Lupin III - Walther P38

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lupin III - Walther P38
ルパン三世 ワルサーP38
(Rupan Sansei - Warusā P38)
Lupin p38.jpg
Cover del DVD Dynit
Genereazione, fantascienza, commedia, avventura, drammatico, thriller
Film TV anime
RegiaHiroyuki Yano
MusicheYūji Ōno
StudioTMS Entertainment
ReteNippon Television
1ª TV1º agosto 1997
Aspect ratio4:3
Durata93 min
Rete it.Italia 1
1ª TV it.7 novembre 1999
Dialoghi it.Antonella Damigelli
Studio dopp. it.Edit S.r.l.
Dir. dopp. it.Roberto Del Giudice
Preceduto daLupin III - Il segreto del Diamante Penombra
Seguito daLupin III - Tokyo Crisis: Memories of Blaze

Lupin III - Walther P38 (ルパン三世 ワルサーP38 Rupan Sansei - Warusā P38?) è il nono special televisivo giapponese con protagonista Lupin III, il celebre ladro creato da Monkey Punch.
È stato trasmesso per la prima volta in Italia il 7 novembre 1999 su Italia 1 col titolo Lupin III - Nome in codice Tarantola, mentre per il mercato home video ha poi assunto i titoli Lupin III - Walther P38 e successivamente Lupin III - Walther P38: Nome in codice Tarantola.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre Lupin tenta una rapina alla villa del vicepresidente degli Stati Uniti, Zenigata riesce quasi a catturarlo. Nel frangente, una banda di assassini assalta la villa e uccide il vicepresidente insieme alle guardie del corpo. Sfruttando la confusione, Lupin cerca di scappare, ma viene messo alle corde da Zenigata: ma da una finestra, un misterioso individuo con una pistola Walther P38, simile a quella usata da Lupin, colpisce Zenigata, lasciandolo apparentemente morto. Furioso, Lupin si mette alla caccia degli assassini, ma questi scappano con un elicottero. Il ladro gentiluomo ha riconosciuto il rumore e l'aspetto dell'arma, uguali a quelli della sua prima pistola che gli fu rubata da un complice, il quale la usò per sparargli.

Indagando, Lupin scopre che la banda apparteneva alla congrega della Tarantola, una banda internazionale di assassini nascosta su un'isola non segnalata, ricoperta da gas naturali, protetta da un satellite stazionario capace di distruggere ogni aereo o nave non autorizzati.

Lupin e Jigen, dopo aver fatto infiltrare Fujiko e Goemon, riescono ad infiltrarsi attraverso la nave dei rifornimenti e si nascondono nel bosco decidendo il da farsi. Durante la prima notte, vengono attaccati dai membri della Tarantola, tra cui gli assassini che avevano assaltato la villa, ma riescono a fuggire. Successivamente Lupin fa conoscenza di Elen, una delle assassine della villa, e durante l'incontro viene catturato.

Durante la prigionia, Lupin fa la conoscenza del malvagio comandante della Tarantola, Gordeaux, che decide di far entrare Lupin nell'organizzazione, iniettando nel suo corpo un veleno che agisce nel momento in cui non si respiri il gas dell'isola, lasciando un simbolo di una tarantola sulla mano destra. Lupin è allora accompagnato da Elen a visitare l'isola e l'usanza dei suoi abitanti: alcuni di essi, non vedendo di buon occhio Lupin, lo attaccano ed Elen, per proteggerlo, lo tramortisce.

Risvegliatosi, fa la conoscenza di Doc, il quale, insieme ad Elen e altri assassini, stanno organizzando la loro fuga dall'isola attraverso una nave costruita clandestinamente, rubando l'oro accumulato da Gordeaux: Lupin, Jigen, Goemon e Fujiko accettano di unirsi a loro. Il primo obiettivo è recuperare la formula dell'antidoto dai laboratori dell'organizzazione, ottenuta attraverso l'infiltrazione di Lupin: il test svolto da Doc su se stesso dà il risultato sperato.

Intanto Lupin ed Elen sono mandati ad assassinare un obiettivo, ma i due colgono l'occasione per andare a disattivare il sistema di sicurezza satellitare; appena attraccati a terra, si iniettano l'antidoto e si recano nella clinica dove Zenigata (sopravvissuto al colpo) è in convalescenza, lasciandogli le informazioni sull'isola della Tarantola. Sull'isola, nel frattempo, i ribelli riescono ad entrare nel caveau con l'oro, caricandolo sulla nave, e piazzano esplosivi come diversivo per la base.

Infiltratisi nel centro di controllo satellitare, inseriscono il virus informatico nel programma del satellite, ma sembra non funzionare; decidono allora di tornare all'isola con un Harrier e nel viaggio scoprono che anche l'effetto dell'antidoto svanisce dopo un certo tempo. Intanto sull'isola le bombe esplodono più intensamente di quanto si fossero programmate e gli assassini fedeli a Gordeaux assaltano la nave ed una cruenta battaglia, con perdite da entrambi i lati. Fujiko scopre che i lingotti d'oro sono falsi e capisce che è una trappola, scappando dalla nave insieme a Jigen e Goemon prima che la nave venga distrutta dal satellite, con morte di tutti gli occupanti.

Gordeaux, sopravvissuto, si mette in contatto con i membri che aiutano l'organizzazione, accusando Lupin di essere dietro la distruzione della base; nello stesso momento, la stessa P38 che aveva sparato a Zenigata spara un colpo in testa al capo degli assassini e l'omicida interrompe le telecomunicazioni, spingendo i membri a decidere di distruggere l'isola col satellite che però finisce per autodistruggersi: si scopre che era tutto un piano dell'omicida, rivelatosi essere Doc, aiutato da Gordeaux, che aveva finto il suo assassinio, organizzato per scappare con tutti i lingotti. Ma Doc alla fine tradisce Gordeaux uccidendolo veramente.

Compare allora Elen furiosa per il tradimento di Doc che lo affronta ma viene da esso sopraffatta, prendendola in ostaggio e costringendo Lupin a rivelarsi: questi riconosce allora in Doc il suo primo compagno di crimine, che lo aveva tradito dopo una rapina rubandogli la sua prima Walther P38 argentata e sparandogli nella sua caduta in un aereo in mezzo al fiume, e anche lo stesso di averlo sparato a Zenigata in precedenza.

Doc allora scappa con Elen su di un dirigibile dove è caricato tutto l'oro e attiva una bomba nella centrale nucleare che dava energia all'isola. Mentre Jigen, Goemon e Fujiko corrono a disinnescare la bomba nella centrale, Lupin riesce a salire sul dirigibile ed ingaggia una lotta furibonda con il malvagio Doc. Caduti nella stiva, i due si sparano addosso contemporaneamente, Lupin ferisce Doc mentre quest'ultimo colpisce mortalmente Elen, buttatasi per salvare Lupin. Doc ricatta Lupin con la fiala di antidoto funzionante in cambio della propria vita, ma Lupin, insieme ad Elen, gli spara in testa, facendolo precipitare in mare, insieme al carico d'oro. Poco dopo Elen spira tra le braccia disperate di Lupin, che la seppellirà a fianco del fratello Alex.

Intanto Zenigata, che ha ricostruto tutta la vicenda tramite le informazioni dategli da Lupin e le indagini della sua assistente Vicky (che in realtà era stata messa lì per controllarlo, affinché non si intromettesse nelle operazioni della Tarantola che sono spalleggiate da personaggi potenti della politica mondiale) si reca sull'isola per arrestare tutti ma soprattutto Lupin, ignorando i richiami del capo dell'Interpol; Lupin, dopo aver dato il suo addio ad Elen sulla sua tomba, lascia l'isola con i suoi amici, a bordo di un dirigibile che contiene una grossa scorta del gas dell'isola, necessario finché Lupin non creerà un nuovo antidoto.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora dello special è stata composta da Yūji Ōno.

  • Lupin The Third Walther P-38 Original Soundtrack (VAP 01/10/97 VPCG-84638)
  1. Notice of Lupin's Participation
  2. Assassination Group Tarantola
  3. Rupan Sansei no Theme '97 (THEME FROM LUPIN III '97)
  4. Uncharted Island
  5. Immortal Zenigata
  6. Jack & Knife, Four Hitmen
  7. Tarantula's Fortress
  8. Eleanor's Necklase
  9. Iron Nail Of Gorudoo
  10. Human Hunt
  11. Silver Walther
  12. Request For Murder
  13. Natto Meal
  14. Escape Plane
  15. Two People's Past
  16. Promise
  17. Flower Boat
  18. Lupin's Visit
  19. Move Out
  20. Eleanor's Death
  21. Bomber's Suicide
  22. Tarantula's Crest
  23. Doctor Betrayal
  24. Don't Forget My Eyes
  25. Don't Forget My Eyes (Karaoke)

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Lupin III Kan'ichi Kurita Roberto Del Giudice
Daisuke Jigen Kiyoshi Kobayashi Sandro Pellegrini
Fujiko Mine Eiko Masuyama Alessandra Korompay
Goemon Ishikawa Makio Inoue Antonio Palumbo
Ispettore Koichi Zenigata Gorō Naya Rodolfo Bianchi
Ellen Emi Shinohara Beatrice Margiotti
Doc Masane Tsukayama Roberto Certomà
Vicky[1] Tetsuya Iwanaga Laura Latini
Jack Shō Hayami Luciano Roffi

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito su VHS per conto di Medusa Video nel 2000 in edizione integrale.

Il 9 giugno 2004 Dynit ha edito lo special in DVD.[2] Il DVD, oltre al film, contiene vari extra, come schede dei personaggi, trailer e informazioni aggiuntive. Nel 2008 Yamato Video l'ha ristampato modificando solo la copertina, mentre l'authoring del DVD è lo stesso della versione Dynit.

In Giappone il film è stato rimasterizzato in alta definizione e venduto in formato Blu-ray Disc all'interno della raccolta LUPIN THE BOX - TV Special BD Collection (LUPIN THE BOX ~ TV スペシャルBDコレクション~?).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nella versione originale giapponese il personaggio di Vicky è un maschio, in Italia è una femmina, errore dovuto alle sue sembianze vagamente femminili.
  2. ^ Lupin III - Walther P38

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga