Organi del Duomo di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Duomo di Milano.

Corpi di sinistra dell'organo
Corpi di destra dell'organo

Nel duomo di Milano si trovano tre organi a canne:

  • l'organo maggiore, costruito nel 1937-1938 dalle ditte organarie Tamburini (opus 191) e Mascioni (opus 506),[1] ha due consolle, quella principale con 5 tastiere e pedaliera ed una ausiliaria a tre tastiere e pedaliera, ha 196 registri (145 nominali) ed è il più grande organo a canne italiano, uno dei più grandi in Europa;[2]
  • l'organo corale, costruito nel 1984 da Tamburini (opus 595) ha due tastiere e pedaliera e 17 registri e si può suonare anche dalle consolle dell'organo maggiore;
  • l'organo della cripta, costruito nel 1913 da Tamburini (opus 61) e riformato dalla stessa ditta nel 1941 (opus 217), con due tastiere e pedaliera e 16 registri.

L'attuale organista titolare è dal 2005 Emanuele Vianelli.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

XIV-XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Il primo organo a canne del duomo di Milano di cui si è a conoscenza è uno strumento costruito nel 1395 dall'organaro Fra' Martino De' Stremidi per la sagrestia settentrionale che, a metà del secolo successivo, venne collocato nel transetto settentrionale sulla parete di destra; fino ad allora, per accompagnare i canti durante le celebrazioni all'altare maggiore si era usato un piccolo organo positivo.

L'8 gennaio 1464, venne stipulato un contratto fra l'organaro tedesco Bernardo d'Alemagna[4] e Francesco Sforza per la costruzione di un nuovo organo a canne, da collocarsi nel transetto meridionale specularmente rispetto all'organo già esistente. Lo strumento, costruito durante il 1465, venne collaudato il 20 luglio e il 30 settembre 1466; due collaudatori, Giovanni da Mercatello e Costantino Tantini, fecero delle aspre critiche all'organaro. Lo strumento aveva circa mille canne ed una base di 8 piedi, probabilmente non costruito da più registri separati, ma da un unico registro che comprendeva tutte le canne.

Nel 1490 Bartolomeo Antegnati restaura l'organo settentrionale, apportando alcune modifiche allo strumento. L'organo meridionale, invece, viene restaurato nel 1508 da Leonardo d'Alemagna.

A partire dal 1540, l'organaro Gian Giacomo Antegnati costruisce un nuovo organo in sostituzione di quello di fine Trecento, che verrà collocato nel 1552 sul lato sinistro del presbiterio, ove si trova tuttora.[5] Tra il 1584 e il 1590 viene costruito un nuovo strumento sul lato opposto del presbiterio con cassa identica dall'organaro Cristoforo Valvassori, che aveva ricevuto questo incarico nel 1579. Le casse dei due strumenti vennero rifatte alla fine del secolo da Sante Corbetta. Entrambi gli strumenti erano con base di 24 piedi ed avevano un'unica tastiera di 50 note con pedaliera a leggio.

Gli organi in una foto di metà Ottocento di Giacomo Brogi

Nel corso dei secoli XVII e XVIII, i due organi del duomo vennero più volte restaurati e modificati per conformarli ai canoni musicali dell'epoca. I rifacimenti più importanti risalgono al XIX secolo: l'organo settentrionale venne rifatto dai fratelli Serassi nel 1842, mentre quello meridionale una prima volta da Eugenio Biroldi nel 1825 ed una seconda da Pietro e Luigi Bernasconi nel 1876; in tale occasione, fu dotato di una seconda tastiera con cassa espressiva, chiamata Organo Eco.

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1905-1907, Vincenzo Mascioni modifica i due organi in modo tale da avere due strumenti gemelli (entrambi opus 299), dotati di trasmissione pneumatico-tubolare e ciascuno di una consolle a due tastiere e pedaliera estesa.[6] Si decise di mantenere invariate le altezze di alcuni registri, in particolare quelli di timbro di Principale (24 piedi), aggiungendone altri su base di 16 piedi e adattando alcuni registri precedenti a questi ultimi. La sua disposizione fonica era la seguente:[7]

I - Grand'Organo
Principale 24'
Principale violino 16'
Principale grave 12'
Ottava 6'
Ottava violino 4'
Duodecima 4'
Quinta 3'
Ripieno grave
Ripieno acuto
Eufonio 8'
Flauto 8'
Flauto armonico 6'
Cornetto 4 file
Voce umana 8'
Salicionale 8'
II - Positivo
Principale violino 12'
Ottava 6'
Quinta 3'
Ripieno
Flauto silvestre 8'
Flauto doppio 4'
Gamba 12'
Voce celeste 8'
Pedale
Contrabbasso 24'
Contrabbasso violino 16'
Duodecima 10.2/3'
Quinta 5.1/3'
Subbasso 24'
Basso armonico 12'
Violone 12'

Nel 1937 Benito Mussolini decide di far costruire un nuovo organo monumentale per il duomo. Vengono scelte per la costruzione dell'importante opera le migliori tre ditte organarie italiane dell'epoca: Tamburini (Crema), Mascioni (Cuvio) e Balbiani Vegezzi-Bossi (Milano). Viene progettato un grandioso strumento che prevede, oltre all'utilizzo di soli materiali italiani imposto dal committente, il riutilizzo, e quindi l'elettrificazione e la modifica, dei due strumenti barocchi. A questo punto la ditta Balbiani Vegezzi-Bossi si tira indietro, essendo incompatibile con la sua filosofia costruttiva la costruzione di un organo unendo caratteristiche tecniche e foniche fra di loro molto differenti e modificando profondamente degli strumenti antichi.

Il grande organo viene terminato l'anno successivo, nel 1938, e venne inaugurato il 4 novembre dello stesso anno, in concomitanza con i festeggiamenti per il quarto centenario della nascita di Carlo Borromeo[8] e, per la sua grandezza, in un articolo venne definito Arciorgano del Duomo di Milano.[9] I concerti inaugurali furono due: il primo il giorno 17, e il secondo il giorno 22 dello stesso mese e vennero tenuti dagli organisti italiani più importanti dell'epoca: Adolfo Bossi, Luigi Ferrari Trecate, Santo Spinelli, Ulisse Matthey e Fernando Germani.

Lo strumento era suddiviso in sei corpi distinti, ognuno dei quali aveva una sezione propria del pedale e faceva riferimento ad una delle cinque tastiere della consolle:[10]

  • l'Organo Positivo (I tastiera) nella seconda campata della navata destra del transetto settentrionale, nel finestrone sopra l'altare di Santa Tecla;
  • il Grand'Organo (II tastiera) nelle due antiche casse cinquecentesche;
  • l'Organo Espressivo (III tastiera) nella seconda campata di sinistra del deambulatorio, nel finestrone sopra la porta della Sagrestia delle Messe;
  • l'Organo Corale (III tastiera) nell'abside, dietro l'altar maggiore, sulla cantoria posticcia situata sopra il coro dei canonici, suonabile anche da una consolle propria con tastiera unica situata dietro l'altare;
  • l'Organo Solo (IV tastiera) nella seconda campata della navata sinistra del transetto meridionale, nel finestrone sopra l'altare di Sant'Agnese;
  • l'Organo Eco (V tastiera) nella seconda campata di destra del deambulatorio, nel finestrone sopra la porta della Sagrestia Capitolare.

La consolle, di dimensioni monumentali, era collocata sopra la cantoria posticcia, nell'abside. Una seconda consolle si trovava nei pressi dell'altare maggiore, a pavimento.

XIV-XVI secolo
S: organo settentrionale
M: organo meridionale
XVI-XX secolo
A: organo Antegnati[N 1]
V: organo Valvassori[N 2]
1938-1966

     corpi d'organo


     consolle maggiore

1984-oggi

     corpi in cassa antica


     corpi in cassa moderna


     organo corale


     consolle maggiore


     consolle del transetto

Fra il 1965 e il 1966, a causa dei prossimi lavori di consolidamento dei quattro pilastri del tiburio, l'organo venne integralmente smontato e la ditta Tamburini, nel 1971, costruì per il duomo un organo corale mobile di medie dimensioni, da collocare ove ve ne fosse la necessità.

Nel 1984 la ditta Tamburini rimonta l'organo riunendo le canne dei corpi situati nelle finestre sopra le sagrestie e le relative sezioni del Pedale in due casse che vennero collocate una di fronte all'altra sui due lati del presbiterio, affiancate alle due casse antiche. L'Organo Corale posto dietro l'altare maggiore venne rimosso, e al suo posto venne collegato alla consolle l'organo corale mobile costruito nel 1971. Inoltre, i registri del Grand'Organo (II tastiera) e della sua sezione del pedale, sulla consolle vennero suddivisi in due sezioni, Grand'Organo Nord e Grand'Organo Sud in base alla loro posizione all'interno delle due casse antiche. La consolle, invece, venne situata nella parte alta del presbiterio festivo,[N 3] di fianco all'antico altare maggiore, sotto l'organo cinquecentesco di destra. Lo strumento venne dotato anche di una nuova consolle a tre tastiere unita all'Grand'Organo Nord (I tastiera), all'Organo Corale Tamburini del 1971 (II tastiera) e all'Grand'Organo Sud (III tastiera) e collocata nella prima campata del transetto sinistro, nei pressi del luogo in cui trovano posto i cantori e i cori durante le celebrazioni. Inoltre, furono ripristinate le due consolle degli organi antichi secondo la loro conformazione barocca, ognuna con unica tastiera di 50 note e 12 registri. Il concerto inaugurale venne tenuto dal titolare Luigi Benedetti l'8 settembre 1986.

Lo strumento è stato revisionato interamente in occasione del Giubileo del 2000 e, nel 2002, è stata revisionata ed aggiornata la trasmissione elettrica con l'installazione di due nuovi centralini nella consolle maggiore e nella consolle del transetto.[11] L'organo corale mobile è stato restaurato nel 2012 da Ilic Colzani e Ettore Bastici.[12]

Organo maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I due corpi destri dell'organo. Si noti la differenza di decorazione fra la cassa antica e quella moderna.

Lo strumento, con le sue 15.600 canne circa per un totale di 196 registri nominali (145 registri reali), è il più grande organo a canne in Italia, uno dei maggiori d'Europa. Lo strumento è diviso in quattro corpi, disposti a coppie ai due lati del presbiterio, nell'intercolumnio fra abside e presbiterio, al disopra degli stalli lignei del coro.

Nella prima campata dell'abside si trovano i due organi antichi, entro le artistiche casse lignee finemente intagliate della fine del XVI secolo. Queste furono realizzate gemelle da Sante Corbetta (organo settentrionale) e da Giovanni Paolo del Corno (organo meridionale). Intervennero nella decorazione delle casse anche Giovan Battista Mangone, Giovanni Taurini, che realizzò le statue sopra le due cupole, e Giacomo Taurini, che realizzò le statue dei santi Simpliciano, Barnaba ed Agostino.

Ognuno dei due organi antichi è chiuso da due coppie di ante dipinte, una coppia per ogni lato, per un totale di sedici monumentali tele, capolavoro del tardo manierismo di scuola milanese.[N 4] La loro realizzazione avvenne fra il 1559, quando fu indetto il primo concorso per le ante dell'organo nord, ed il 1600, quando le ante rivolte verso il deambulatorio furono affidate a Camillo Procaccini. Fu molto accesa la competizione fra gli artisti per la realizzazione di quelle che dovevano essere le più importanti imprese pittoriche contenute nella cattedrale, tanto che il primo concorso dovette essere ripetuto a causa delle contestazioni. I soggetti delle otto ante rivolte verso l'altare maggiore, di Meda e Figino, furono dettati da Carlo Borromeo, e tutte le opere furono realizzate sotto la supervisione del direttore della Fabbrica, Pellegrino Tibaldi, il che conferisce loro uno stile omogeno di ispirazione michelangiolesca filtrata secondo il monumentalismo tibaldiano. Le ultime, verso il deambulatorio esterno, furono dipinte invece su commissione di Federico Borromeo dall'emiliano Camillo Porcaccini.

I soggetti dipinti sulle ante di entrambi gli organi sono i seguenti:[13]

Organo settentrionale

  • verso il presbiterio (Giuseppe Meda, 1564)
    • esterno: ll Trasporto dell’Arca Santa e Il Re Davide che suona l’arpa
    • interno: Natività e Assunzione di Maria
  • verso il deambulatorio (Camillo Procaccini, 1600)
    • esterno: l’Ira di Saul placata col suono dell’Arpa
    • interno: Annunciazione e Visitazione

Organo meridionale

  • verso il presbiterio (Ambrogio Figino, 1590)
    • esterno: Passaggio del Mar Rosso
    • interno: Natività di Gesù e Ascensione di Gesù
  • verso il deambulatorio (Camillo Procaccini, 1600)
    • esterno: Davide uccide Golia e il Trionfo del Re Davide
    • interno: Trasfigurazione e Risurrezione di Cristo
La consolle maggiore
La consolle ausiliaria

Le due casse costruite nel 1984, nella loro semplicità ricalcano lo schema delle casse barocche. Sono in legno, prive di qualsivoglia decorazione ad eccezione di rifiniture geometriche. Le canne sono collocate in tre aperture ad arco principali, alte e strette, intervallate da due coppie di organetti morti[N 5] sovrapposti. La trasmissione dell'organo è elettrica.

La consolle principale, della ditta Mascioni, è di carattere monumentale ed è situata nella parte superiore del presbiterio festivo, nei pressi dell'organo antico meridionale. Ha cinque tastiere di 61 note ciascuna (5 ottave, Do1-Do6) ed una pedaliera concavo-radiale di 32 note (2½ ottave, Do1-Sol3) e 245 placchette a bilico con i nomi incisi in nero (in rosso per i registri ad ancia) che comandano i vari registri, le unioni, gli accoppiamenti e gli annullatori ed è dotata di 4000 combinazioni libere distribuite in 500 gruppi. Le placchette sono contrassegnate da vari colori in base alla loro appartenenza ai manuali e alle relative sezioni del Pedale: in blu quelle del Positivo aperto (primo manuale), in verde quelle del Grand'Organo, in celeste quelle del Corale (terzo manuale), in rosso quelle dell'Espressivo (terzo manuale), in giallo quelle del Solo aperto (quarto manuale), in nero quelle dell'Eco espressivo. La parete esterna è decorata con intarsi lignei di fattura geometrica.

La consolle ausiliaria, della ditta Tamburini, è situata a pavimento nel transetto di sinistra, di fronte all'organo corale; ha tre tastiere di 61 note ciascuna (5 ottave, Do1-Do6) ed una pedaliera concavo-radiale di 32 note (2½ ottave, Do1-Sol3), ed è collegata al Grand'Organo Nord (I tastiera), al Grand'Organo Sud (III tastiera) e all'Organo Corale (Grand'Organo sulla I tastiera, Positivo aperto sulla II), con le relative sezioni del pedale.

Le due sezioni del Grand'Organo possono essere suonate anche ciascuna da una propria consolle a finestra indipendente, collocata sulla relativa cantoria, a trasmissione elettrica e con un'unica tastiera e pedaliera.

Disposizione fonica[modifica | modifica wikitesto]

Disposizione fonica del 1938[modifica | modifica wikitesto]

I - Positivo aperto
Principale violone 16'
Principale I 8'
Principale II 8'
Principale III 8'
Principalino 8'
Ottava 4'
Ripieno 11 file
Bordone dolce 16'
Flauto conico 8'
Flauto a camino 8'
Flauto 4'
Nazardo 2.2/3'
Flagioletto 2'
Terza di Nazardo 1.3/5'
Piccolo 1'
Cornetto combinato
Viola da gamba 8'
Salicionale 8'
Fugara 4'
Unda maris 8'
Coro violino 3 file
Corno di bassetto 16'
Corno inglese 8'
Tuba mirabilis 8'
Tromba armonica 8'
Trombina 4'
Tremolo
II - Grand'Organo
Principale violone 16'
Principale I 16'
Principale II 16'
Principale major 8'
Principale forte 8'
Principale diapason 8'
Principale dolce 8'
Eufonio 8'
Principalino 4'
Ottava I 4'
Ottava II 4'
Decimaseconda 2.2/3'
Decimaquinta 2'
Ripieno 5 file
Ripieno 7 file
Ripieno 10 file
Voce umana 8'
Bordone 8'
Flauto aperto 8'
Ottaviante 4'
Gran cornetto 5 file
Viola armonica 8'
Dulciana 8'
Fugara 4'
Tromba 16'
Tromba 8'
Clarinetto 8'
Tuba armonica 8'
Tuba magna 8'
Trombina 4'
III - Espressivo
Principale armonico 16'
Principale diapason 8'
Principale 8'
Eufonio 8'
Ottava 4'
Fonino 4'
Decimaquinta 2'
Ripieno I 6 file
Ripieno II 6 file
Bordone 8'
Flauto celeste 8'
Flauto in selva 4'
Flauto ottaviante 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Flautino 2'
Salicet 4'
Concerto violini 5 file
Gran concerto viole 5 file
Controtuba 16'
Tromba di corno 8'
Tuba 8'
Oboe 8'
Tuba 4'
Cornamusa 8'
Corale angelica 2 file
Tremolo
IV - Solo
Principale 16'
Principale stentor 8'
Principale violino 8'
Principalino 4'
Mistura 6 file
Sesquialtera 2 file
Quintante 16'
Flauto a camino 8'
Flauto in V 5.1/3'
Tibia major 4'
Flauto ottaviante 4'
Flauto solista 4'
Squillante 2'
Gamba serafona 8'
Armonica 8'
Fugara 4'
Viola celeste 8'
Coro d'archi 5 file
Fagotto 16'
Corno inglese 8'
Corno orchestrale 8'
Tuba trionfale 8'
Cornetto da fanfara 5.1/3'
Chiarina 4'
Tremolo
V - Eco espressivo
Corno di camoscio 16'
Principale aperto 8'
Principale conico 8'
Ottava armonica 4'
Corno di notte 8'
Flauto d'eco 8'
Flauto silvestre 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Viola d'amore 8'
Armonia eterea 5 file
Voce angelica 8'
Concerto violini 4 file
Corno francese 8'
Oboe d'eco 8'
Tremolo
Pedale Positivo
Contrabbasso 16'
Ottava 4'
Subbasso 16'
Basso armonico 8'
Violone 16'
Corno bassetto 16'
Corno bassetto 8'
Tromba 8'
Pedale Grand'Organo
Acustico 64'
Principale 32'
Contrabbasso 32'
Principale 16'
Gran quinta 10.2/3'
Ottava 8'
Basso forte 8'
Quinta 5.1/3'
Ottava 4'
Subbasso 16'
Bordone 8'
Flauto 4'
Controbombarda 32'
Bombarda 16'
Controfagotto 16'
Tromba 8'
Clarone 4'
Pedale all'Espressivo
Principale armonico 16'
Basso violone 8'
Subbasso 16'
Bordone 8'
Violoncello 8'
Fugara 4'
Controtuba 16'
Tuba 8'
Pedale Solo
Principale stentor 16'
Basso forte 8'
Principale 8'
Tibia 16'
Armonica 16'
Tuba profonda 16'
Tuba 8'
Trombina 4'
Pedale all'Eco'
Flauto 16'
Basso eco 8'
Flauto 4'

Disposizione fonica dopo il 1984[modifica | modifica wikitesto]

I - Positivo aperto
Principale violone 16'
Principale I 8'
Principale II 8'
Gemshorn 8'
Ottava 4'
XII 2.2/3'
XV-XIX 2'
Ripieno 5 file
Ripieno 6 file
Bordone 16'
Flauto a camino 8'
Flauto conico 8'
Flauto doppio 4'
Nazardo 2.2/3'
Flagioletto 2'
Terza di Nazardo 1.3/5'
Piccolo 1'
Viola da gamba 8'
Fugara 4'
Salicionale 8'
Unda maris 8'
Corno di bassetto 16'
Corno inglese 8'
Tuba mirabilis 8'
Tromba armonica 8'
Chiarina 4'
Tremolo
II - Grand'Organo Nord
Principale 32'
Principale I 16'
Principale major 8'
Principale diapason 8'
Ottava forte 4'
XII 2.2/3'
XV 2'
XIX 1.1/3'
Ripieno 10 file
Bordone 8'
Flauto in VIII 4'
Flauto in XV 2'
Cornetto 4 file
Tuba forte sonorità 8'
Tuba major 8'
Clarinetto 8'
Tromba armonica 8'
Trombina 4'
II - Grand'Organo Sud
Principale II 16'
Principale violone 16'
Principale forte 8'
Ottava 4'
XII 2.2/3'
XV 2'
XIX - XXII 1.1/3'
Ripieno 10 file
Flauto aperto 8'
Flauto ottaviante 4'
Flauto in XVII 1.3/5'
Viola armonica 8'
Voce umana 8'
Tromba 16'
Tromba 8'
III - Espressivo
Principale armonico 16'
Principale 8'
Principale diapason 8'
Eufonio 8'
Ottava 4'
XV 2'
Mixtur 2 file
Scharf 3 file
Zimbel 3 file
Bordone 8'
Flauto in selva 4'
Flauto ottaviante 4'
Fonino 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Flautino 2'
Larigot 1.1/3'
Controgamba 16'
Flauto celeste 8'
Viola di orchestra 8'
Salicet 4'
Concerto violini 4 file
Gran concerto viole 8'
Contro tuba 16'
Tromba corno 8'
Tuba 8'
Oboe 8'
Cornamusa 8'
Tuba 4'
Corale angelica 2 file
Tremolo
III - Corale
aperto
Principale 8'
Ottava 4'
XV 2'
Ripieno 4 file
Flauto camino 8'
espressivo
Bordone 8'
Cimbalo 2 file
Principalino 4'
Ottava 2'
Violoncello 8'
IV - Solo aperto
Principale 16'
Principale stentor 8'
Principalino 4'
Mixtur 6 file
Quintante 16'
Flauto a camino 8'
Tibia major 4'
Flauto in quinta 5.1/3'
Flauto ottaviante 4'
Grosse tierce 3.1/5'
Squillante 2'
Sesquialtera 2 file
Gamba serafona 8'
Armonica 8'
Fugara 4'
Flauto solista 8'
Viola celeste 3 file
Coro d'archi 5 file
Fagotto 16'
Corno orchestrale 8'
Corno inglese 8'
Tuba trionfale 8'
Cornetto fanfara 5.1/3'
Chiarina 4'
Tremolo
V - Eco espressivo
Principale aperto 8'
Principale conico 8'
Ottava armonica 4'
Voce angelica 8'
Armonia eterea 5 file
Gemshorn 16'
Corno di notte 8'
Flauto silvestre 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Flautino 2'
Viola d'amore 8'
Concerto violini 4 file
Corno francese 8'
Oboe d'eco 8'
Tremolo
Pedale Positivo
Principale 24'
Contrabbasso 16'
Basso armonico 8'
Ottava 4'
Subbasso 16'
Violone 16'
Corno di bassetto 16'
Tromba 8'
Clarino 2'
Pedale Grand'Organo Nord
Acustico 64'
Principale 32'
Principale 16'
Principale 8'
Ottava 4'
Subbasso 16'
Bordone 8'
Bordone 4'
Controfagotto 16'
Pedale Grand'Organo Sud
Contrabbasso 32'
Contrabbasso 16'
Gran Quinta 10.2/3'
Basso forte 8'
Quinta 5.1/3'
Controbombarda 32'
Bombarda 16'
Tromba 8'
Clarone forte 4'
Pedale Espressivo
Principale armonico 16'
Basso violone 8'
Subbasso 16'
Bordone 8'
Violoncello 8'
Fugara 4'
Controtuba 16'
Tuba 8'
Pedale Corale
Subbasso 16'
Bordone 8'
Basso 8'
Clarone 4'
Pedale Solo
Principale 24'
Principale stentor 16'
Tibia 16'
Armonica 16'
Basso forte 8'
Principalino 8'
Tuba profonda 16'
Tuba 8'
Trombina 4'
Pedale Eco
Flauto 16'
Basso d'eco 8'
Flauto 4'

Organo corale[modifica | modifica wikitesto]

Sotto l'arco fra la prima campata della navata centrale e della navata destra del braccio settentrionale del transetto si trova l'organo corale mobile costruito nel 1971 dalla ditta Tamburini (opus 595).[14] La sua funzione era quella di sostituire l'organo maggiore, allora smontato per il consolidamento dei quattro pilastri della cupola. Lo strumento venne fatto mobile così da poter essere spostato facilmente con l'avanzamento del cantiere nei posti rimasti liberi. Dopo la fine dei lavori di restauro, è stato collocato ove è tuttora (2012) e serve da organo-guida per il coro, che siede lì vicino.

Lo strumento è a trasmissione integralmente meccanica ed ha due tastiere di 61 note ciascuna ed una pedaliera concavo-radiale di 32. La sua disposizione fonica è la seguente:

I - Grand'Organo
Principale 8'
Ottava 4'
Decimaquinta 2'
XIX-XXII 1.1/3'
XXVI-XXIX 2/3'
Flauto a camino 8'
II - Positivo aperto
Bordone 8'
Ottava 4'
Decimaquinta 2'
Cimbalo 2 file
Sesquialtera 2 file
Flauto 4'
Violoncello 8'
Tremolo
Pedale
Subbasso 16'
Basso 8'
Bordone 8'
Clarone 4'

Organo della cripta[modifica | modifica wikitesto]

Nella cripta, alla sinistra dell'altare, si trova l'organo a canne Tamburini opus 217, riforma del 1941 effettuata sull'organo opus 61 del 1913. Lo strumento, a trasmissione elettro-pneumatica, presenta un somiere a doppio scompartimento, con i registri delle due tastiere in comune. La sua consolle, indipendente, dispone di due tastiere di 58 note ciascuna e pedaliera dritta di 27 note.

Di seguito la disposizione fonica dell'organo:

I - Espressivo
Principale 8'
Ottava 4'
Decimaquinta 5'
Ripieno 5 file
Corno di camoscio 8'
Salicionale 8'
Sesquialtera 2 file
Tremolo
II - Espressivo
Principale 8'
Ottava 4'
Decimaquinta 5'
Ripieno 5 file
Corno di camoscio 8'
Salicionale 8'
Sesquialtera 2 file
Tremolo
Pedale
Bordone 16'
Bordone 8'

Note[modifica | modifica wikitesto]

Note
  1. ^ con rifacimenti successivi.
  2. ^ con rifacimenti successivi.
  3. ^ rivolto verso la navata centrale.
  4. ^ i due organi antichi hanno una doppia facciata: una verso l'abside ed una verso il deambulatorio.
  5. ^ tipico dell'organo rinascimentale e barocco italiano, l'organetto morto è quel gruppo di canne formante una cuspide posto in facciata di dimensione più piccola rispetto alle altre e con scopo puramente decorativo (le canne, anche se vere, non suonano).
Fonti
  1. ^ Ivan Furlanis, Antegnati / Valvassori / Mascioni Op. 299 / Op. 506 / Tamburini Op. 191. Milano, Duomo, Flickr, 24 giugno 2012. URL consultato il 6 luglio 2012.
  2. ^ Paola D'Amico, Duomo, nel cuore del maxi-organo - Così si accorda il monumento, in Corriere della Sera, 4 gennaio 2015. URL consultato il 4 gennaio 2015.
    «È il più grande organo d'Italia, il secondo d'Europa.».
  3. ^ Duomo di Milano, Emanuele Carlo Vianelli [collegamento interrotto], su duomomilano.it. URL consultato il 19 maggio 2013.
  4. ^ Oscar Mischiati, Bernardo d'Alemagna, vol. 9, Dizionario Biografico degli Italiani, 1967. URL consultato il 27 aprile 2012.
  5. ^ G. Franchetti, p. 118
  6. ^ Cronologia degli organi del Duomo di Milano, su duomomilano.it. URL consultato il 9 settembre 2014.
  7. ^ C. Moretti, pp. 439-440.
  8. ^ Tamburini
  9. ^ Salvatore Musella, L'arciorgano del Duomo di Milano, in La lettura: Rivista mensile del Corriere della Sera, 4 novembre 1938, anno XVII. URL consultato il 27 aprile 2012.
  10. ^ B.M. Disertori
  11. ^ Sprae Organi, Le nostre realizzazioni, su spraeorgani.it. URL consultato l'8 giugno 2013.
  12. ^ Colzani organi s.n.c, su colzaniorgani.it. URL consultato l'8 giugno 2013.
  13. ^ G. Franchetti, pp. 118-119.
  14. ^ Ivan Furlanis, Tamburini Op. 595. Milano, Duomo, Flickr, 24 giugno 2012. URL consultato il 6 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Franchetti, Storia e Descrizione del Duomo di Milano, Milano, Tipografia di Giovanni Giuseppe Destefanis, 1821.
  • Benvenuto Maria Disertori, Il nuovo organo del Duomo di Milano, estratto da Rivista Musicale Italiana, Anno 42, fascicolo 6, Milano, Fratelli Bocca, 1938.
  • Monumentale organo del Duomo di Milano: inaugurato in occasione del 4º centenario della nascita di San Carlo Borromeo il 4-11-1938, Crema, Tamburini, 1938.
  • Carl Locher, Manuale dell'organista: i registri dell'organo con speciale riguardo al differente loro timbro di voce e relativi fenomeni acustici ad uso degli organisti ed organari. Disposizione del monumentale organo del Duomo di Milano e statistica dei più grandi organi del mondo, 2ª edizione italiana riveduta, ampliata ed illustrata a cura di Ernesto Locher, Milano, Hoepli, 1940.
  • Catalogo degli organi costruiti dalla pontificia fabbrica d'organi comm. Giovanni Tamburini dal 1893 al 1973, Crema, Tamburini, 1977, ISBN non esistente.
  • Corrado Moretti, L'Organo italiano, Monza, Casa Musicale Eco, 1989, ISBN 88-6053-030-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]