Synchronicity (The Police)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Synchronicity
ArtistaThe Police
Tipo albumStudio
Pubblicazione17 giugno 1983
Durata44:32
Dischi1
Tracce11
GenerePop rock
New wave
EtichettaA&M Records
ProduttoreHugh Padgham, The Police
RegistrazioneAir Studios, Montserrat, dicembre 1982 - febbraio 1983
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 250 000+)
Giappone Giappone[2]
(vendite: 100 000+)
Hong Kong Hong Kong[3]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platinoCanada Canada[4]
(vendite: 100 000+)
Francia Francia[5]
(vendite: 300 000+)
Italia Italia[6]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito[7]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (8)[8]
(vendite: 8 000 000+)
The Police - cronologia
Album precedente
(1981)
Singoli
  1. Every Breath You Take
    Pubblicato: 20 maggio 1983
  2. Wrapped Around Your Finger
    Pubblicato: luglio 1983
  3. Synchronicity II
    Pubblicato: ottobre 1983
  4. King of Pain
    Pubblicato: gennaio 1984
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4.5/5 stelle[9]
Rolling Stone 4.5/5 stelle[10]
Ondarock 8/10 stelle

Synchronicity è il quinto ed ultimo album in studio del gruppo musicale britannico The Police, pubblicato il 17 giugno 1983 dalla A&M Records.

L'album è diventato il maggior successo commerciale del gruppo e ha venduto oltre 8 milioni di copie nei soli Stati Uniti.[8] Ai Grammy Awards 1984 ha ricevuto un totale di cinque candidature, trionfando in quelle relative alla miglior performance rock di un duo o un gruppo, miglior interpretazione vocale di gruppo e canzone dell'anno per il singolo Every Breath You Take.[11]

L'album si è guadagnato più volte il plauso della critica specializzata. Nel 1989 Rolling Stone lo ha inserito al 17º posto nella lista dei 100 migliori album degli anni ottanta.[12] Sempre Rolling Stone nel 2012 lo ha inserito nella classifica dei 500 migliori album di tutti i tempi, alla posizione numero 448.[13] Nel 2009 Synchronicity è stato introdotto nella Grammy Hall of Fame.[14]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato registrato agli Air Studios di Montserrat nei Caraibi, prodotto dai Police insieme a Hugh Padgham, così come il precedente Ghost in the Machine. Malgrado le ormai gravi tensioni all'interno del gruppo, è probabilmente il lavoro dei Police più maturo e sperimentale. Nella stesura di alcuni dei testi, Sting fa riferimento alla teoria della sincronicità di Carl Gustav Jung (in una delle foto di copertina sta leggendo un suo libro).

Il disco segna il taglio definitivo dell'influenza del reggae nella musica del gruppo, fortemente caratteristico dei primi album e, seppur in minima parte, ancora presente nel lavoro precedente. Il suono diventa più elaborato e le tracce vengono costruite in gran parte sull'utilizzo dei sintetizzatori (Synchronicity I, Wrapped Around Your Finger). In alcuni brani emerge anche l'influenza della world music (Walking in Your Footsteps, Tea in the Sahara).

L'ultima fase della crisi interna è evidenziata dal dominio in fase compositiva di Sting: suoi ben otto brani su dieci; fanno eccezione la psichedelica Mother firmata e cantanta da Andy Summers, che si caratterizza per la voce urlata e la frenetica linea di chitarre, e la più tradizionale Miss Gradenko di Stewart Copeland, che è incentrata su una storia d'amore nel mezzo di una burocrazia comunista.[15]

I tre membri del gruppo registrarono le proprie parti in stanze separate. Secondo il produttore Hugh Padgham ciò avvenne per due ragioni: la prima di natura tecnica, al fine di ottenere il miglior suono possibile per ogni strumento, e la seconda "per ragioni sociali".[16] Durante le registrazioni di Every Breath You Take, Sting e Copeland arrivarono quasi alle mani e Padgham fu sul punto di abbandonare il progetto.[16] La copertina, con tre strisce di fotografie ognuna dedicata ad un membro del gruppo, è sintomatica del loro modo di lavorare all'epoca: pur essendo il risultato finale molto omogeneo, ciascuno aveva elaborato la propria striscia autonomamente.

Sia l'album che il singolo Every Breath You Take rimangono in cima alle classifiche di tutto il mondo per settimane, diventando uno dei classici assoluti del pop rock. L'album raggiunge la prima posizione sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, dove rimane in vetta alla Billboard 200 per 17 settimane, interrompendo il dominio in classifica di Michael Jackson con Thriller, divenuto il disco più venduto nella storia della musica.

Nella canzone O My God Sting riprende nel testo alcuni versi di Every Little Thing She Does Is Magic, singolo del precedente album Ghost in the Machine.

In Love Is the Seventh Wave, canzone compresa nel suo successivo album da solista The Dream of the Blue Turtles, Sting riprenderà a sua volta alcuni versi di Every Breath You Take.

Tea in the Sahara è dedicata al romanzo di Paul Bowles The Sheltering Sky (conosciuto in Italia come Il tè nel deserto, da cui Bernardo Bertolucci trarrà l'omonimo film nel 1990).

Le versioni in CD e cassetta contengono anche Murder by Numbers, all'epoca assente dall'LP e uscita solo come lato B del singolo Every Breath You Take, probabilmente tenuta in disparte per il suo testo molto forte (un inno all'omicidio di massa, facile da imparare come l'ABC).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Sting, eccetto dove indicato.

  1. Synchronicity I – 3:23
  2. Walking in Your Footsteps – 3:35
  3. O My God – 4:02
  4. Mother – 3:05 (Andy Summers)
  5. Miss Gradenko – 2:00 (Stewart Copeland)
  6. Synchronicity II – 5:00
  7. Every Breath You Take – 4:13
  8. King of Pain – 4:59
  9. Wrapped Around Your Finger – 5:13
  10. Tea in the Sahara – 4:11
  11. Murder by Numbers (non inclusa nell'LP originale) – 4:35 (testo: Sting – musica: Andy Summers)

Durata totale: 44:16

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • The Police - produzione
  • Hugh Padgham - produzione, ingegnere del suono
  • Dave Collins, Bob Ludwig - masterizzazione
  • Jeffrey Kent Ayeroff, Norman Moore, Vartan - direzione artistica
  • Jeffrey Kent Ayeroff, Norman Moore - design
  • Duane Michals - fotografia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank (The Police; 'Synchronicity'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 13 maggio 2015.
  2. ^ Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970–2005, Roppongi, Tokyo, Oricon Entertainment, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  3. ^ (EN) IFPIHK Gold Disc Award − 1984, IFPI Hong Kong. URL consultato il 15 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2012).
  4. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 13 maggio 2015.
  5. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Infodisc.fr. URL consultato il 13 maggio 2015. Selezionare "The POLICE" e premere "OK".
  6. ^ Gino Castaldo, L'irresistibile ascesa dei mitici Police rockstar intellettuali, in la Repubblica, 29 gennaio 1984. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  7. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 13 maggio 2015. Digitare "Synchronicity" in "Keywords", dunque premere "Search".
  8. ^ a b (EN) Synchronicity – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 13 maggio 2015.
  9. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Synchronicity, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 14 marzo 2015.
  10. ^ (EN) Stephen Holden, Synchronicity, in Rolling Stone, 23 giugno 1983. URL consultato il 14 marzo 2015.
  11. ^ Grammy Awards by the Police, Grammy.com.
  12. ^ 100 Best Albums of the Eighties, su rollingstone.com. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  13. ^ 500 Greatest Albums of All Time, su rollingstone.com. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  14. ^ (EN) GRAMMY Hall Of Fame, Grammy Hall of Fame Award. The Recording Academy. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  15. ^ Stewart Copeland's AOL transcript, su stingetc.com, 22 giugno 1995.
  16. ^ a b (EN) Richard Buskin, Classic Tracks: The Police's 'Every Breath You Take', Sound on Sound, marzo 2004, p. 136–40. URL consultato il 13 febbraio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock