Pentossido di arsenico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pentossido di arsenico
Struttura cristallina del pentossido di arsenico
Nome IUPAC
pentossido di diarsenico
Nomi alternativi
anidride arsenica
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare As2O5
Massa molecolare (u) 229,84
Aspetto solido bianco
Numero CAS 1303-28-2
PubChem 14771
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 4,32
Solubilità in acqua solubile in acqua
Temperatura di fusione 315 °C (588,15 K) con decomposizione
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) 8 (ratto, orale)[1]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta tossico a lungo termine pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 300 - 331 - 350 - 410
Consigli P 201 - 261 - 264 - 273 - 301+310 - 311 [2]

Il pentossido di arsenico è un ossido di arsenico(V) con formula As2O5. A temperatura ambiente si presenta come un solido deliquescente di colore bianco. La sua struttura cristallina consiste in legami As-O-As tra unità ottaedriche AsO6 e unità tetraedriche AsO4.[3] È un composto tossico e cancerogeno per l'uomo.[1]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il pentossido di azoto viene sintetizzato più efficacemente, rispetto all'ossidazione diretta dell'elemento, trattando il triossido di arsenico (As2O3) con acido nitrico concentrato e sottoponendo a disidratazione l'acido arsenico (H3AsO4) ottenuto.[3]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il pentossido di arsenico per riscaldamento si decompone in ossigeno e As2O3.[4] È un agente ossidante in grado di reagire vigorosamente con composti ossidabili, ad esempio liberando cloro da acido cloridrico.

As2O5 si dissolve rapidamente in acqua formando acido arsenico.[5]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il pentossido di arsenico viene utilizzato in forma solida o in soluzione nella produzione di arsenati, diserbanti, adesivi metallici, insetticidi, gas colorati, e nella stampa e tintura.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Safety data for arsensic pentoxide
  2. ^ Sigma Aldrich; rev. del 09.10.2014
  3. ^ a b Catherine E. Housecroft, Alan G. Sharpe, Inorganic Chemistri, 2ª ed., Pearson, 2005, p.419, ISBN 0-13-039913-2.
  4. ^ Martin Jansen, Crystal Structure of As2O5 in Angewandte Chemie International Edition in English, vol. 16, nº 5, 1977, pp. 314–315, DOI:10.1002/anie.197703142.
  5. ^ Greenwood, Norman N.; Earnshaw, Alan. (1997), Chemistry of the Elements (2nd ed.), Oxford: Butterworth-Heinemann, pp. 576-577, ISBN 0080379419
  6. ^ (EN) Arsenic Pentoxide, Systemic Agent
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia