Ossido di cerio(III)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ossido di cerio(III)
La2O3structure.jpg
Nome IUPAC
Triossido di dicerio
Nomi alternativi
CI 77280
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareCe2O3
Massa molecolare (u)328,24 g/mol
Aspettopolvere verde/gialla
Numero CAS1345-13-7
Numero EINECS215-718-1
PubChem9905479
SMILES
[O-2].[O-2].[O-2].[Ce+3].[Ce+3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)6,86[1]
Solubilità in acquainsolubile
Temperatura di fusione2177 °C (2450 K)[1]
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg)475[2]
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiamma473,15
TLV (ppm)0,68[3]

L'ossido di cerio(III) è un composto chimico di formula Ce2O3; in condizioni normali si presenta come una polvere di colore verde-giallo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'ossido di cerio(III) è prodotto per riduzione dell'ossido di cerio(IV) con idrogeno a una temperatura di circa 1700 K, ottenendolo in una forma stabile all'aria. Se il processo di riduzione è effettuato ad altre temperature, l'ossido di cerio(III) prodotto sarà piroforico.[4]

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Trattamento gas di scarico[modifica | modifica wikitesto]

L'ossido di cerio(III) viene impiegato nelle marmitte catalitiche come convertitore catalitico per la riduzione delle emissioni di monossido di carbonio dai gas di scarico dei veicoli a motore.

In condizioni di carenza di ossigeno, l'ossido di cerio(IV) viene ridotto dal monossido di carbonio a ossido di cerio (III):

4 CeO2 + 2 CO → 2 Ce2O3 + 2 CO2

Quando invece vi è un eccesso di ossigeno, il processo si inverte e l'ossido di cerio(III) viene ossidato a ossido di cerio(IV):

2 Ce2O3 + O2 → 4 CeO2

Idrolisi dell'acqua[modifica | modifica wikitesto]

L'ossido di cerio(III) può essere impiegato per la produzione di idrogeno, nel ciclo dell'ossido di cerio(IV)-ossido di cerio(III), un processo termochimico a due fasi di idrolisi dell'acqua.[5]

Porcellane dentali fluorescenti[modifica | modifica wikitesto]

Addizionato ad una ceramica assieme ad ossido di stagno(II) (SnO), l'ossido di cerio(III) viene impiegato per la produzione di porcellane fluorescenti. Tale fluorescenza è osservata solamente dopo la cottura della porcellana, la quale sarà in grado di assorbire luce ultravioletta per poi emettere nel visibile a circa 400nm, conferendole uno spettro di emissione simile a quello dei denti naturali.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Dale L. Perry, Sidney L. Phillips, Handbook of inorganic compounds, CRC Press, 1995, p. 106, ISBN 0-8493-8671-3.
  2. ^ (EN) N.F. Izmerov, et al., Toxicometric Parameters of Industrial Toxic Chemicals Under Single Exposure, Mosca, Centre of International Projects, GKNT, 1982, p. 33, ISBN 0-8493-8671-3.
  3. ^ (EN) Angstrom Sciences, Scheda di sicurezza dell'ossido di cerio(III) (PDF)[collegamento interrotto], Angstrom Sciences, 25, 1.
  4. ^ (DE) Georg Brauer, Handbuch der präparativen anorganischen Chemie, 3 Bände, Ferdinand Enke Verlag Stuttgart, maggio 2002, p. 1090, ISBN 3-432-02328-6.
  5. ^ (EN) SolarPACES, Produzione di idrogeno tramite cicli di idrolisi termochimica solare, su solarpaces.org.
  6. ^ (EN) D.R. Peplinksi, W.T. Wozniak and J.B. Moser, Spectral Studies of New Luminophors for Dental Porcelain (PDF) [collegamento interrotto], in Journal of Dental Research, vol. 59, n. 9, settembre 1980, p. 1503.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia