Stazione di Caprigliola-Albiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caprigliola-Albiano
stazione ferroviaria
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàAulla, frazione Caprigliola
Coordinate44°10′24.6″N 9°55′37.38″E / 44.1735°N 9.92705°E44.1735; 9.92705Coordinate: 44°10′24.6″N 9°55′37.38″E / 44.1735°N 9.92705°E44.1735; 9.92705
Lineeferrovia Pontremolese
Caratteristiche
TipoFermata in superficie, passante
Stato attualeDismessa
OperatoreRete Ferroviaria Italiana
Attivazione1888
Soppressione2003
Binari1
InterscambiAutobus urbani ed extraurbani
DintorniCaprigliola
Fiume Magra

La stazione di Caprigliola-Albiano era una fermata ferroviaria posta sulla ferrovia Pontremolese. Serviva i centri abitati di Caprigliola e di Albiano di Magra, frazioni del comune di Aulla.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fermata di Caprigliola-Albiano entrò in servizio in concomitanza dell'attivazione del tronco da Santo Stefano di Magra a Pontremoli, il 15 novembre 1888[1].

La fermata venne soppressa il 5 agosto 2003[2]; dall'11 settembre 2005 anche la linea non è più utilizzata in quanto sostituita da una variante di tracciato che si sviluppa quasi interamente in galleria[3].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto possedeva un fabbricato viaggiatori e due banchine di cui una con una pensilina che servivano l'unico binario della linea. Annessi al fabbricato viaggiatori vi erano anche altri corpi più piccoli, come quello per i servizi igienici. Nella stazione vi era anche un piccolo giardino, abbandonato dalla sua chiusura.

Dalla chiusura dell'impianto il fabbricato viaggiatori viene unicamente utilizzato come bar (locali lato strada) mentre i locali precedentemente adibiti al servizio sono in disuso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rivista generale delle ferrovie e dei lavori pubblici, op. cit.
  2. ^ Impianti FS, in "I Treni", anno XXIV n. 252 (ottobre 2003), p. 8. ISSN 0392-4602 (WC · ACNP)
  3. ^ Aulla raddoppia, in "I Treni", anno XXV n. 273 (settembre 2005), p. 7. ISSN 0392-4602 (WC · ACNP)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rivista generale delle ferrovie e dei lavori pubblici, 1894.
  • Rivista generale delle ferrovie e dei lavori pubblici Volume 19, 1901.
  • Istituto di Geografia, Pubblicazioni - Edizioni 16-19, Università di Pisa, 1969.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]