Dardinello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dardinello
Saga ciclo carolingio
Autore Ludovico Ariosto (Orlando furioso)
Sesso Maschio
Luogo di nascita Zumara
Affiliazione Esercito saraceno

Dardinello è un personaggio del poema epico-cavalleresco Orlando Furioso di Ludovico Ariosto.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Dardinello è il più giovane dei sovrani saraceni che sotto la guida di Agramante, il loro capo assoluto, assediano Carlo Magno a Parigi. Viene presentato come quel della Zumara e figlio di Almonte[1].

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la giovane età, Dardinello si batte con grande passione: alcuni cristiani vengono da lui feriti in combattimento, ma molti di più sono quelli che finiscono sue vittime. Tra questi ultimi il più celebre è forse Guglielmo da Burnich, il giovane guerriero inglese dalla statura gigantesca, drasticamente ridotta dalla spada del saraceno che mozza la sua grande testa.[2]; Dardinello uccide poi con un colpo di lancia Lurcanio, reduce dall'aver ammazzato Alteo, il miglior amico del re moro. [3] . Rinaldo allora interviene per fermare Dardinello, lo affronta a duello e lo uccide.[4]. Al calar delle tenebre Cloridano e Medoro, due soldati mori agli ordini di Dardinello e di poco più giovani di lui, entrano nel campo cristiano per recuperare il corpo del loro signore: riescono a trovarlo e se lo caricano sulle spalle, ma Cloridano viene ucciso da una torma di cavalieri scozzesi, mentre Medoro, rimasto gravemente ferito dai suddetti, riceve le cure della bella Angelica, che provvederà poi a seppellire Cloridano e Dardinello.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Orlando Furioso, XIV, 28.
  2. ^ Orlando Furioso, XVIII, 52.
  3. ^ Orlando Furioso, XVIII, 55-56.
  4. ^ Orlando Furioso, XVIII, 153.
  5. ^ Orlando Furioso, XIX.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura