Gregor Townsend

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gregor Townsend
Dati biografici
Nome Gregor Peter John Townsend
Paese Regno Unito Regno Unito
Altezza 183 cm
Peso 93 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Scozia Scozia
Ruolo Mediano d'apertura
Ritirato 2007
Carriera
Attività di club¹
1991-1995 Gala
1992 Warringah
1995 Warringah
1996-1998 Northampton
1998-2000 Brive
2000-2002 Castres
2004-2005 Montpellier 24 (26)
Attività in franchise
2002-2004 Borders 8 (12)
2004 Sharks 7 (5)
2005-2007 Borders 27 (25)
Attività da giocatore internazionale
1993-2003
1997
Scozia Scozia
British Lions
82 (164)
2 (0)
Attività da allenatore
2008-2012 Scozia Scozia All. 2ª
2012-2017 Glasgow
2017- Scozia Scozia

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 15 giugno 2017

Gregor Peter John Townsend (Galashiels, 26 aprile 1973) è un allenatore ed ex giocatore di rugby a 15, già internazionale per la Scozia e per i British and Irish Lions nel ruolo di mediano d'apertura; da allenatore ha guidato dal 2012 la franchise scozzese dei Glasgow Warriors in Pro12 e, dal 2017, è il commissario tecnico della Scozia.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Townsend, riconosciuto come uno tra i mediani d'apertura più talentuosi prodotti dal rugby scozzese[1][2], crebbe nel Gala RFC, club della sua città natale di Galashiels nei Borders[1].

Nel 1992 ebbe una breve esperienza in Australia nel Warringah RFC, squadra di Sydney[1] e, al ritorno, debuttò in Nazionale scozzese durante il Cinque Nazioni 1993 a Twickenham contro l'Inghilterra. Nel 1995 fu di nuovo al Warringah e rifiutò un'offerta di Rod Macqueen per entrare nella appena formatasi franchise di Canberra degli ACT Brumbies[3].

Divenne professionista nel 1996 e si trasferì in Inghilterra al Northampton per un biennio; nel 1997 prese parte al tour dei British and Irish Lions in Sudafrica, in due test match dei quali scese in campo. Nel 1998 fu in Francia al Brive e poi al Castres e, nel 1999, alla Coppa del Mondo con la Scozia.

Nel 2002 fu alla neonata formazione scozzese di Celtic League dei Border Reivers e fu, ancora, presente alla Coppa del Mondo di rugby 2003 in Australia, nel corso della quale disputò a Brisbane il suo ultimo incontro internazionale, proprio contro i padroni di casa degli Wallabies. Al momento del suo ritiro internazionale aveva 82 presenze (più due con i British Lions) che ne facevano all'epoca il recordman di presenze per la Scozia[4].

Subito dopo il suo ritiro internazionale[5] Townsend annunciò di avere firmato un contratto semestrale per la franchise sudafricana di Super 12 degli Sharks[4][5], con cui disputò la stagione di Super 12 2004 prima di tornare di nuovo in Francia per una stagione al Montpellier[6] e, infine, terminare la sua carriera di nuovo ai Border Reivers, complice anche la chiusura del club nel piano di riduzione operato nel 2007 dalla federazione scozzese[1].

Nel giugno 1999 era stato anche insignito dell'onorificenza di membro dell'Ordine dell'Impero Britannico per i suoi contributi al rugby scozzese[7]

Subito dopo il ritiro divenne allenatore in seconda della Scozia, prima come collaboratore di Frank Hadden, poi di Andy Robinson[8]; dal 2012 è l'allenatore-capo dei Glasgow Warriors, franchise di Pro12[9].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per il contributo al rugby»
— 12 giugno 1999[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) David Sharp, Fond farewell to a flawed genius, in BBC, 12 maggio 2007. URL consultato l'11 aprile 2014.
  2. ^ Connor,  pag. 81
  3. ^ (EN) Brendan Gallagher, Townsend signs on to swim with Sharks, in Daily Telegraph, 30 dicembre 2003. URL consultato l'11 aprile 2014.
  4. ^ a b (EN) Townsend the bait for circling Sharks, in Evening Chronicle (Newcastle upon Tyne), 30 dicembre 2003. URL consultato l'11 aprile 2014 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2014).
  5. ^ a b (EN) Brendan Gallagher, Townsend signs on to swim with Sharks, 30 dicembre 2003. URL consultato l'11 aprile 2014.
  6. ^ (FR) Un petit Poucet qui ne gaspille pas ses cailloux, in La Dépêche du Midi, 1º settembre 2004. URL consultato l'11 aprile 2014.
  7. ^ a b (EN) Sports stars top the list, in BBC, 12 giugno 1999. URL consultato l'11 aprile 2014.
  8. ^ (EN) Phil Wilkins, Out of this sad defeat there is a little comfort to be found - Sydney club rugby helped Scots win, in The Sydney Morning Herald, 24 novembre 2009. URL consultato l'11 aprile 2014.
  9. ^ (EN) Alasdair Reid, Gregor Townsend at heart of Glasgow Warriors' rise to the top of the RaboDirect Pro 12 table, in Daily Telegraph, 11 ottobre 2013. URL consultato l'11 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN6928420