The Woman in Red (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Woman in Red
ArtistaStevie Wonder
Tipo albumColonna sonora
Pubblicazione28 agosto 1984
Durata41:19
Dischi1
Tracce8
GenereSynth pop[1]
Pop soul[2]
Contemporary R&B[3]
Colonna sonora[1][3][2]
EtichettaMotown
ProduttoreStevie Wonder, Gary Olazabal (Co-produttore)
ArrangiamentiStevie Wonder
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[4]
(vendite: 250 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[5]
(vendite: 50 000+)
Portogallo Portogallo[6]
(vendite: 70 000+)
Spagna Spagna[7]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platinoCanada Canada (2)[8]
(vendite: 200 000+)
Finlandia Finlandia[9]
(vendite: 53 626+)
Giappone Giappone[10]
(vendite: 250 000+)
Hong Kong Hong Kong[11]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito[12]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[13]
(vendite: 1 000 000+)
Stevie Wonder - cronologia
Album successivo
(1985)

The Woman in Red è un album di Stevie Wonder, pubblicato dalla Motown nel 1984. L'album è la colonna sonora del film La signora in rosso diretto da Gene Wilder. Nonostante sia una colonna sonora, progetto marginale rispetto all'opus di Wonder, il disco contiene quello che, probabilmente, è il brano più conosciuto dell'intera carriera dell'artista: I Just Called to Say I Love You.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Stevie Wonder

  1. The Woman In Red 4:39
  2. It's You (con Dionne Warwick) 4:55
  3. It's More Than You 3:15
  4. I Just Called to Say I Love You (album version) 6:16
  5. Love Light in Flight 6:54
  6. Moments Aren't Moments (con Dionne Warwick) 4:32
  7. Weakness (con Dionne Warwick) 4:13
  8. Don't Drive Drunk 6:33

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1984) Posizione
Australia[14] 51
Austria[23] 24
Canada[24] 19
Italia[19] 5
Paesi Bassi[25] 27
Regno Unito[26] 30
Spagna[21] 6
Classifica (1985) Posizione
Giappone[27] 49
Spagna[21] 5
Stati Uniti[28] 53

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stevie Wonder-I just Called To Say I Love You, su discogs.com.
  2. ^ a b The Woman In Red, su rateyourmusic.com.
  3. ^ a b The Woman In Red, su allmusic.com.
  4. ^ (DE) Stevie Wonder - The Woman in Red – Gold-/Platin-Datenbank, su Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 4 maggio 2016.
  5. ^ (NL) Goud/Platina, su nvpi.nl, Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers. URL consultato il 4 maggio 2016.
  6. ^ (EN) Fourth-Quarter Upturn in Portugal (PDF), in Billboard, vol. 97, n. 9, 2 marzo 1985, p. 71. URL consultato il 5 maggio 2020.
  7. ^ (ES) Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1979–1990, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  8. ^ (EN) The Woman in Red – Gold/Platinum, su Music Canada. URL consultato il 4 maggio 2016.
  9. ^ (FI) Stevie Wonder, su ifpi.fi, Musiikkituottajat. URL consultato il 4 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2019).
  10. ^ a b (EN) Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970–2005, Roppongi, Tokyo, Oricon Entertainment, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  11. ^ (EN) IFPIHK Gold Disc Award − 1985, su ifpihk.org, IFPI Hong Kong. URL consultato il 4 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2012).
  12. ^ (EN) The Woman in Red, su British Phonographic Industry. URL consultato il 4 maggio 2016.
  13. ^ (EN) Stevie Wonder - The Woman in Red – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 4 maggio 2016.
  14. ^ a b (EN) David Kent, Australian Chart Book 1970–1992, Australian Chart Book, St Ives, N.S.W, 1993, ISBN 0-646-11917-6.
  15. ^ a b c d e f g (NL) Soundtrack / Stevie Wonder - The Woman In Red, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  16. ^ (EN) Top Albums - November 24, 1984, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  17. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  18. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, su infodisc.fr, InfoDisc. URL consultato il 12 gennaio 2019. Selezionare "Stevie WONDER" e premere "OK".
  19. ^ a b Gli album più venduti del 1984, su hitparadeitalia.it, Hit Parade Italia. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  20. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 16 September 1984 - 22 September 1984, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  21. ^ a b c (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spagna, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  22. ^ a b (EN) Stevie Wonder – Chart history, su Billboard. URL consultato il 12 gennaio 2019. Cliccare sulla freccia all'interno della casella nera per visualizzare le varie classifiche.
  23. ^ (DE) Jahreshitparade 1984, su austriancharts.at. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  24. ^ (EN) Top 100 Albums of 1984, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  25. ^ (NL) Dutch charts jaaroverzichten 1984, su dutchcharts.nl, Dutch Charts. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  26. ^ (EN) Complete UK Year-End Album Charts, su chartheaven.9.forumer.com. URL consultato il 12 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2012).
  27. ^ (JA) 年間アルバムヒットチャート 1985年, su entamedata.web.fc2.com. URL consultato il 12 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2013).
  28. ^ (EN) 1985: Billboard 200 Albums, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 12 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]