Magic Tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Magic Tour
Tour dei Queen
Album A Kind of Magic
Inizio Stoccolma, Svezia
7 giugno 1986
Fine Stevenage, Regno Unito
9 agosto 1986
Spettacoli 26
Cronologia dei tour dei Queen
The Works Tour
(1985-1986)
/

Il Magic Tour fu la quattordicesima e ultima tournée del gruppo rock britannico Queen, svoltasi in Europa nel 1986 e legata alla promozione del loro album A Kind of Magic.

Il Tour si svolse soltanto in Europa a causa dei dissapori che nacquero con gli USA dopo il video di I Want to Break Free, che suscitò molto clamore e fu censurato da MTV.

Il tour partì in Svezia, a Stoccolma, e finì nel Parco di Knebworth, il 9 agosto 1986 anche se in realtà questa data fu fissata soltanto poco prima. Due esibizioni si svolsero nello stadio di Wembley, da dove venne tratto l'album Live at Wembley Stadium.

I Queen furono la prima band a suonare a Budapest, il 27 luglio al Népstadion della capitale ungherese, cantando inoltre un brano locale, Tavaszi Szel Vizet Araszt (lo spettacolo venne l'anno successivo immortalato nella VHS Live in Budapest).

Inoltre, per ricordare i migliori momenti live della band in questo tour, la EMI pubblicò alla fine del 1986 l'album Live Magic, testimonianza delle date a Wembley, Budapest e Knebworth.

Scaletta principale[modifica | modifica wikitesto]

  1. One Vision
  2. Tie Your Mother Down
  3. In the Lap of the Gods... revisited
  4. Seven Seas of Rhye
  5. Tear It Up (introdotto dall'assolo iniziale di Liar)
  6. A Kind of Magic + Improvvisazione vocale di Freddie Mercury
  7. Under Pressure
  8. Another One Bites the Dust
  9. Who Wants to Live Forever
  10. I Want to Break Free
  11. Impromptu (improvvisazione)
  12. Brighton Rock Solo (o anche Guitar Solo)
  13. Now I'm Here
  14. Love of My Life
  15. Tavaszi Szel Vizet Araszt (eseguita solo a Budapest)
  16. Is This the World We Created...?
  17. (You're So Square) Baby I Don't Care
  18. Hello Mary Lou (Goodbye Heart)
  19. Tutti Frutti
  20. Gimme Some Lovin' (non eseguita in tutte le serate)
  21. Bohemian Rhapsody
  22. Hammer to Fall
  23. Crazy Little Thing Called Love
  24. Big Spender (non eseguita in tutte le serate)
  25. Radio Ga Ga
  26. We Will Rock You
  27. Friends Will Be Friends
  28. We Are the Champions
  29. God Save the Queen

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Durante il Magic Tour, i Queen hanno incluso nella scaletta delle canzoni anche cinque cover:

Date[modifica | modifica wikitesto]

Data Città Stato Luogo Spettatori
Golden Rose Pop Festival 1986
11 maggio 1986 Montreux Svizzera Petit Palais 1,200
Magic Tour 1986
7 giugno 1986 Stoccolma Svezia Råsunda Stadium 37,000
11 giugno 1986 Leida Paesi Bassi Groenoordhallen 13,000
12 giugno 1986 13,000
14 giugno 1986 Parigi Francia Hippodrome de Vincennes 65,000
17 giugno 1986 Bruxelles Belgio Forest National 9,000
19 giugno 1986 Leida Paesi Bassi Groenoordhallen 13,000
21 giugno 1986 Mannheim Repubblica Federale Tedesca Maimarktgelände 86,000
26 giugno 1986 Berlino Waldbühne 22,000
28 giugno 1986 Monaco di Baviera Olympiahalle 11,000
29 giugno 1986 11,000
1º luglio 1986 Zurigo Svizzera Hallenstadion 11,000
2 luglio 1986 11,000
5 luglio 1986 Slane Irlanda Slane Castle 100,000
9 luglio 1986 Newcastle Regno Unito St. James Park 38,000
11 luglio 1986 Londra Wembley Stadium 72,000
12 luglio 1986 72,000
16 luglio 1986 Manchester Maine Road 35,000
19 luglio 1986 Colonia Repubblica Federale Tedesca Müngersdorfer Stadion 50,000
21 luglio 1986 Vienna Austria Wiener Stadthalle 12,000
22 luglio 1986 12,000
25 luglio 1986 Budapest Ungheria Népstadion -
26 luglio 1986 -
27 luglio 1986 80,000
29 luglio 1986 Cannes Francia Stade Pierre de Coubertin -
30 luglio 1986 Nizza Stade de l'Ouest -
30 luglio 1986 Fréjus Arènes de Fréjus 15,000
31 luglio 1986 Barcellona Spagna La Monumental -
1º agosto 1986 Mini Estadi 34,000
3 agosto 1986 Madrid Estadio de Vallecas 45,000
5 agosto 1986 Marbella Estadio Municipal 37,000
9 agosto 1986 Stevenage Regno Unito Knebworth Park 200,000
10 agosto 1986 Ostenda Belgio Seat Beach Rock Festival -

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]