (EN) "IMDB, The Thing", su imdb.com.
  7. ^ a b All music.com Stevie Wonder Charts & Awards
  8. ^ Charts Stats - Stevie Wonder
  9. ^ I singoli più venduti del 1973

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica