Symphonicities

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Symphonicities

Artista Sting
Tipo album Studio
Pubblicazione 13 luglio 2010
Durata 55 min : 39 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Musica classica
Etichetta Deutsche Grammophon
Produttore Rob Mathes e Sting
Registrazione 2009
Formati CD, musica digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Italia Italia[3]
(Vendite: 30.000)
Dischi di platino Polonia Polonia (4)[1]
(Vendite: 100.000)
Ungheria Ungheria[2]
(Vendite: 6.000)
Sting - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo
(2013)

Symphonicities è il decimo album studio del musicista inglese Sting, pubblicato il 13 luglio 2010. In questo album Sting reinterpreta alcuni dei propri brani con l'accompagnamento della Royal Philharmonic Orchestra diretta da Steven Mercurio nei brani 4, 5, 7 e 8.[4]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Tutti i brani sono stati scritti da Sting.

  1. Next to You
  2. Englishman in New York
  3. Every Little Thing She Does Is Magic
  4. I Hung My Head
  5. You Will Be My Ain True Love
  6. Roxanne
  7. When We Dance
  8. The End of the Game
  9. I Burn for You
  10. We Work the Black Seam
  11. She's Too Good for Me
  12. The Pirate’s Bride
  13. Straight To My Heart (European) Bonus Tracks
  14. Why Should I Cry For You? (US) Bonus Tracks
  15. Whenever I Say Your Name (Amazon) Bonus Tracks

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2010) Posizione
massima
Australia[5] 40
Germania[6] 7
Ungheria[7] 5
Polonia[8] 1
Stati Uniti d'America[9] 6
Regno Unito[10] 30
Italia[11] 4

Ed inoltre prima posizione in Portogallo, seconda in Croazia, quinta in Grecia ed Ungheria, nona in Canada e decima in Francia.

Classifica italiana[modifica | modifica sorgente]

Classifica italiana degli album[12]
Settimana 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20
Posizione
5
6
8
9
11
12
4
6
11
20
29
33
38
37
63
86
13
32
40
60
Settimana 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
Posizione
100
96
84
23
56
62
87

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Oficjalna lista sprzedaży - sales for the period 13.12.2010 - 19.12.2010, OLIS. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  2. ^ (HU) Adatbázis - Arany- és platinalemezek - 2010, MAHASZ. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  3. ^ Certificazioni ARTISTI - Dalla settimana 1 del 2009 alla settimana 5 del 2011 (PDF), FIMI. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  4. ^ www.sting.com
  5. ^ australian-charts.com - Sting - Symphonicities, Hung Medien, 20.07.2010. URL consultato il 26.07.2010.
  6. ^ Sting entert Album-Charts, Media Control Charts, 20.07.2010. URL consultato il 20.07.2010.
  7. ^ MAHASZ - Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, mahasz.hu. URL consultato il 20.07.2010.
  8. ^ Official Retail Sales Chart - OLiS Poland, OLiS, 24.07.2010. URL consultato il 24.07.2010.
  9. ^ Symphonicities – Sting, Billboard, 18.07.2010. URL consultato il 28.07.2010.
  10. ^ Official UK Album Chart, The Official Charts Company, 25.07.2010. URL consultato il 28.07.2010.
  11. ^ FIMI, FIMI, 23.08.2010. URL consultato il 03.09.2010.
  12. ^ www.fimi.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica