Stazione di Piazza Euclide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Euclide
stazione ferroviaria
FERROVIA EX CONCESSA ROMA NORD3.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàRoma
Coordinate41°55′39.36″N 12°28′50.88″E / 41.9276°N 12.4808°E41.9276; 12.4808Coordinate: 41°55′39.36″N 12°28′50.88″E / 41.9276°N 12.4808°E41.9276; 12.4808
LineeRoma–Civitacastellana–Viterbo
Caratteristiche
TipoFermata sotterranea
Stato attualeIn uso
Attivazione1958
 
Mappa di localizzazione: Roma
Euclide
Euclide
Ferrovia Roma-Viterbo (servizio urbano)
White dot.svg  Montebello
White dot.svg  La Giustiniana
White dot.svg  Prima Porta
White dot.svg  La Celsa
White dot.svg  Labaro
White dot.svg  Centro Rai
White dot.svg  Saxa Rubra
White dot.svg  Grottarossa
White dot.svg  Due Ponti
White dot.svg  Tor di Quinto
White dot.svg  Monte Antenne
White dot.svg  Campi Sportivi
White dot.svg  Acqua Acetosa
White dot.svg  Euclide
Metropolitana di Roma A.svg  White dot.svg  Flaminio

La stazione di Euclide è una fermata ferroviaria di Roma posta sulla linea Roma–Civitacastellana–Viterbo gestita dall'ATAC. È l’unica fermata della linea ad essere sotterranea, essendo la stazione del Flaminio un terminale di superficie coperta.

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

La fermata si trova nel tratto urbano di Roma, in piazza Euclide, nel quartiere Pinciano, al confine con il quartiere Parioli; vi si accede da uno dei palazzi situati sulla piazza, all'angolo con via Civinini, di fronte alla chiesa Sacro Cuore Immacolato di Maria.

La denominazione dell'impianto, tecnicamente una fermata ferroviaria alla progressiva chilometrica 1+531, è "Stazione Euclide" come riportato sulle insegne visibili dalla piazza; tuttavia l'impianto in passato è stato indicato sugli orari ferroviari come "Roma P. Euclide"[1] o, in altra fonte, "p.za Euclide".

Si tratta di una delle fermate della linea che registrano maggiore traffico, sorgendo in una zona abitata e con un'elevata presenza di uffici. L'impianto è al servizio dei quartieri residenziali di Parioli e Pinciano. L'entrata è collocata all'interno di un palazzo all'incrocio tra Piazza Euclide e via Civinini e l'accesso alle banchine avviene tramite una prima rampa di scale che conduce al mezzanino, seguita da ulteriori due rampe che conducono alle due banchine laterali[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1947 l'amministrazione comunale di Roma richiese la costruzione di una fermata sulla tratta sotterranea della ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo, allora in corso di raddoppio. L'ubicazione prescelta fu quella di Piazza Euclide, che rappresentava un significativo nodo di traffico per i quartieri Flaminio e Parioli.

Il progetto fu approvato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici nel 1948 ma si dovette attendere fino al marzo 1952 per ottenere il decreto ministeriale di approvazione dello stesso. I lavori iniziarono dunque nel 1953 e la fermata fu attivata il 15 gennaio 1958[3].

Il costo dell'opera risultò di circa 500 milioni di Lire[1].

Durante l'estate del 2009 rimase chiusa per i lavori di ristrutturazione e potenziamento che interessarono l'intera tratta urbana; durante i circa 70 giorni di interruzione furono rialzate le banchine per ottenere l'incarrozzamento a raso ed eliminate le barriere architettoniche con l'installazione di montascale e la creazione di percorsi guidati riservati a persone con ridotta capacità visiva. Si procedette inoltre al rinnovo del sistema anti incendio ed alla posa in opera di un nuovo impianto di illuminazione.

Dintorni[modifica | modifica wikitesto]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone di:

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fermata autobus Fermata autobus ATAC

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La metropolitana a Roma, op. citata, p. 229-231.
  2. ^ Stazioni dal Mondo Archiviato il 15 ottobre 2009 in Internet Archive. URL visitata nel marzo 2013
  3. ^ Tramroma - La ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo 1932-1976

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Canevelli, La fermata sotterranea di Piazza Euclide della ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo, in "Trasporti Pubblici", Roma 1958.
  • Vittorio Formigari, Piero Muscolino, La metropolitana a Roma, Calosci, Cortona, 1983, pp. 210–245.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]