Anidride iodica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anidride iodica
Formula di struttura
Formula di struttura
Modello 3D della molecola
Modello 3D della molecola
Nome IUPAC
pentossido di diiodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareI2O5
Massa molecolare (u)317,80
Aspettosolido bianco cristallino[1]
igroscopico
Numero CAS12029-98-0
Numero EINECS234-740-2
PubChem159402
SMILES
O=I(=O)OI(=O)=O
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)4,98 (20 °C)[1]
Solubilità in acqua(20 °C) solubile
Temperatura di fusione300 °C (decomp)[2]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
comburente corrosivo
pericolo
Frasi H272 - 314
Consigli P220 - 280 - 305+351+338 - 310 [3]

L'anidride iodica o pentossido di diiodio è l'anidride che si forma dall'unione di ossigeno gassoso e iodio con stato di ossidazione = 5.

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco giallastro inodore, con forti proprietà ossidanti.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

I2O5 è piegato con un angolo I-O-I di 139.2°, ma la molecola non ha piani speculari così la sua simmetria non è C2v. Le distanze I-O laterali sono circa 0.18 nm e quella centrale (ponte) circa 0.195 nm[4].

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

L'anidride iodica non può venire preparata per sintesi diretta tra iodio ed ossigeno in quanto lo iodio è poco reattivo in confronto a quest'ultimo, ma viene ottenuta disidratando l'acido iodico a 200 °C.

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il pentossido di iodio ossida facilmente il monossido di carbonio ad anidride carbonica a temperatura ambiente:

Questa reazione può essere usata per analizzare la concentrazione di CO in un campione gassoso.

I2O5 forma il catione [IO2+], con SO3 e S2O6F2, ed il catione [IO+], con acido solforico concentrato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Greenwood, Norman N.; Earnshaw, A., Chemistry of the Elements, 2ª ed., Oxford, Butterworth-Heinemann, 1997, pp. 851-852, ISBN 0-08-037941-9.
  2. ^ Pradyot Patnaik. Handbook of Inorganic Chemicals. McGraw-Hill, 2002, ISBN 0-07-049439-8
  3. ^ Sigma Aldrich; rev. del 02.01.2011
  4. ^ K. Selte and A. Kjekshus, Iodine oxides: part III, The crystal structure of I2O5, in Acta Chem. Scand., vol. 24, 1970, pp. 1912–1914, DOI:10.3891/acta.chem.scand.24-1912.
  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia