Marsilio (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marsilio
Sagaciclo carolingio
SessoMaschio

Marsilio di Saragozza è un personaggio letterario che compare in molti poemi e cantari cavallereschi. È il capo dei Saraceni di Spagna che si oppongono a Carlo Magno. Il suo albero genealogico, anche se figura fittizia, è già noto e articolato fra i cantori: sua moglie è Bramimonda, sua figlia Fiordispina, suo figlio Matalista, mentre Follicone è un altro suo figlio ma illegittimo. Balugante e Falsirone (personaggi importanti nei poemi) sono suoi fratelli. Marsilio ha tre nipoti: Ferraù, Isolieri e Serpentino. È anche il cognato di Carlo Magno, da che è fratello di sua moglie Galerana.
I fatti successivi sono a metà tra letteratura e storia. Si possono trovare (molto romanzati) cantati nella Spagna e nella Chanson de Roland.

Marsilio compare nei seguenti poemi:

Nell’Orlando innamorato e nel Furioso si allea coi Mori d'Africa di Agramante e con Gradasso per sconfiggere i Franchi; ma quando Agramante infrange un sacro patto fatto con Carlo, Marsilio capisce che le cose per lui si mettono male e se ne torna in Spagna.

Secondo la Chanson e la Spagna, Marsilio, già gravemente ferito, muore di dolore nel vedere Saragozza in mano a Carlo, mentre secondo Pulci viene impiccato dai Franchi con Falsirone.