Gradasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miniatura con Gradasso e Marfisa

Gradasso è un re Saraceno nell'Orlando Furioso e nell'Orlando innamorato

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Orlando Innamorato[modifica | modifica wikitesto]

Gradasso è il primo dei guerrieri saraceni a comparire nel poema cavalleresco di Matteo Maria Boiardo; re di Sericana, giunge con un immenso esercito attraverso l'India, la Persia, l'Arabia, l'Africa in Spagna per combattere contro il re Marsilio soccorso da Carlo Magno e, dopo un duello con Rinaldo, rimasto interrotto a causa di una miracolosa scomparsa di quest'ultimo, accordatosi con Marsilio invade la Francia. Tutti i paladini cristiani e lo stesso Carlo rimangono suoi prigionieri. Gradasso decide così di chiedere come riscatto il cavallo Baiardo di Rinaldo e la spada Durlindana del paladino Orlando. Ottenuto il consenso del monarca si vede sfidato dallo stravagante soldato Astolfo che incredibilmente riesce a battere il sovrano saraceno e a farlo ripiegare in Oriente.

Orlando Furioso[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto Gradasso perde l'alone favoloso presente nell'opera precedente e diventa un semplice cavaliere saraceno dotato però di una forza e di un valore eccezionali. Durante questo poema però Gradasso riesce ad ottenere i suoi oggetti del desiderio: infatti durante uno scontro tra due fazioni dell'esercito saraceno riesce ad ottenere la spada Durlindana mentre poco dopo, incontratosi con Rinaldo riprende il duello interrotto nell'Innamorato e si impossessa di Baiardo. Gradasso compare un'ultima volta sull'isola di Lipadusa per offrire supporto al re Agramante offrendosi come compagno contro il paladino Orlando. Qui riuscirà ad uccidere Brandimarte, ma sarà a sua volta ucciso da Orlando.