Giuseppe Lorenzetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Lorenzetti
Giuseppe Lorenzetti.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Carriera
Giovanili
Lazio
Squadre di club1
1967-1969 Lazio 8 (0)
1969-1970 Livorno 22 (1)
1970-1973 Alessandria 108 (21)
1973-1974 Rimini 38 (7)
1974-1977 Foggia 21 (2)
1977-1978 Rimini 28 (5)
1978-1980 Foggia 21 (2)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giuseppe Lorenzetti (Roma, 19 marzo 1948Roma, 11 luglio 2013) è stato un calciatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver avuto i primi contatti col calcio presso l'oratorio della Basilica di Cristo Re a Roma, divenne calciatore professionista nella Lazio, e militò in varie squadre di Serie B e C negli anni settanta. Era soprannominato "Pepetto" o "Beppe".

Al termine della carriera di calciatore visse sull'Isola d'Elba; fu tra i preparatori dell'Audace di Portoferraio[1] e degli arbitri livornesi[2]. È morto nel 2013, all'età di 65 anni[3].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Mezzala, il giornalista Ugo Boccassi ne sottolineava le doti offensive, sia come regista («il tocco improvviso e smarcante»), sia come incursore («il guizzo repentino che sbilancia l'avversario»), aggiungendo: «unico neo: la tenuta»[4]. La cronista alessandrina Mimma Caligaris lo ha descritto «geniale nelle sue giocate, anche se un po' discontinuo»[5].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi: Lazio e Livorno[modifica | modifica wikitesto]

Si distinse nelle formazioni giovanili della Lazio con cui vinse vari trofei, tra cui un campionato De Martino per formazioni di Serie B nel 1967-1968; nella stessa stagione debuttò in prima squadra, nella gara Lazio-Perugia del 5 novembre 1967[6]. Al termine del successivo campionato (1968-1969) la formazione capitolina ottenne la promozione in A. Nella stagione 1969-1970 militò titolare nel Livorno, nuovamente tra i cadetti[7].

Alessandria[modifica | modifica wikitesto]

Lorenzetti (accosciato, secondo da sinistra) nell'Alessandria della stagione 1970-1971

Particolarmente significativa fu l'esperienza all'Alessandria, in Serie C, durata tre stagioni, tra il 1970 e il 1973. Lorenzetti è considerato tra i giocatori grigi più rappresentativi di quel periodo; la società, alla sua scomparsa, lo annoverò «tra i più grandi di sempre»[8]. In quell'occasione Gigi Poggio, addetto stampa dell'Alessandria lo ricordò come «un giocatore di grandissima qualità. Basti pensare a cosa c'era scritto su uno striscione a lui dedicato che campeggiava sugli spalti del Moccagatta: "Rivera più Benetti, uguale Lorenzetti"»[9]. In quel periodo fu convocato anche nella Nazionale di Serie C[9].

La formazione grigia, disputò con Lorenzetti in campo tornei di vertice, mancando per tre anni consecutivi la promozione in B per pochi punti; è ricordato in particolare per la doppietta che decise la gara contro la Pro Vercelli del 14 maggio 1972, la quale permise all'Alessandria di tentare una rimonta (poi fallita) sul capolista Lecco[10], e per l'assist a Salvadori in occasione di Alessandria-Parma del 18 marzo 1973, scontro diretto vinto dai Grigi, poi terzi al termine del campionato per un solo punto[11]. Firmò inoltre due reti decisive durante i tempi supplementari della finale della prima edizione della Coppa Italia Semiprofessionisti, nel 1973; l'Alessandria superò l'Avellino per 4-2[3][12].

Rimini e Foggia[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni alternò la maglia del Rimini a quella del Foggia. La società dauna lo acquistò nel 1974 per 130 milioni di lire e la comproprietà del libero Gianni Marella[13]. Malgrado diversi problemi fisici e una maggiore concorrenza, fece parte della rosa che conseguì nel 1975-1976 la promozione in massima serie (la seconda della sua carriera)[3], debuttandovi poi il 12 dicembre 1976, in Lazio-Foggia 0-0[7][14].

In carriera ha totalizzato complessivamente 4 presenze in Serie A e 77 presenze e 9 reti in Serie B.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

[7][15][16]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1967-1968 Italia Lazio B 4 0 CI 0 0 4 0
1968-1969 B 4 0 CI 0 0 4 0
Totale Lazio 8 0 0 0 8 0
1969-1970 Italia Livorno B 21 1 CI 1+[17] 0 22+ 1
1970-1971 Italia Alessandria C 37 9 - - - 32 0
1971-1972 C 36 5 - - - 36 5
1972-1973 C 36 7 CI-S 12 6 48 13
Totale Alessandria 109 21 12 6 121 27
1973-1974 Italia Rimini C 38 7 CI-S ? ? 38+ 7+
1974-1975 Italia Foggia B 15 2 CI 4 1 19 3
1975-1976 B 5 0 CI 4 3 8 3
1976-1977 A 4 0 CI 0 0 4 0
1977-1978 Italia Rimini B 28 5 CI 2 1 30 6
Totale Rimini 66 12 2+ 1+ 68+ 13+
1978-1979 Italia Foggia B 10 1 CI 3 0 13 1
1979-1980 C1 11 1 CI-S ? ? 11+ 1+
Totale Foggia 45 4 11+ 4+ 56+ 8+
Totale carriera 249 38 26+ 11+ 275+ 49+

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 1968-1969
Alessandria: 1972-1973

Altre competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 1967-1968

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L’Audace scommette tutto sui giovani, Iltirreno.gelocal.it, 26 agosto 2005. URL consultato il 12 luglio 2013.
  2. ^ 1980-1990 Bergamo Internazionale, Serie “A” per Tani e Ceccarini, Aialivorno.it. URL consultato il 13 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2008).
  3. ^ a b c Mimma Caligaris, Addio a Lorenzetti, conquistò la Coppa Italia con i Grigi[collegamento interrotto], Ilpiccolo.net, 12 luglio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013.
  4. ^ Boccassi Dericci, p. 287.
  5. ^ Caligaris, Grigi100, p. 122.
  6. ^ Tutti lieti del pareggio, ma il Perugia ha fallito due reti, da L'Unità, 6 novembre 1967, p. 8. La prova di Lorenzetti è definita dal cronista «scialba», con l'attenuante di essere stato «poco servito dai compagni»
  7. ^ a b c Beltrami, 1978, p. 46.
  8. ^ In ricordo di Beppe Lorenzetti, Alessandriacalcio.it, 12 luglio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013.
  9. ^ a b Francesco Conti, L'Alessandria dice addio a 'Pepetto' Lorenzetti, Radiogold.it, 12 luglio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013.
  10. ^ Caligaris, Grigi100, pp. 122-123.
  11. ^ Caligaris, Grigi100, p. 124-125. Anche nell'intervista post-partita a La Stampa, Salvadorì attribuì il merito della rete a Lorenzetti: «Non so come abbia potuto vedermi così bene smarcato». Si veda: Cristiano Chiavegato, "Un grazie a Lorenzetti, da Stampa Sera, 19 marzo 1973, p. 14
  12. ^ Caligaris, Grigi100, pp. 125-126.
  13. ^ Toneatto confermato dal Foggia, da L'Unità, 4 luglio 1974, p. 1974
  14. ^ «Un elogio [dall'allenatore Puricelli] è stato fatto al giovane Lorenzetti, che ha esordito in Serie A contro la sua ex squadra dimostrando di possedere delle ottime doti, anche se è stato costretto ad abbandonare il campo perché ancora non ha nelle gambe la tempra per giocare l'intera partita sul filo del buon ritmo». Si veda: Paolo Caprio La Lazio pensa a guidare la danza..., da L'Unità, 13 dicembre 1976, p. 8
  15. ^ Boccassi Dericci, pp. 293-294.
  16. ^ Beltrami, 1979, pp. 233, 267-268.
  17. ^ Mancano i tabellini delle gare Bari-Livorno del 31 agosto 1969 e Livorno-Arezzo del 3 settembre 1969

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1979. Modena, Panini, 1978.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1980. Modena, Panini, 1979.
  • Ugo Boccassi, Enrico Dericci, Marcello Marcellini. Alessandria U.S.: 60 anni. Milano, G.E.P., 1973.
  • Mimma Caligaris. Grig100. Un secolo di Alessandria in cento partite. Alessandria, Il Piccolo, 2012.
  • L'Unità, varie annate.
  • La Stampa, varie annate.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]