Stazione di La Celsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Celsa
stazione ferroviaria
La Celsa.jpeg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàRoma
Coordinate41°59′46.76″N 12°29′49.48″E / 41.996323°N 12.497077°E41.996323; 12.497077Coordinate: 41°59′46.76″N 12°29′49.48″E / 41.996323°N 12.497077°E41.996323; 12.497077
Lineeferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo
Caratteristiche
Tipofermata in superficie, passante
Stato attualeIn uso
Attivazione1950
Binari2
Ferrovia Roma-Viterbo (servizio urbano)
White dot.svg  Montebello
White dot.svg  La Giustiniana
White dot.svg  Prima Porta
White dot.svg  La Celsa
White dot.svg  Labaro
White dot.svg  Centro Rai
White dot.svg  Saxa Rubra
White dot.svg  Grottarossa
White dot.svg  Due Ponti
White dot.svg  Tor di Quinto
White dot.svg  Monte Antenne
White dot.svg  Campi Sportivi
White dot.svg  Acqua Acetosa
White dot.svg  Euclide
Metropolitana di Roma A.svg  White dot.svg  Flaminio

La stazione di La Celsa è una fermata ferroviaria posta sulla linea Roma–Civitacastellana–Viterbo. La fermata si trova nel tratto urbano di Roma ed è una fermata a richiesta.

Situata sulla via Flaminia, è stata ricostruita nel 2001[1], ed è stato creato un ampio parcheggio al suo fianco, usando lo spazio sotto il "Viadotto del Giubileo del 2000".

La stazione si trova nel Municipio XV tra le zone Labaro e Prima Porta, appena fuori il Grande Raccordo Anulare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione venne costruita come punto di diramazione per una nuova linea diretta al Cimitero Flaminio, che tuttavia non entrò mai in servizio. La stazione venne attivata nel 1950[2]. Prende il nome dal mausoleo presente nei dintorni.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Parcheggio di scambio Parcheggio tariffato con circa 120 posti.
  • Biglietteria Linee autobus ATAC di passaggio
    • Feriali e festive: 200
    • Notturne: n24
    • Solo sabato e festivi: C2 - C3 - C4 - C5 - C6 - C7

Dintorni[modifica | modifica wikitesto]

Nei suoi pressi si trova l'hotel Flaminius.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marcello Cruciani, Novità in Roma Nord, in I Treni, nº 237, maggio 2002, p. 29.
  2. ^ La ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo 1932-1976, Tramroma.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]