Amatori Rugby Capoterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A.S.D. Amatori Rugby Capoterra
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Colori 600px vertical Red HEX-F01922 Yellow HEX-FFDC00.svg Giallo · rosso
Simboli Fenicottero rosa
Dati societari
Città Capoterra
Paese Italia Italia
Sede Via Trento C/O Campo Comunale
I-09012 Capoterra (CA)
Federazione Flag of Italy.svg F.I.R.
Campionato Serie B
Fondazione 1976
Presidente Italia Carlo Baire
Allenatore Argentina Lisandro Villagra
Palmarès
Stadio
Stadio comunale “Santa Rosa”
Via Belvedere
I-09012 Capoterra (CA)
(1 600 posti)

L'Amatori Rugby Capoterra è una società sportiva italiana di rugby a 15 con sede a Capoterra (CA), fondata nel 1976.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società sportiva Amatori Rugby Capoterra nasce nel 1972 con l'obiettivo di diffondere la pratica del rugby nel territorio della provincia di Cagliari.

L'antico nome della squadra, originariamente era Fiamma Capoterra poi cambiato nel 1976, con la rifondazione della società, in Amatori Rugby Capoterra.

L'esordio della squadra maschile nel campionato nazionale di Serie D è del 1975 con il raggiungimento del secondo posto in classifica finale. Le difficoltà, purtroppo, non tardano ad arrivare: la società interrompe la sua attività fino al 1976, anno che segna la ripresa dell'attività agonistica ed il rilancio delle iniziative nei settori giovanili. Nel 1977 la società è tra le prime in Italia a diventare Centro di Orientamento allo Sport e inizia con il CONI una fattiva collaborazione per la promozione del rugby in Sardegna ad oggi ancora presente. Grazie a questa partnership l'Amatori Rugby Capoterra ebbe, da allora, la possibilità di partecipare a numerose manifestazioni nazionali riservate proprio ai ragazzi sotto i 14 anni (Under 14).

L'attività giovanile si è distinta anche in campo scolastico. Le squadre delle scuole medie di Capoterra, sostenute e allenate dall'Amatori Rugby Capoterra, hanno partecipato ai Giochi della Gioventù con la denominazione “Scuola Media Capoterra” fin dal 1978 e si sono sempre piazzate in testa alle classifiche. Sono da ricordare in modo particolare le Medaglie d'oro vinte a Roma nel 1981 e 1991. La bontà di questo gran lavoro svolto a livello giovanile è testimonianza del dominio assoluto delle formazioni appena superiori (Under 15 e 17) nei campionati regionali disputati dal 1984 ad oggi. Sempre in ambito nazionale, sono stati eccellenti i risultati ottenuti dalle formazioni Under 19, che hanno partecipato ai Campionati 1981, 1982, 1983.

La prima squadra ha militato, oltre che nel campionato regionale, anche in quelli nazionali nei quali ha raggiunto invidiabili posti in classifica. Dal 1984 la società è stata sempre in testa alla classifica del Campionato Nazionale di Serie C2. Nel 1990 arrivò poi la promozione diretta in Serie C1, dove militò sino al 1993. Nel 1999, a seguito della vittoria del campionato di Serie C2 e dell'importante risultato ottenuto contro una squadra calabrese ai play-off giocati a Roma, l'Amatori è stato nuovamente promosso in Serie C1 e, dopo un anno giocato nel girone Laziale e due nel girone Lombardo, nel 2003 la società non riesce a superare le difficoltà aprendo una difficile fase della sua storia.

Nel 2004 la società viene rilevata e rifondata dall'attuale direttivo e vengono sostituiti dirigenti e lo storico allenatore-dirigente-giocatore Antonello Pandino detto “Pandolf” al quale va il merito di aver tenuto in piedi la società in momenti difficili e complicati. Il club, rinvigorito nelle motivazioni e nell'entusiasmo della nuova avventura, si classifica di misura al secondo posto nel campionato di Serie C 2004-05. L'anno successivo la squadra arriva di slancio ai play-off per l'accesso alla Serie B ma la tanto attesa promozione arriverà solo l'anno dopo, nel 2007, grazie anche all'arrivo di giocatori ed allenatori di rilievo quali: Lisandro Arbitzu (storico Pumas argentino), Ramiro Cassina (giocatore e allenatore), Maximiliano Kahn e Juan Manuel Ajello detto “Toro”.

Per centrare la storica impresa della promozione in Serie A si dovranno attendere altri 4 anni, fino alla stagione 2010-11. Al termine dell stagione regolare la formazione dell'Amatori Capoterra si classifica al secondo posto nel girone A della Serie B nazionale, alle spalle dell'ASR Milano. Durante i play-off promozione perde il confronto diretto nella doppia sfida con l'Avezzano Rugby SSD, riuscendo comunque ad ad accedere al campionato di Serie A2 2011-12 in seguito ad un ripescaggio.

Nel campionato di Serie A2 l'Amatori Capterra disputerà 3 stagioni. Nel 2011-12 arriverà un sofferto e meritato 4º posto in classifica generale, fino al 2013-14, quando arrivando al 9º posto, si arrenderà di misura negli spareggi play-out salvezza retrocedendo in Serie B, campionato nel quale milita tuttora.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La nostra storia, in rugbycapoterra.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby