Nippon Television

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nippon Television
Logo
Logo
StatoGiappone Giappone
Forma societariaKabushiki-gaisha
Borse valoriBorsa di Tokyo: 9404
Fondazione28 ottobre 1952
Fondata daMatsutaro Shoriki
Sede principaleMinato (Tokyo)
GruppoNippon Television Holdings, Inc.
Persone chiaveYoshio Okubo (presidente)
SettoreMedia
ProdottiProgrammi televisivi
Sito webwww.ntv.co.jp/
Il quartier generale della Nippon Television a Minato-ku, Tokyo, Giappone.

La Società per azioni emittente Nippon Television (日本テレビ放送網株式会社 Nihon Terebi Hōsōmō Kabushiki-gaisha?) è una emittente televisiva privata avente sede a Shiodome, nel distretto di Shimbashi, all'interno del quartiere speciale di Minato a Tokyo. È l'emittente di punta della Nippon Television Network System, una controllata della Nippon Television Network Corporation che è una sussidiaria dell'azienda radiotelevisiva Nippon Television Holdings Inc., a sua volta sussidiaria ella della Yomiuri Shimbun Holdings, gruppo di proprietà della società editrice dell'omonimo quotidiano. È conosciuta anche col nome di Nihon TV (日本テレビ Nihon Terebi?), abbreviata talvolta in Nittele (日テレ Nittere?), o "NTV".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 agosto 1953, Nippon TV ha cominciato la sua messa in onda televisiva come prima emittente commerciale, ed il 10 settembre 1960 ha cominciato a trasmettere a colori. Il 1º aprile 1966, la Nippon TV creò la Nippon News Network (NNN), e la Nippon Television Network System (NNS) nel 1973. Nel 1985, la Nippon TV completò uno studio a New York. Nel luglio del 2003, il logo della Nippon TV (日本テレビ) venne abbreviato a Nittele (日テレ). Il 29 febbraio 2004, il quartier generale venne portato da Kojimachi a Shiodome.

Trasmissioni[modifica | modifica wikitesto]

Drama[modifica | modifica wikitesto]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150810954 · ISNI (EN0000 0001 1882 5922 · LCCN (ENn81132104 · GND (DE5034817-6 · BNF (FRcb16208334d (data) · J9U (ENHE987007438990705171 · NDL (ENJA00258117 · WorldCat Identities (ENlccn-n81132104