Stazione di Aulla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la stazione aperta nel 2005, vedi Stazione di Aulla Lunigiana.
Aulla
stazione ferroviaria
Aulla station old.jpg
Veduta delle banchine principali quando la stazione era ancora attiva nel 2001
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàAulla
Coordinate44°12′34.93″N 9°58′13.98″E / 44.209703°N 9.970551°E44.209703; 9.970551Coordinate: 44°12′34.93″N 9°58′13.98″E / 44.209703°N 9.970551°E44.209703; 9.970551
LineePontremolese dal 1888 al 2005
Aulla-Lucca dal 1911 al 2008
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, passante, di diramazione
Stato attualeDismessa
OperatoreRete Ferroviaria Italiana
Attivazione1888
Soppressione2008
Binari8 + 3 merci
InterscambiAutolinee, taxi
DintorniCentro cittadino
NoteChiusa in seguito al raddoppio della linea

La stazione di Aulla era una stazione ferroviaria situata in un ramo dismesso della ferrovia Lucca-Aulla e della ferrovia Pontremolese, situato nei pressi del centro di Aulla.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di Aulla nel 2001
Locomotiva E.646.167 in sosta alla stazione, nel 2001
Locomotiva E.656.300 in sosta alla stazione, nel 2001
Una ALn.663 e una ALn.668 ferme in stazione, nel 2001

La stazione venne attivata il 15 novembre 1888, all'apertura della tratta da Vezzano Ligure a Pontremoli della ferrovia Pontremolese[1]. Il 4 dicembre 1911 divenne stazione di diramazione, con l'apertura della tratta da Aulla a Gragnola della ferrovia Aulla-Lucca[1].

Nell'11 settembre 2005, quando fu aperta la nuova stazione di Aulla Lunigiana vi fu deviata anche la Pontremolese e la stazione rimase al servizio solo per la linea di cui era capolinea. Il 18 febbraio 2008 fu definitivamente chiusa con la deviazione della Aulla-Lucca verso la nuova stazione[2].

Ex centro vitale per le varie attività di Aulla, il fabbricato viaggiatori si trovava nella parte centrale della città e gestiva il traffico merci e passeggeri di due linee, la Pontremolese e la linea della Garfagnana. La sua chiusura portò disagio agli abitanti, infatti la stazione di Aulla Lunigiana è decentrata dal centro abitato e risulta più difficile da raggiungere[3].

Nel 2012 nella radice ovest della stazione vennero costruiti degli edifici scolastici[4]. Nel 2013 furono avviati i lavori di demolizione per il vecchio deposito merci della stazione sempre a favore degli impianti scolastici[5].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

Vista della stazione dalla direzione per La Spezia prima dello smantellamento nel 2015
Veduta delle ormai irriconoscibili banchine prima della loro rimozione con la pensilina nel 2015

La stazione disponeva di 4 banchine adibite al servizio passeggeri più un piano caricatore per servizio merci che arrivava fino alla rimessa mezzi di servizio. Fino ai primi del duemila lo scalo merci di stazione era ampio e delimitato da un muro, abbattuto in seguito. Esso possedeva, oltre al magazzino, al piano caricatore ed ai primi 2 binari tronchi, anche un terzo binario che si addentrava dietro al fabbricato merci in un piazzale (poi trasformato in una strada) dove venivano accantonati di solito i container. Esso finiva con un paraurti al limite dell'area.

Al fabbricato viaggiatori era annesso l'Ufficio Movimento, presenziato da capostazione, presso il quale aveva anche sede il Posto di Blocco numero 3. Dentro di esso vi era un banco ACE che comandava tutto il piazzale e le strutture a esso collegate, tra cui anche l'apertura e chiusura del doppio passaggio a livello che si trovava presso la radice sud della stazione.

La stazione disponeva di strutture inutilizzate, come l'ex rimessa locomotive verso Lucca, il magazzino per le merci che arrivavano in stazione e un'altra piccola rimessa per mezzi di servizio. In passato la rimessa posta in direzione Lucca aveva grandi quantità di carbone accantonato in sua prossimità e per contenerlo venne messa una recinzione di legno tra il binario 5 e il 6. Sul binario di raccordo vi era anche una piccola pensilina a disposizione delle locomotive a vapore[3].

Il piazzale si componeva di 5 binari per il traffico passeggeri con in aggiunta 3 binari di scalo e altri tre per il traffico merci dell'area merci.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La stazione era servita dalle relazioni regionali Trenitalia svolte nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Toscana denominato anche "Memorario"[6] ed una coppia di treni espressi.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione disponeva di:

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Sala d'Attesa Sala d'attesa
  • Bar Bar
  • Servizi igienici Servizi igienici
  • Aiga restaurant inv.svg Ristorante
  • Posto di Polizia ferroviaria Posto di Polizia ferroviaria

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione permetteva i seguenti interscambi:

  • Stazione taxi Stazione taxi
  • Fermata autobus Fermata autolinee

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, in Trenidicarta.it, Alessandro Tuzza, 1927. URL consultato il 6 febbraio 2014.
  2. ^ Aulla riunificata, in I Treni, anno XXIX, nº 303, Salò, Editrice Trasporti su Rotaie, aprile 2008, p. 6, ISSN 0392-4602 (WC · ACNP).
  3. ^ a b Stazione di Aulla (dismessa), coll. est.
  4. ^ Gelocal Il Tirreno - Nuovo polo scolastico di Aulla spunta un'altra collocazione
  5. ^ Gelocal Il Tirreno - Stazione dismessa, partono i lavori
  6. ^ In questa foto, tratta dal sito immaginiferroviarie.com vi è un ALn 668 con il logo del servizio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Strade Ferrate del Mediterraneo, Album dei Piani Generali delle stazioni, fermate, cave, cantieri, officine e diramazioni a Stabilimenti privati alla data 1º gennaio 1894, Tip. Lit. Direz. Gen. Ferr. Mediterraneo, Milano, 1895. Tavola 127. Tavola 127. Stazione di Licciana Terrarossa, stazione di Aulla, fermata di Caprigliola Albiano, stazione di S. Stefano Magra.
  • Bollettino dei trasporti e dei viaggi in ferrovia, 1902.
  • Strade Ferrate del Mediterraneo, Album dei Piani Generali delle stazioni, fermate, cave, cantieri, officine e diramazioni a Stabilimenti privati alla data 1º gennaio 1894, Tip. Lit. Direz. Gen. Ferr. Mediterraneo, Milano, 1895. Tavola 64. Stazioni di Pontremoli, Filattiera, Aulla.
  • Adriano Betti Carboncini, Un treno per Lucca. Ferrovie e tranvie in Lucchesia, Valdinievole e Garfagnana. Funicolare di Montecatini, Calosci, Cortona, 1990. ISBN 88-7785-044-2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]