Bring on the Night

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bring on the Night

Artista Sting
Tipo album Live
Pubblicazione 1986
Durata 83 min. : 42 sec.
Dischi 2
Tracce 13
Genere Jazz
Etichetta A&M Records
Sting - cronologia
Album successivo
(1987)

Bring on the Night è un doppio album dal vivo di Sting, pubblicato nel 1986.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

L'album venne pubblicato dopo il suo primo album solista, The Dream of the Blue Turtles, e conteneva pezzi suonati nella tournée di lancio di questo durante l'anno precedente. Tra gli strumentisti che figurano nella band troviamo Branford Marsalis, Omar Hakim (ex batterista dei Weather Report), Kenny Kirkland (scomparso nel 1998), Darryl Jones. Questo disco accentua la svolta jazzistica di Sting, con svariate improvvisazioni disseminate nei suoi pezzi. Inoltre molte delle canzoni presenti sono brani suonati dai Police e qui riarrangiati, sempre in chiave jazzistica, come Driven to Tears o Tea in the Sahara. Il disco prende il nome dal terzo singolo di Reggatta de Blanc, secondo disco dei Police.

L'album raggiunge la seconda posizione il classifica in Olanda e la nona in Austria, il Disco d'argento nel Regno Unito e vince il Grammy Award for Best Long Form Music Video nel 1987 ed il Grammy Awardper Best Pop Vocal Performance, Male nel 1988.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Disco 1[modifica | modifica sorgente]

  • Lato A
  1. Bring on the Night / When the World is Running Down, You Make the Best of What's Still Around (live in Parigi)
  2. Consider Me Gone (live in Parigi)
  3. Low Life (live in Roma)
  • Lato B
  1. We Work the Black Seam (live in Parigi)
  2. Driven to Tears (live in Parigi)
  3. The Dream of the Blue Turtles / Demolition Man (live in Parigi)

Disco 2[modifica | modifica sorgente]

  • Lato C
  1. One World (Not Three) / Love is the Seventh Wave (live in Parigi)
  2. Moon Over Bourbon Street (live in Parigi)
  3. I Burn for You (Live in Arnhem)
  • Lato D
  1. Another Day (Live in Roma)
  2. Children's Crusade (Live in Arnhem)
  3. Down So Long (Live in Arnhem)
  4. Tea in the Sahara (Live in Arnhem)

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz