Accordo di Prespa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Accordo di Prespa
Tipotrattato bilaterale
Firma12 giugno 2018
LuogoPsarades, Lago Prespa
Efficacia12 febbraio 2019[1]
PartiGrecia Grecia
Macedonia del Nord Macedonia del Nord
voci di trattati presenti su Wikipedia

L'accordo di Prespa è un trattato siglato il 12 giugno 2018 tra la Grecia e la Repubblica di Macedonia per risolvere una controversia sul nome di quest'ultima. A seguito di tale atto, la Repubblica di Macedonia ha assunto la nuova denominazione di Repubblica della Macedonia del Nord.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 settembre 2018 si svolse nella Repubblica di Macedonia un referendum confermativo non vincolante al quale il 94,18% dei votanti votò favorevolmente al cambiamento, ma non fu raggiunto il quorum necessario del 50% avendo raggiunto solo il 36,91% degli elettori[3]. Il primo ministro macedone Zoran Zaev decise comunque di andare avanti nelle procedure per il cambio del nome riuscendo a far approvare in parlamento la revisione costituzionale a gennaio 2019; anche la Grecia ha approvato l'accordo pochi giorni dopo. È prevista anche un'entrata della Macedonia nella NATO e nell'UE nel 2025.

L'accordo di Prespa prevede che:

  • Il nome della Repubblica ex Jugoslava di Macedonia diventi Repubblica di Macedonia del Nord (uso erga omnes) (art. 1 comma 3a);
  • La lingua ufficiale della Macedonia del Nord è il macedone, con la precisione che tale lingua appartiene alle lingue slave meridionali (art. 7 comma 3 e comma 4);
  • La cittadinanza prevista per tutti i passaporti dei cittadini è "macedone/cittadino della Repubblica della Macedonia del Nord" (art. 1 comma 3b);
  • L'uso del termine "Macedonia" e "macedone" si riferisce a due contesti storici diversi e a due patrimoni culturali diversi per i due Stati (art. 7 comma 1);
  • Con riferimento alla Macedonia del Nord l'uso del termine "Macedonia" e "macedone" è da ritenersi diverso da quello relativo alla civiltà, storia e cultura della Grecia antica (art. 7 comma 4);
  • Le targhe delle auto della Macedonia del Nord porteranno la sigla NM oppure NMK. Per tutti gli altri usi le sigle rimangono MK e MKD (art. 1 comma 3e);
  • Si intensifichi la cooperazione tra i due Stati a livello di vari settori, come ad esempio infrastrutture, energia, politica, turismo, ecc. (art. 9).

Informazioni sulla legalità dell'accordo Prespa consultare "Legality of the Prespa Agreement Between Macedonia and Greece", JPSIR 2019. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Statement attributable to the Spokesman for the Secretary-General on Prespa Agreement, su un.org. URL consultato il 13 marzo 2019.
  2. ^ Grecia: firmato l'accordo sul cambio nome della Macedonia, su LaStampa.it. URL consultato l'11 marzo 2019.
  3. ^ Giordano Merlicco, La Grecia e la Macedonia (del Nord): storia, politica e geopolitica di una contesa balcanica, in Rivista di Studi Politici, vol. 2018, n. 3-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]