Ossido ferroso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ossido ferroso
Polvere di Ossido Ferroso
Nome IUPAC
Monossido di ferro
Nomi alternativi
Ossido ferroso
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareFeO
Massa molecolare (u)71.844
Aspettocristalli neri
Numero CAS1345-25-1
Numero EINECS215-721-8
PubChem14945
SMILES
O=[Fe]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)5.745
Solubilità in acquaInsolubile
Temperatura di fusione1377 °C (1650 K)
Temperatura di ebollizione3414 °C (3687 K)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H---
Consigli P--- [1]

L'ossido ferroso è l'ossido del ferro (II), uno dei numerosi ossidi di ferro. Si presenta come una polvere nera con formula chimica FeO.

La sua forma minerale è nota come wüstite. L'ossido di ferro (II) non dovrebbe essere confuso con la ruggine (di cui è solo un componente minoritario, in quanto normalmente consiste principalmente di ossido di ferro (III) e altri ossidi di ferro idrati). L'ossido di ferro (II) è un esempio di composto non stechiometrico e i rapporti tra gli elementi ferro e ossigeno possono variare: i campioni normalmente deficitano di ferro formando composti che vanno da Fe0.84O a Fe0.95O.[2]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

FeO può essere preparato riscaldando l'ossalato di ferro (II) nel vuoto [2]: FeC2O4 → FeO + CO + CO2

Il FeO stechiometrico può essere preparato riscaldando Fe0.95O con ferro metallico a 770 °C e 36 kbar.[3]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Si dissolve facilmente in soluzioni acide diluite. [4] Normalmente si presenta in forma di polvere nera, che può causare esplosioni in quanto è termodinamicamente instabile sotto i 575 °C, e facilmente combustibile, con la tendenza a disproporzionare convertendosi in metallo e ossido ferroso-ferrico secondo la seguente reazione [2]:

4FeO → Fe + Fe3O4

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'ossido di ferro(II) ha una struttura cubica (come il cloruro di sodio, dove gli atomi di ferro e ossigeno sono coordinati reciprocamente in modo ottaedrico). Il composto è non-stechiometrico perché il FeII si ossida facilmente in FeIII, con l'effetto che una piccola parte del FeII viene rimpiazzata con 2/3 della stessa quantità di FeIII, che prende posizione tetraedicamente nel reticolo.[3]

Sotto i 200 K c'è un minore cambiamento della struttura con cambiamenti di simmetria a romboedrica e i campioni diventano antiferromagnetici.[3]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

L'ossido di ferro(II) è usato come un pigmento. È stato approvato dalla FDA e dai principali organismi internazionali per l'uso nei cosmetici (è usato in alcuni inchiostri per tatuaggi) e come additivo alimentare E172.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del composto su IFA-GESTIS consultata il 18.11.2013
  2. ^ a b c Greenwood&Earnshaw
  3. ^ a b c Wells A.F. (1984) Structural Inorganic Chemistry 5th edition Oxford University Press ISBN 0-19-855370-6
  4. ^ A Concise Dictionary of Chemistry, Oxford University Press; ISBN 978-0-19-286110-8

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]