Hans Tuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hans Tuzzi (a destra) con Robert Darnton al Festivaletteratura, Mantova, 8 settembre 2018

Hans Tuzzi, pseudonimo di Adriano Bon (Milano, 1952), è uno scrittore e saggista italiano.

Consulente editoriale e docente universitario al master in editoria cartacea e multimediale all'Università di Bologna, con lo pseudonimo Hans Tuzzi, che è un personaggio del romanzo L'uomo senza qualità di Robert Musil, ha scritto romanzi e saggi, una serie di romanzi gialli ambientati a Milano con protagonista il commissario Norberto Melis e una serie di gialli storici con protagonista Neron Vukcic. Ha collaborato all'inserto culturale del Il Sole 24 Ore e al Corriere della Sera[1]; pubblica sulla rivista Paragone.[2]

Il ciclo del Commissario Melis[modifica | modifica wikitesto]

"Il ciclo di Melis ha l'ambizione di rappresentare l'Italia dal 1978 (rapimento Moro) sino alla crisi della Prima Repubblica, gli anni in cui si svilisce la grammatica di una civiltà".[3]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il maestro della testa sfondata, Torino, Bollati Boringhieri, 2016, ISBN 978-88-339-2132-7. Parma, Guanda, 2005, ISBN 88-8246-731-7. Milano, Bonnard, 2002, ISBN 88-86842-48-1
  2. Perché Yellow non correrà, Torino, Bollati Boringhieri, 2016, ISBN 978-88-339-2133-4. Parma, Guanda, 2006. ISBN 88-8246-730-9. Milano, Bonnard, 2003, ISBN 88-86842-86-4
  3. Come il cielo sull'Annapurna, Milano, Bonnard, 2004. ISBN 88-86842-74-0, riedito con il titolo Un posto sbagliato per morire, Torino, Bollati Boringhieri, 2011, ISBN 9788833930053
  4. Tre delitti un'estate. Calde vacanze per il commissario Melis, Milano, Bonnard, 2005, ISBN 88-89609-01-X. (comprende Il principe dei gigli, Casta Diva, Fuorché l'onore riediti da Bollati Boringhieri in tre volumi separati: 2012, ISBN 9788833923543; 2013, ISBN 8833924076; 2015, ISBN 8833924084).
  5. La morte segue i magi, Torino, Bollati Boringhieri, 2009, ISBN 978-88-339-1972-0.
  6. L'ora incerta tra il cane e il lupo, Torino, Bollati Boringhieri, 2010, ISBN 978-88-339-2065-8.
  7. Un gatto alla finestra, Milano, Il Sole 24 Ore Racconti d'autore, 2012.
  8. Un enigma dal passato, Torino, Bollati Boringhieri, 2013, ISBN 978-88-339-2439-7, finalista al premio Provincia in giallo 2013.[4]
  9. La figlia più bella, Torino, Bollati Boringhieri, 2015, ISBN 978-88-339-2639-1.
  10. La belva nel labirinto, Torino, Bollati Boringhieri, 2017, ISBN 9788833928685.
  11. La vita uccide in prosa, Torino, Bollati Boringhieri, 2018, ISBN 9788833930695.
  12. Polvere d’agosto, Torino, Bollati Boringhieri, 2019, ISBN 978-88-339-3220-0

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il fico egoista, in M. Cassani et al., Ritratto dell’investigatore da piccolo, Milano, TEA, 2017, ISBN 9788850244560.
  2. La notte, di là dai vetri, Torino, Bollati Boringhieri, 2019, ISBN 9788833933153 (comprende i romanzi brevi Il sangue dell'innocente e Un gatto alla finestra e il racconto lungo A lume di candela).

Ciclo di Neron Vukcic[modifica | modifica wikitesto]

Il primo romanzo, ambientato nel giugno 1914, ha come protagonista Neron Vukcic, un agente segreto asburgico: secondo alcuni si tratta di un Nero Wolfe prima di Wolfe, anche se l'autore precisa che diversi particolari minori, ma essenziali, contraddicono la biografia del personaggio di Rex Stout.[5]

Finita la guerra, nel 1921 Neron Vukcic si reca ad Alessandria d'Egitto. La cosmopolita città egiziana fa da sfondo a Il sesto Faraone, secondo romanzo della serie, dove Vukcic si troverà a indagare su tre delitti.

  1. Il Trio dell'arciduca, Bollati Boringhieri, Torino, 2014 (Finalista al Premio Letterario Corrado Alvaro – Libero Bigiaretti 2015), ISBN 9788833927695
  2. Il sesto Faraone, Bollati Boringhieri, Torino, 2016, ISBN 978-88-339-2755-8
  3. Al vento dell’Oceano, Bollati Boringhieri, Torino, 2017, ISBN 978-88-339-2880-7

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Saggi di bibliofilia[modifica | modifica wikitesto]

Con il medesimo pseudonimo o con il suo vero nome ha firmato anche numerosi saggi di argomento vario, tra cui, particolarmente apprezzati, quelli di bibliofilia e storia del libro.

  • Hans Tuzzi, Collezionare libri antichi, rari, di pregio (prefazione di Alessandro Olschki), Milano, Bonnard, 2000. ISBN 88-86842-19-8.
  • Hans Tuzzi, Gli strumenti del bibliofilo. Variazioni su come leggere cataloghi e bibliografie, Milano, Bonnard, 2003. ISBN 88-86842-62-7.
  • Hans Tuzzi, Libro antico libro moderno. Per una storia comparata, Milano, Bonnard, 2006. ISBN 88-89609-10-9. Carocci, Roma, 2018. ISBN 9788843093496.
  • Hans Tuzzi, Gli occhi di Rubino. Di cani, di libri, di cani nei libri, Milano, Bonnard, 2006. ISBN 978-88-89609-21-7.
  • Hans Tuzzi, Bestiario bibliofilo. Imprese di animali nelle marche tipografiche dal XV al XVIII secolo (e altro), Milano, Bonnard, 2009. ISBN 978-88-89609-51-4.
  • Hans Tuzzi, Il mondo visto dai libri, Milano, Skira, 2014, ISBN 978-88-572-2655-2.

Testi di viaggi o di memoria[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hans Tuzzi, su Festivaletteratura di Mantova. URL consultato il 24 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2016).
  2. ^ Hans Tuzzi, su Paragone. URL consultato il 24 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2016).
  3. ^ intervista a Fahrenheit, 24 giugno 2015
  4. ^ Premio letterario La Provincia in Giallo - 2013, su La Provincia in Giallo. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  5. ^ Roberto De Caro, Nero Nero Sette, l'Espresso, 18.04.2014 e Salvina Pizzuoli intervista HT, Prosa e poesia, 26 aprile 2014
  6. ^ Premio Comisso - 2013, in Premio Letterario Giovanni Comisso, 8 maggio 2016. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  7. ^ Premio Asti d'Appello - 2014, su Premio Asti d'Appello. URL consultato il 24 ottobre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN38070351 · ISNI (EN0000 0001 1591 3556 · SBN IT\ICCU\CFIV\061343 · LCCN (ENn85366912 · GND (DE132128373 · BNF (FRcb12448957b (data) · NLA (EN35806472 · BAV ADV12065869 · WorldCat Identities (ENn85-366912