Rugby San Donà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Amatori Rugby San Donà)
Rugby San Donà
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Colori 600px Bianco con strisce orizzontali Blu.svg Bianco · celeste
Dati societari
Città San Donà di Piave (VE)
Paese Italia Italia
Sede Rugby San Donà S.S.D.r.l.
Via Unità d’Italia, n.18
30027 San Donà di Piave (VE)
Federazione Flag of Italy.svg F.I.R.
Campionato Eccellenza
Fondazione 1959
Presidente Italia Alberto Marusso
Allenatore Sudafrica Zane Ansell
Capitano Italia Pino Patelli
Palmarès
1 campionati serie A
Stadio
Stadio Mario e Romolo Pacifici
Via Sandro Pertini, n.1
30027 San Donà di Piave (VE)
(1 500 posti)
Impianto alternativo:
Stadio Giampietro “Pippo” Torresan
Via Unità d'Italia, n.18
30027 San Donà di Piave (VE)
( posti)
rugbysandona.it

Il Rugby San Donà SSDRL è un club italiano di rugby a 15 fondato nel 1959 a San Donà di Piave in provincia di Venezia.

L'Associazione Rugby San Donà nasce nel 1959, ad opera di un gruppo di appassionati pionieri, e dal medesimo anno è affiliata alla Federazione Italiana Rugby. La prima squadra ha militato stabilmente nel campionato di Serie A dal 1979 ed in 4 occasioni ha raggiunto le semifinali per l'assegnazione del titolo di Campione d'Italia. Molti sono stati, nel corso degli anni, gli atleti del club che hanno indossato la maglia azzurra, tanto nella Nazionale maggiore quanto in quelle giovanili, e numerose sono state le convocazioni nelle selezioni interregionali e rappresentative. Tra tutti i giocatori si ricordano in particolare coloro che hanno rivestito i gradi di capitano della Nazionale maggiore: Adriano Fedrigo, Giancarlo Pivetta e Andrea Sgorlon.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rugby arriva a San Donà di Piave alla fine degli anni 50 del secolo scorso per iniziativa di alcuni studenti, Mario Pacifici e Corrado Teso in testa, che avevano appreso i primi rudimenti della palla ovale presso il Collegio Brandolini di Oderzo. Dopo aver convinto alcuni amici fondarono L'Associazione Sportiva Rugby San Donà esordendo ufficialmente già nel campionato 1960-61.

I successi non tardarono ad arrivare e dopo due stagioni si concretizzò la promozione in Serie B al termine della stagione 1962-63.

Al termine del campionato 1975-76 l'approdo in Serie A, dove il Rugby San Donà rimase per alcuni lustri, meritando la stima e l'apprezzamento di tutto l'ambiente rugbistico, nelle varie strutturazioni che il campionato maggiore ha avuto. La prima squadra arrivò a disputare, nell'allora Serie A1, ben quattro fasi finali per lo scudetto nelle stagioni 1989-90, 1991-92, 1992-93 e 1995-96.

Numerosi i giocatori arrivati alla Nazionale: fra i più rappresentativi vi sono coloro che indossarono la fascia di capitano: Adriano Fedrigo (41 presenze a partire dal 1972); Giancarlo Pivetta, pilone dell’Italia dal 1979 al 1993 (46 presenze in Nazionale e due Mondiali: 1987 e 1991, quest'ultimo anche come capitano) e allenatore della squadra seniores nelle stagioni 2004 e 2005; Andrea Sgorlon (37 presenze tra il 1993 e il 1999, un Mondiale nel 1995 e Campione d'Europa nella finale di Coppa FIRA 1995-1997).

Il Rugby San Donà rimase in massima serie fino agli inizi del 2000 quando, complice l'avvento del professionismo e la trasformazione del campionato maggiore in Super 10 nella stagione 2001-02, il club retrocesse in Serie A dove vi rimase stabilmente fino alla stagione 2004-05.

Il 2005 fu un anno di grandi cambiamenti per il Rugby San Donà: il momento della retrocessione in Serie B, avvenuto dopo la sconfitta nell'ultima partita ai play-off salvezza, portò la Società a ricostituirsi e a solidificare le proprie basi, variando la propria composizione dai vertici sino all'apparato tecnico, in modo da dedicare maggiori attenzioni al sempre florido vivaio del club e a dare nuova linfa alla prima squadra. Si formò il gruppo Amatori, al quale fecero capo numerosi giovani imprenditori locali, tra i quali molti ex giocatori, con il preciso intento di riportare la Società ai fasti dei tempi migliori. Tali attenzioni portarono subito i primi risultati: dopo un solo anno in Serie B il Rugby San Donà tornò nuovamente a disputare il campionato di Serie A nel 2006-07.[2]

La stagione di Serie A1 2011-12 segnò il ritorno del Rugby San Donà in massima serie, grazie alla finale vinta a Prato contro le Fiamme Oro Rugby 13 a 9, aggiudicandosi così la promozione in Eccellenza.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Rugby San Donà
  • 1959 • Il 30 settembre si costituisce l' Associazione Rugby San Donà[3]
  • 196061 • Con la denominazione Associazione Rugby Rosca San Donà partecipa al campionato di Promozione Veneto nel girone B
  • 196162 • Con la denominazione Associazione Rugby Italux San Donà partecipa al campionato misto Serie C Riserve
  • 1962 • Torna alla denominazione Associazione Rugby Rosca San Donà
  • 196263 • 1ª nel girone C della Serie C[4]
    Campione d'Italia di Serie C[5]
    (Promosso in Serie B)
  • 196364 • 4ª nel girone C della Serie B
  • 196465 • 5ª nel girone B della Serie B
  • 196566 • 7ª nel girone B della Serie B
  • 1966 • Il 21 settembre viene dichiarata decaduta la Associazione Rugby Rosca San Donà e viene costituita la Associazione Rugby San Donà[6]
  • 196667 • 3ª nel girone B della Serie B
  • 196768 • 2ª nel girone B della Serie B[7]
    Sconfitto semifinale nazionale dalla Rugby Lazio
  • 196869 • 11ª nel girone B della Serie B
    (Retrocesso in Serie C)
  • 196970 • 2ª nel girone B della Serie C
  • 197071 • 1ª nel girone B della Serie C[8]
    Campione d'Italia di Serie C[9]
    (Promosso in Serie B)
  • 197172 • 1ª nel girone B della Serie B[10]
    4ª nel girone finale
  • 197273 • 2ª nel girone B della Serie B
  • 197374 • 7ª nel girone A della Serie B
  • 197475 • 3ª nel girone B della Serie B
  • 1975 • Cambia la denominazione in Fracasso Rugby San Donà[11]
  • 197576 • 2ª nel girone A della Serie B[12]
    (Promosso in Serie A)
    Campione d'Italia Juniores Under 14
  • 1976-77 • 14ª Serie A
    (Retrocesso in Serie B)
  • 197778 • 2ª nel girone A della Serie B
  • 197879 • 1ª nel girone A della Serie B
    1ª nel girone promozione
    (Promosso in Serie A)
  • 1979-80 • 5ª Serie A
  • 1980-81 • 6ª Serie A
  • 1981-82 • 5ª Serie A
  • 1982-83 • 4ª Serie A
  • 1983-84 • 6ª Serie A
  • 1984-85 • 9ª Serie A
    Campione d'Italia Juniores Under 16
  • 1985-86 • 13ª Serie A
    (Retrocesso in Serie A2)
    Campione d'Italia Juniores Under 18
  • 1986-87 • 2ª Serie A2
    (Promosso in Serie A1)
  • 1987-88 • 7ª Serie A1
    Campione d'Italia Juniores Under 12
  • 1988-89 • 5ª Serie A1
  • 1989-90 • 5ª Serie A1
    Eliminato semifinale play-off dal Benetton Treviso
  • 1990-91 • 5ª Serie A1
  • 1991-92 • 3ª Serie A1
    Eliminato semifinale play-off dal Rugby Rovigo
  • 1992-93 • 2ª Serie A1
    Eliminato semifinale play-off dal Benetton Treviso
  • 1993-94 • 6ª Serie A1
  • 1994-95 • 6ª Serie A1
  • 1995-96 • 5ª Serie A1
    Eliminato semifinale play-off dal Benetton Treviso
    Sconfitto finale 3°/4° posto dal Petrarca Padova
  • 1996-97 • 9ª Serie A1
  • 1997-98 • 8ª Serie A1
  • 1998-99 • 8ª Serie A1
  • 1999-2000 • 6ª nel girone B della Serie A1
    4ª nella poule salvezza
  • 2000-01 • 6ª nel girone B della Serie A1
    5ª nella poule salvezza
    (Retrocesso in Serie A2)
  • 2001-02 • 9ª Serie A
  • 2002-03 • 10ª Serie A
  • 2003-04 • 8ª nel girone B della Serie A
  • 2004-05 • 11ª nel girone A della Serie A
    (Retrocesso in Serie B)
  • 2005-06 • 2ª nel girone C della Serie B
    (Promosso in Serie A)
    Campione d'Italia Juniores Under 18
  • 2006-07 • 6ª nel girone B della Serie A
  • 2007-08 • 7ª Serie A1
  • 2008-09 • 7ª Serie A1
  • 2009-10 • 5ª Serie A1
  • 2010-11 • 5ª Serie A1
  • 2011-12 • 2ª Serie A1
    Vince finale contro le Fiamme Oro Roma
    Campione d'Italia di Serie A
    (Promosso in Eccellenza)
  • 2012-13 • 9ª Eccellenza
  • 2013-14 • 9ª Eccellenza
  • 2014-15 • 5ª Eccellenza
  • 2015-16 • 6ª Eccellenza
  • 2016-17 • Eccellenza

Rosa 2016-17[modifica | modifica wikitesto]

Avanti
PL Italia Andrea Ceccato
PL Italia Luca Zanusso
PL Italia Antonio Ros
PL Italia Nicolò D'Amico
PL Italia Andrea Michelini
PL Italia Elia Pasqual
PL Italia Matteo Dal Sie
TL Sudafrica Peter Gregory Bauer
TL Italia Dario Ceglie
SL Italia Jaco Erasmus
SL Sudafrica Adam Wessels
FL Italia Filippo Giusti
FL Italia Paul Derbyshire
FL Italia Mattia Catelan
FL Italia Lorenzo Maso
FL Italia Gianmarco Vian
FL Italia Marco Cuzzolin
FL Italia Jacopo Abram
N8 Argentina Gonzalo Padrò
Tre quarti
MM Italia Pino Patelli (c)
MM Italia Jean Marcelin Rorato
MM Italia Luca Petrozzi
MA Italia James Ambrosini
MA Italia Edward Reeves
CE Italia Roberto Bertetti
CE Romania Bogdan Iovu
CE Italia Dario Schiabel
CE Italia Nicola Zanon
TQ Italia Mattia Bardella
TQ Italia Yannick Agbasse
TQ Italia Gino Lupini
ES Italia Steven Bortolussi
ES Italia Matteo Falsaperla
ES Italia Elia Biasuzzi
Staff tecnico
Allenatore: Sudafrica Zane Ansell
Ass. allenatore: Italia Stefano Tonetto
Team manager: Italia Massimo Bassetto
Prep. atl.: Italia Serena Chiavaroli
Italia Alberto Brucato
Medico: Italia Dott. Paolo Antonelli


Giocatori di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia del Rugby San Donà, rugbysandona.it.
  2. ^ Storia: I primi passi, i primi successi, rugbysandona.it.
  3. ^ Rugby Razza Piave, I ragazzi del 59, pag.12
  4. ^ Nella finale valevole per la promozione vince con il Cus Modena (14-3), Rugby Razza Piave, pag.105
  5. ^ Rugby Razza Piave, pag.105
  6. ^ Rugby Razza Piave, Il nuovo direttivo, pag.42
  7. ^ Viene sconfitta nella semifinale nazionale dalla S.S. Lazio (in casa 3-3, in trasferta 6-19), Rugby Razza Piave, pag.115
  8. ^ 1ª posto nel girone finale, Rugby Razza Piave, pag.127
  9. ^ Rugby Razza Piave, pag.127
  10. ^ 4ª nel girone finale, Rugby Razza Piave, pag.135
  11. ^ Rugby Razza Piave,Arriva Fracasso ed è subito serie A!, pag.65
  12. ^ Vince lo spareggio con la seconda del girone B Cus -Napoli (in casa 17-10, in trasferta 10-6), Rugby Razza Piave, pag.143

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Colosetti e Nicola Bizzaro, Rugby Razza Piave, Edizioni La Press, Fiesso d'Artico, 1984, p. 280.
  • Luigino Zecchinel, Storie da Fuorigioco, Mazzanti Editori, 2009, p. 260.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]