Carlo Antonio Casnedi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Antonio Casnedi (Milano, 1643Badajoz, 1725) è stato un teologo e gesuita italiano, sostenitore del probabilismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Milano da Francesco Maria, futuro senatore, e Caterina Rumi, Carlo Antonio Casnedi entrò nel noviziato della Compagnia di Gesù a Novellara (Reggio Emilia).

Studiò presso il Collegio Romano e divenne poi professore di umanità e di teologia a Milano, presso il Collegio di Brera.

Negli anni Ottanta del Seicento fu confessore del governatore di Milano Juan Tomás Enriquez de Cabrera.

Quando nel 1686 de Cabrera tornò a Madrid, Casnedi lo seguì, rimanendogli sempre fedele, mentre De Cabrera divenne un uomo chiave nella vita politica spagnola di fine secolo, ereditando dal padre il titolo di almirante de Castilla e svolgendo per alcuni anni, durante il regno di Carlo II, il ruolo di valido.

Durante la guerra di successione spagnola de Cabrera fuggì a Lisbona per organizzare la resistenza antiborbonica e Casnedi lo seguì nonostante il divieto del Generale della Compagnia, Tirso González de Santalla, che minacciò anche di scomunicarlo.

Giunto a Lisbona ricevette la protezione del re portoghese, e durante il generalato di Michelangelo Tamburini fu riabilitato all'interno della Compagnia e ricoprì a Lisbona il ruolo di visitatore e di vice-provinciale.

Fu esecutore testamentario dell'enorme fortuna che De Cabrera aveva lasciato alla Compagnia di Gesù, e si occupò delle delicate polemiche dei riti cinesi, che in quegli anni mettevano in difficoltà la presenza della Compagnia in Cina.

Caduto in disgrazia presso il re portoghese, fu espulso dal Portogallo e morì ottantenne in Spagna, a Badajoz.

La Crisis theologica[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni del XVII secolo, Casnedi si dedicò alla stesura di una poderosa opera di teologia, la Crisis Theologica, che fu stampata solo più tardi a Lisbona (1711-1719).

Si trattava di un testo in difesa del probabilismo, il sistema di teologia morale più diffuso all'interno della Compagnia, che in quegli anni era messo in discussione dallo stesso Generale dell'ordine, che lo considerava troppo pericoloso per le possibili derive lassiste.

Questa posizione del Generale causò una vera e propria frattura all'interno dell'ordine, che si ridimensionò dopo la morte di González ma non fu mai definitivamente risolta.

Nel suo libro Casnedi vuole dimostrare l'origine antica del probabilismo, attraverso ampie citazioni dei Padri della Chiesa e di San Tommaso, mettendo così in luce la fedeltà di tale sistema alla tradizione della chiesa; nel I tomo egli difende l'autorità del pontefice e l'infallibilità dei suoi pronunciamenti.

Il libro fu violentemente attaccato nel XVIII secolo dai rigoristi italiani (Ballerini, Migliorini, Daniele Concina, Patuzzi), e dalla pubblicistica antigesuitica francese.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emanuele Colombo, Un gesuita inquieto. Carlo Antonio Casnedi (1643-1725) e il suo tempo, Soveria Mannelli 2007.
  • F. Argelati, Casnedi Carolus Antonius, in Bibliotheca scriptorum Mediolanensium, Mediolani 1745, vol. I, col 334; vol. II, col. 1971;
  • A. Astrain, Historia de la Compañia de Jesus en la asistencia de España, Madrid 1902-1925, vol. VI, pp. 169–170;
  • P. Bernard, Casnedi Charles Antoine, in Dictionnaire de Théologie Catholique, Paris 1909-1967, vol. II/2, coll. 1822-1823;
  • Casnedi Charles Antoine, Sommervogel, vol. II, coll. 810-811; vol. XI, col. 1638;
  • A. e A. de Backer, Bibliothèque des écrivains de la Compagnie de Jésus, Liege 1858, t. IV, pp. 104–105;
  • A. de Bil, Casnedi Carlo Antonio, in Dictionnaire d'Histoire et Géographie Ecclésiastiques, Paris 1912-2005, vol. XI, coll. 1300-1301, Paris 1949;
  • H. Hurter, Nomenclator Literarius Theologiae Catholicae, t. IV, Oeniponte 1910, coll. 1300-1301;
  • F. Raco, Casnedi Carlo Antonio, DBI, vol. XXI, pp. 371–372; F. Rodrigues, História da Companhia de Jesus na assistência de Portugal, Porto 1931-1950, t. IV/I, pp. 437–440;
  • J.E. de Uriarte-M. Lecina, Biblioteca de escritores de la Compañía de Jesús, t. II, Madrid 1930, pp. 142–143;
  • G. Rumi, Casnedi Carlo Antonio, in Dizionario della Chiesa ambrosiana, Milano, 1987-1993, vol. II, p. 733;
  • M. Zanfredini, Casnedi Carlo Antonio, in Diccionario Histórico de la Compañía de Jesús, Roma-Madrid 2001, p. 690.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2900706 · ISNI: (EN0000 0000 4780 0399 · SBN: IT\ICCU\USMV\595355 · LCCN: (ENno2007139782 · GND: (DE104246618
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie