Associazione Sportiva Dilettantistica Pink Sport Time

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A.S.D. Pink Sport Time
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Rosa Rosso Bianco e Blu.png Rosa, blu, bianco, rosso
Dati societari
Città Bari
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie A
Fondazione 2001
Presidente Italia Alessandra Signorile
Allenatore Italia Domenico Caricola
Stadio Stadio Antonio Antonucci (Bitetto)
(600 posti)
Sito web www.pinkbari.it/
Palmarès
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Dati aggiornati al 2 agosto 2019
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Pink Sport Time, nota semplicemente come Pink Sport Time o Pink Bari, è una società polisportiva con sede a Bari, la cui branca più autorevole è la squadra di calcio femminile, che milita nel campionato di Serie A. Gioca le proprie partite interne presso lo stadio Antonio Antonucci di Bitetto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2001, per iniziativa di un gruppo di ex atlete, venne fondata una nuova associazione dilettantistica con sede a Bari e nominata come ASD Pink Sport Time, con la finalità di promuovere lo sport con formazioni femminili con iniziative atte alla creazione di un vivaio di atlete da impiegare nei campionati giovanili[1]. Oltre a una squadra di pallacanestro, venne istituita una squadra di calcio femminile[1] che adotta come colori sociali il rosa e il blu che identificheranno le maglie della squadra iscritta ai campionati regionali Puglia.

L'affiliazione alla FIGC arrivò nel settembre 2004[2]. Iscritta alla Serie C regionale Puglia, al termine della stagione 2006-2007 riuscì a conquistare il primo posto ed accedere alla Serie B, allora terzo livello nella gerarchia del campionato italiano di calcio femminile, nella stagione successiva. La squadra, iscritta al girone E, risultò non all'altezza delle avversarie e chiudendo la stagione al decimo posto non riuscì a evitare la retrocessione. Tuttavia, già al termine della stagione successiva, iscritta alla Serie C Puglia-Basilicata, riuscì a riconquistare il primo posto in classifica e nuovamente la Serie B.

La stagione 2009-2010 la vide ancora protagonista del girone D, ed anche se con 43 punti non riuscì a sopravanzare il Marsala primo classificato. A completamento dell'organico per la stagione 2010-2011 la Pink Sport Time venne ripescata per disputare il campionato di Serie A2. Iscritta nel girone D, riservato alle formazioni del centro e del meridione, a fine stagione conquistò la salvezza riuscendo a raggiungere, pur totalizzando solo 16 punti, il decimo posto in classifica.

La squadra migliorò le proprie prestazioni di anno in anno, riuscendo nella stagione 2011-2012 a raggiungere il settimo posto nel girone D ed il secondo, sempre nel girone D, al termine del campionato 2012-2013, dietro solo alla Res Roma.

Durante l'estate 2013 venne posta in atto la riforma del campionato femminile, eliminando la Serie A2 e riportando la Serie B al secondo livello. La Pink Sport Time iniziò quindi in Serie B, sempre nel girone D, la stagione 2013-2014, rivelandosi estremamente competitiva, vincendo 19 incontri su 22 e sopravanzando, al termine del campionato, la blasonata Roma di sei punti garantendosi la storica promozione in Serie A[3]. Grazie a questo risultato, durante l'estate 2014, la dirigenza della Pink trova un accordo sportivo con il presidente del Bari, Gianluca Paparesta, il quale, al fine di valorizzare maggiormente il calcio femminile nel sud Italia e per meglio rappresentare la città nel campionato femminile, autorizza la Pink ad adottare logo e colori sociali del club maschile.

Nella stagione 2014-2015, nonostante gli investimenti fatti nell'integrare la rosa con giocatrici con esperienza internazionale, come la centrocampista francese Saïda Akherraze e le slovene Ines Špelič, difensore, e Kaja Jerina, attaccante, la stagione non decollò e la squadra rimase costantemente nella parte bassa della classifica. Soltanto con il calciomercato invernale l'allenatrice Isabella Cardone riuscì a trovare un organico in grado di combattere per evitare la retrocessione, con Jerina, svincolata, e con l'inserimento in attacco della scozzese Lana Clelland la quale, con 10 reti in 16 partite, risultò la migliore marcatrice della squadra, non abbastanza però da evitare il decimo posto e la retrocessione in Serie B. Determinante fu la sconfitta fuori casa per 5-1 con il San Zaccaria, che la condannò matematicamente alla 24ª giornata[4].

Una fase dell'incontro della Serie A 2017-2018, Pink Sport Time-Tavagnacco, finito 1-0 in favore delle calciatrici baresi.

Tuttavia, prima dell'inizio del campionato, la rinuncia dell'Acese, prima classificata in Serie B, e dell'esclusione della Torres per problemi economici, aprirono nuovamente la possibilità di ripescaggio della squadra che, nonostante la società pugliese fosse solo l'ottava in lista, riuscì a ripetere l'esperienza in Serie A anche per la stagione 2015-2016[5]. Anche in questo caso, pur con la rosa integrata da elementi provenienti dalla dimissionaria Acese, la squadra stentò a lasciare la parte bassa della classifica e, pur riuscendo a vincere 5 partite, risultato migliore delle tre del campionato precedente, e nel girone di ritorno con le dirette avversarie alla salvezza, non riuscì a battere il Luserna nell'ultimo incontro del campionato, risultato che in caso positivo poteva ancora garantirgli il prosieguo della squadra in Serie A[6].

La stagione 2016-2017 iniziò con un cambio alla panchina, dove Roberto D'Ermilio rilevò Isabella Cardone, passata a ruoli dirigenziali. Il campionato si rivelò facilitato dalla maggiore caratura tecnica dimostrata sulle avversarie, con la sola Roma capace di superarla nell'ultima partita del girone di andata. Al termine del girone di ritorno l'incontro clou fu nuovamente con la Roma, imbattuta, che la Pink riuscì a vincere, sovvertendo il risultato dell'andata e aggiudicandosi la possibilità di giocarsi la promozione in una partita spareggio contro le giallorosse. Nell'incontro del 21 maggio 2017, giocato a Città Sant'Angelo, dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sul punteggio di 1-1, le ragazze del club barese riuscirono a superare la Roma ai tiri di rigore, festeggiando così il loro ritorno in Serie A[7].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della A.S.D. Pink Sport Time
  • 2001 - Viene fondata l'Associazione Sportiva Dilettantistica Pink Sport Time.
  • 2004 - Affiliazione alla FIGC.
  • 2006-2007 - 1º in Serie C Puglia. Promossa in Serie B
  • 2007-2008 - 10º nel girone E della Serie B. Retrocessa in Serie C
Fase a gironi della Coppa Italia.
  • 2008-2009 - 1º in Serie C Puglia-Basilicata. Promossa in Serie B
  • 2009-2010 - 2º nel girone D della Serie B. La Serie B viene accorpata alla Serie A2: ripescata per completamento organico.
Secondo turno di Coppa Italia.
  • 2010-2011 - 10º nel girone D della Serie A2.
Primo turno di Coppa Italia.
  • 2011-2012 - 7º nel girone D della Serie A2.
Primo turno di Coppa Italia.
  • 2012-2013 - 2º nel girone D della Serie A2. La Serie A2 viene rinominata Serie B.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia.
  • 2013-2014 - 1º nel girone D della Serie B. Promossa in Serie A
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
  • 2014-2015 - 12º in Serie A. Retrocessa in Serie B, ma successivamente viene ripescata in Serie A al posto della Torres non iscritta al campionato.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
  • 2016-2017 - 1º nel girone D della Serie B. Vince lo spareggio promozione. Promossa in Serie A
Quarti di finale in Coppa Italia.
Semifinale di Coppa Italia.
  • 2018-2019 - 11º in Serie A. Retrocessa in Serie B, ma successivamente ripescata in Serie A.
Ottavi di finale in Coppa Italia.
in Coppa Italia.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'elenco di allenatori del Pink Sport Time dall'anno di fondazione a oggi.

Allenatori
  • 2001-2016 Italia Isabella Cardone
  • 2016-2019 Italia Roberto D'Ermilio
  • 2019- Italia Domenico Caricola

Calciatrici[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatrici dell'A.S.D. Pink Sport Time

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2013-2014, 2016-2017

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

2017-2018

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2019-2020[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 4 agosto 2019.

N. Ruolo Giocatore
Italia P Maria Grazia Balbi
Italia P Rebecca Di Fronzo
Finlandia P Paula Myllyoja
Italia D Ilaria Capitanelli
Italia D Lucia Ceci
Canada D Paige Culver
Italia D Martina Di Bari
Italia D Antonella Marrone
Italia D Debora Novellino
Italia D Francesca Soro (capitano)
Giamaica D Toriana Patterson
N. Ruolo Giocatore
Slovenia C Sara Ketiš
Italia C Noemi Montemurro
Canada C Sonia Maria O'Neill
Italia C Jenny Piro
Spagna C Aina Torres
Romania A Cristina Carp
Paesi Bassi A Corina Luijks
Italia A Angelica Parascandolo
Italia A Francesca Pittaccio
Italia A Isabel Sgaramella

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Storia, su ASD Pink Sport Time. URL consultato il 27 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2016).
  2. ^ Comunicato nº 165 del 1º febbraio 2005 (PDF), su figc.it, 1º febbraio 2005. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2018).
  3. ^ Bitetto: Pink Bari nella storia, è Serie A, su Bitettonline.it, 13 aprile 2014. URL consultato il 27 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2016).
  4. ^ Francesco Didonna, Pink Bari, fine dei giochi: capitombolo e retrocessione, su TuttoBari.com, 25 aprile 2015. URL consultato il 27 maggio 2016.
  5. ^ Il sito ufficiale del Calcio Femminile Italiano [collegamento interrotto], su www.lnd.it. URL consultato il 23 maggio 2017.
  6. ^ Lino Castrovilli, Lacrime Biancorosse. La Pink Bari torna in serie B, su pugliain.net. URL consultato il 27 maggio 2016.
  7. ^ Calcio femminile, la Pink Bari vince lo spareggio con la Roma e torna in serie A, 21 maggio 2017. URL consultato il 23 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]