Ossido di erbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ossido di erbio
Nome IUPAC
triossido di dierbio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare Er2O3
Peso formula (u) 382,56
Aspetto solido cristallino rosa
Numero CAS [12061-16-4]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 8,64
Temperatura di fusione 2344 °C (2617 K)
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −1897,9
S0m(J·K−1mol−1) 155,6
C0p,m(J·K−1mol−1) 108,5
Indicazioni di sicurezza

L'ossido di erbio è un composto dell'erbio e si presenta come un solido dal colore rosa; la sua struttura cristallina è cubica a corpo centrato. Viene comunemente utilizzato come colorante nelle lenti degli occhiali da sole, e come drogante all'interno delle fibre ottiche per realizzare degli amplificatori ottici. Venne parzialmente isolato per la prima volta da Carl Gustav Mosander nel 1843, e venne sintetizzato per la prima volta nel 1905 da Georges Urbain e Charles James.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Aaron John Ihde, The development of modern chemistry, Courier Dover Publications, 1984, pp. 378-379. ISBN 0486642356.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia