Albanesi in Macedonia del Nord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Albanesi in Macedonia del Nord
Popolazione
  • 509,083 (censimento del 2002)[1][2]
  • 700,000–900,000 (stime albanesi)[3]
Linguaalbanese, macedone
Religione

Gli albanesi in Macedonia del Nord (in albanese Shqiptarët në Maqedoninë e Veriut, in macedone: Македонски Албанци?) sono il secondo gruppo etnico più numeroso della Macedonia del Nord.

Dei 2.022.547 abitanti della Macedonia del Nord, 509.083, pari al 25,2%, sono albanesi secondo il censimento nazionale del 2002. La minoranza albanese è concentrata principalmente nell'area occidentale, nord-occidentale e parzialmente centrale del paese con piccole comunità situate nel sud-ovest. Le più grandi comunità albanesi si trovano nei comuni di Tetovo (70,3% della popolazione totale), Gostivar (66,7%), Debar (58,1%), Struga (56,8%), Kičevo (54,5%), Kumanovo (25,8%) e Skopje (20,4%)[4].

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati del censimento ufficiale (tenuto ogni 10 anni), nel 1953 gli albanesi rappresentavano il 19% della popolazione totale. La popolazione è scesa al 13% nel 1961, ma è cresciuta di nuovo nel 1971 al 17%. Il gruppo formava il 19,7% nel 1981 e il 21% nel 1991[5]. All'ultimo censimento del 2002, la popolazione albanese costituiva il 25,2% del totale. Ethnologue nel 2002 stimava circa 500.000 persone che parlavano la lingua albanese nella Macedonia del Nord[6]. Nel decennio trascorso da quando la repubblica ha dichiarato l'indipendenza dalla Jugoslavia, alcuni albanesi hanno affermato di rappresentare il 30% della popolazione e hanno chiesto un'adeguata quota di potere. Dall'altro lato, i macedoni di etnia macedone hanno affermato che gli albanesi erano appena il 20%[7]. Tuttavia, il numero più ampiamente accettato degli albanesi nella Macedonia del Nord è quello stabilito secondo il censimento del 2002, monitorato a livello internazionale[8]. I dati del censimento hanno stimato che gli albanesi rappresentano circa il 25,2% della popolazione totale. Il censimento del 2012 non si è tenuto, poiché boicottato dai partiti politici albanesi. Nelle elezioni parlamentari macedoni del 2008, i partiti politici albanesi hanno ricevuto il 22,61% del totale dei voti, pari a 29 dei 120 seggi dell'Assemblea nazionale[9].

La lingua albanese è coufficiale a livello statale (escluso nei settori della difesa, della polizia statale e della politica monetaria) e nelle unità di autogoverno locali dove i locutori costituiscono almeno il 20% della popolazione. Il cambiamento di status si è verificato nel 2019 quando l'uso della lingua albanese non è stato più geograficamente limitato[10][11][12]. La nuova legge ha esteso l'uso ufficiale dell'albanese a tutto il Paese, facilitando la comunicazione in albanese con le istituzioni. In base alla nuova legislazione, il macedone continua ad essere la lingua ufficiale principale, mentre l'albanese può essere utilizzato come seconda lingua, anche a livello nazionale nelle questioni ufficiali. La legislazione prevede anche che tutte le istituzioni pubbliche del paese forniscano traduzioni in albanese nel loro lavoro quotidiano[13][14].

La popolazione albanese nel paese è in gran parte rurale con gli albanesi etnici che formano la maggioranza o la pluralità solo in 3 delle 34 città del paese[15].

Circa il 35% dei neonati nella Macedonia del Nord appartiene alla minoranza etnica albanese. Nel 2017 21.754 bambini sono nati nella Repubblica di Macedonia. L'appartenenza etnica di questi neonati era: 11.260 (51,76%) macedone; 7.404 (34,03%) albanese; 940 (4,32%) turco; 1.276 (5,87%) Rom; 40 (0,18%) aromeno; 129 (0,59%) serbo; 213 (0,98%) bosgnacco; 492 (2,26%) di altra appartenenza etnica o sconosciuto[16].

Neonati in Macedonia del Nord per gruppo etnico
Gruppo etnico 1994[17] 2002[18] 2012[19] 2017[16]
Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Numero %
Macedoni 16.704 49.88 13.639 49.13 11.995 50.89 11.260 51.76
Albanesi 12.010 35.86 10.118 36.45 8.035 34.09 7.404 34.03
Turchi 1.616 4.83 1.202 4.33 1.092 4.63 940 4.32
Rom 1.378 4.11 1.678 6.04 1.552 6.59 1.276 5.87
Serbi 403 1.20 168 0.61 125 0,53 129 0,59
Bosgnacchi 251 1.06 213 0.98
Valacchi (Aromeni) 25 0,07 23 0,08 37 0.16 40 0.18
altro / non specificato 1.351 4.03 933 3.36 481 2.04 492 2.26
Totale 33.487 27.761 23.568 21.754

Comuni a maggioranza albanese[modifica | modifica wikitesto]

Degli 80 comuni del paese, 15 hanno una maggioranza etnica albanese a seguito delle riforme territoriali macedoni del 2013.

Stemma

Амблем

Stemë
Comune

Општина

Komunë
Area

km² (sq mi)
Insediamenti

Населени места

Vendbanime
Popolazione (2002) Sindaco

Градоначалник

Kryetar/e
Totale %
Coat of arms of Aračinovo Municipality.svg Aračinovo

Haraçinë
31,3 km² (12,1 mi²) 4 10 789 93.8% Milikie Halimi (LSDM)
Coat of arms of Bogovinje Municipality.svg
Bogovinje

Bogovinë
141,65 km² (54,69 mi²) 14 27 614 95.2% Albon Xhemaili (ASH)
Coat of arms of Municipality of Brvenica.svg
Brvenica

Bërvenicë
164,3 km² (63,4 mi²) 10 9 770 61.6% Enver Pajaziti (I)
Coat of arms of Čair Municipality.svg
Čair

Çair
3,52 km² (1,36 mi²) 1 36 921 57.0% Visar Ganiu (BDI)
Coat of arms of Debar Municipality.svg
Debar

Dibër
145,67 km² (56,24 mi²) 18 11 348 58.1% Hekuran Duka (BDI)
*Il comune di Dolneni è amministrato da un sindaco albanese, benché la sua popolazione albanese sia pari al 26.37%.
Coat of arms of Gostivar Municipality.svg
Gostivar

Gostivar
513,39 km² (198,22 mi²) 34 54 038 66.7% Arben Taravari (ASH)
Coat of arms of Kičevo Municipality.svg
Kičevo

Kërçovë
838 km² (324 mi²) 80 30 927 54.5% Fatmir Dehari (BDI)
Coat of arms of Lipkovo Municipality.svg
Lipkovo

Likovë
267,82 km² (103,41 mi²) 23 26 360 97.4% Erkan Arifi (BDI)
Coat of arms of Saraj Municipality.svg
Saraj

Saraj
229,06 km² (88,44 mi²) 23 32 408 91.5% Blerim Bexheti (BDI)
Coat of arms of Struga Municipality.svg
Struga

Strugë
483 km² (186 mi²) 49 36 029 56.8% Ramiz Merko (BDI)
Coat of arms of Studeničani Municipality.svg
Studeničani

Studeniçan
276,16 km² (106,63 mi²) 20 11 793 68.4% Azem Sadiku (PDSH)
Coat of arms of Tearce Municipality.svg
Tearce

Tearcë
136,54 km² (52,72 mi²) 13 18 950 84.4% Isen Asani (BDI)
Coat of arms of Tetovo Municipality, Macedonia.svg
Tetovo

Tetovë
261,89 km² (101,12 mi²) 20 60 886 70.4% Teuta Arifi (BDI)
Coat of arms of Vrapčište Municipality.svg
Vrapčište

Vrapçisht
157,98 km² (61,00 mi²) 15 21 101 83.1% Isen Shabani (ASH)
Coat of arms of Želino Municipality.svg
Želino

Zhelinë
201,04 km² (77,62 mi²) 18 24 195 99.2% Blerim Sejdiu (Besa)
15 3 851,32 km² (1 487,00 mi²) 342 413 129

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Albanesi di Debar nel 1863

Poco dopo la sconfitta della Turchia da parte degli alleati balcanici, una conferenza degli ambasciatori delle Grandi Potenze (Gran Bretagna, Germania, Russia, Austria-Ungheria, Francia e Italia) si riunì a Londra nel dicembre 1912 per risolvere le questioni in sospeso sollevate dal conflitto. Con il sostegno dato agli albanesi dall'Austria-Ungheria e dall'Italia, la conferenza decise di creare uno stato indipendente dell'Albania, che divenne realtà nel 1913. Tuttavia, i confini del nuovo stato furono tracciati in modo tale che ampie aree con popolazioni albanesi rimasero al di fuori dell'Albania, compresa l'area che sarebbe diventata la Repubblica Socialista di Macedonia.

Quando nel 1946 fu istituita la Repubblica socialista di Macedonia, la costituzione garantiva il diritto delle minoranze allo sviluppo culturale e al libero uso della loro lingua. Immediatamente furono introdotte scuole e classi in lingue minoritarie, per contrastare l'alta percentuale di analfabetismo tra questi gruppi. Nei due decenni successivi, il partito comunista ha introdotto continuamente misure intese a promuovere l'incorporazione della comunità albanese nella vita economica e sociale del nuovo stato socialista attraverso l'istruzione, la formazione professionale e le opportunità sociali[20].

Dalla fine della seconda guerra mondiale, la popolazione della Repubblica socialista di Macedonia è cresciuta costantemente, con i maggiori aumenti che si sono verificati nella comunità etnica albanese. Dal 1953 fino al momento dell'ultimo censimento del 2002 (i primi risultati sono stati pubblicati nel dicembre 2003), la percentuale di albanesi che vivono nella Macedonia del Nord è aumentata fino al 25,2%[4]. La maggior parte degli albanesi etnici vive nella parte occidentale del paese. L'incremento netto negli ultimi 30 anni è stato di circa 100.000 albanesi.

Albanesi di Štirovica, Gostivar nel 1907

Alla fine degli anni '80, quando fu revocata l'autonomia della provincia del Kosovo e la repressione della popolazione albanese aumentò notevolmente, simili sviluppi si verificarono anche nella Repubblica socialista di Macedonia. La lingua albanese fu rimossa dall'uso pubblico, alle famiglie albanesi fu vietato di nominare i propri figli con nomi albanesi perché causava divisioni con le altre comunità della repubblica e, infine, per abbassare il tasso di natalità significativamente alto della popolazione albanese, alle famiglie albanesi era vietato avere più di due figli[21]. Questa campagna di assimilazione può essere chiaramente vista dal fatto che nel 1990 la Costituzione modificata ha ridefinito lo stato da "uno stato del popolo macedone e delle nazionalità albanese e turca" a uno "stato nazionale del popolo macedone"[22].

Nel 1994 il Rapporto sui diritti umani in Macedonia del Dipartimento di Stato americano riferì che esistevano le seguenti forme di discriminazione contro l'etnia albanese: accesso limitato ai media e all'istruzione in lingua albanese; scarsa rappresentanza nei lavori del settore pubblico; scarsa rappresentanza nel corpo di polizia; scarsa rappresentanza nel corpo degli ufficiali militari; negazione della cittadinanza a molti residenti di lunga data di etnia albanese in Macedonia, nonché discriminazione nel processo di richiesta di cittadinanza; e il disegno ingiusto dei distretti elettorali che diluisce la loro forza di voto[23].

Nelle elezioni del settembre 2002, una coalizione pre-elettorale guidata dall'SDSM ha vinto la metà dei 120 seggi in parlamento. Branko Crvenkovski è stato eletto Primo Ministro in coalizione con il partito di etnia albanese Unione Democratica per l'Integrazione (DUI) e il Partito Liberal-Democratico (LDP).

Il 26 novembre 2019 un terremoto ha colpito l'Albania. Gli albanesi della Macedonia del Nord hanno risposto in gran numero all'appello del governo albanese per l'assistenza finanziaria attraverso donazioni a varie organizzazioni umanitarie e raccolte di fondi su conti bancari speciali per gli aiuti[24][25].

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Partiti politici albanesi[modifica | modifica wikitesto]

La Macedonia del Nord ha alcuni partiti albanesi. L'Unione Democratica per l'Integrazione (DUI) e il Partito Democratico degli Albanesi sono i due maggiori partiti politici albanesi nel paese. Nelle elezioni parlamentari macedoni del 2008, DUI ha ottenuto l'11,3% dei voti totali, mentre DPA ha ottenuto il 10,1%[9]. Tuttavia, a causa delle lotte pre-elettorali tra i due principali partiti politici albanesi, alcune aree albanesi del paese hanno rivotato.

Nelle elezioni parlamentari macedoni del 2011, i partiti albanesi hanno ricevuto il 20,96% del voto popolare totale. DUI ha ricevuto il 10,2% dei voti, ottenendo 15 seggi, con una perdita di 3 seggi dalle elezioni precedenti. DPA ha ricevuto il 5,9% dei voti, vincendo 8 seggi, il che è anche un calo di 3 seggi rispetto alle elezioni del 2008. Il terzo partito albanese a ricevere seggi in parlamento è il partito Rinascita Democratica Nazionale che ha ricevuto due seggi con il 2,7% dei voti[26].

Nelle elezioni del 2014, tre partiti albanesi, DUI, DPA e NDP hanno vinto rispettivamente 19 seggi, sette seggi e un seggio su 123 seggi totali. I partiti di etnia albanese hanno ricevuto poco meno del 21% del voto popolare totale[27].

Nazionalismo[modifica | modifica wikitesto]

Discriminazione e albanofobia[modifica | modifica wikitesto]

Scritta anti-albanese scritta in macedone su una moschea, che significa "Morte agli albanesi"

Le tensioni etniche sono ribollite in Macedonia del Nord dalla fine di un conflitto armato nel 2001, quando l'Esercito di liberazione nazionale albanese ha attaccato le forze di sicurezza della Macedonia con l'obiettivo di garantire maggiori diritti e autonomia alla minoranza etnica albanese.

L'Accademia macedone per la scienza e l'arte è stata accusata di albanofobia nel 2009 dopo aver pubblicato la sua prima enciclopedia in cui si affermava che l'endonimo albanese, Shqiptar, significa "montanaro" ed è utilizzato principalmente da altri popoli balcanici per descrivere gli albanesi, se usato nelle lingue slave meridionali l'endonimo è considerato dispregiativo dalla comunità albanese. L'enciclopedia affermava anche che gli albanesi si stabilirono nella regione nel XVI secolo[28][29][30]. La distribuzione dell'enciclopedia è stata interrotta dopo una serie di proteste pubbliche.

Il 12 aprile 2012, cinque civili di etnia macedone sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco presumibilmente da albanesi etnici in un attacco noto come omicidi nel lago Železarsko. Il 16 aprile 2012, sulla scia dell'attacco, si è tenuta a Skopje una protesta anti-albanese da parte di macedoni in cui i partecipanti sono stati registrati mentre cantavano "un buon Shqiptar è uno Shqiptar morto" e "camere a gas per gli Shqiptar"[31].

Il 1º marzo 2013 a Skopje, una folla di macedoni etnici ha protestato contro la decisione di nominare Talat Xhaferi, un politico di etnia albanese, come ministro della Difesa[32]. La protesta è diventata violenta quando la folla ha iniziato a lanciare pietre e ad attaccare sia gli astanti albanesi che gli agenti di polizia. La polizia denunciò 3 civili feriti, cinque agenti di polizia feriti e molti danni alla proprietà privata, sebbene l'ospedale della città abbia riferito di aver curato cinque uomini albanesi gravemente feriti, due dei quali in unità di terapia intensiva. Durante questa protesta parte della folla ha bruciato la bandiera albanese.

Nel 108º anniversario del Congresso di Manastir il museo dell'alfabeto albanese a Bitola è stato vandalizzato, le finestre e le porte sono state rotte. Sul portone del museo è stato posto un poster con la scritta "Morte agli albanesi" e con il disegno di un leone che taglia le teste dell'aquila bicipite albanese[33]. Una settimana dopo questo incidente, il giorno della Dichiarazione di indipendenza albanese, graffiti con gli stessi messaggi, come quelli della settimana precedente, sono stati collocati sulla direzione del Parco nazionale del Pelister[34].

Problemi attuali[modifica | modifica wikitesto]

Tra i disoccupati gli albanesi sono fortemente sovrarappresentati. Nelle istituzioni pubbliche così come in molti settori privati sono invece sottorappresentati. Devono anche affrontare discriminazioni da parte di funzionari pubblici e datori di lavoro[35]. Secondo il Country Report on Human Rights 2012 degli Stati Uniti per la Macedonia "alcuni ministeri hanno rifiutato di condividere le informazioni sulla composizione etnica dei dipendenti". Lo stesso rapporto ha anche aggiunto:

«...gli albanesi etnici e altre minoranze nazionali, con l'eccezione di serbi etnici e valacchi, erano sottorappresentati nel servizio civile e in altre istituzioni statali, inclusi i militari, le forze di polizia e i servizi di intelligence, poiché così come i tribunali, la banca nazionale, le dogane e le imprese pubbliche, nonostante gli sforzi per reclutare candidati qualificati da queste comunità. Gli albanesi etnici costituivano il 18% del personale dell'esercito, mentre le comunità minoritarie nel loro complesso rappresentavano il 25% della popolazione secondo le statistiche fornite dal governo.»[36]

A partire dal 2019 la lingua albanese è una lingua coufficiale nel paese.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia cattolica albanese di Skopje

I dialetti della lingua albanese parlati sono ghego, per la maggioranza, e tosco in alcune parti del sud[6]. L'istruzione in lingua albanese è fornita a tutti i livelli, compresi i livelli universitari, come nell'Università statale di Tetovo[37] e nell'Università dell'Europa sudorientale,[38] anch'essa situata a Tetovo.

La religione principale tra gli albanesi nella Macedonia del Nord è l'Islam (vedi Islam nella Macedonia del Nord), anche se ce ne sono alcuni che sono cattolici romani; il membro più illustre della comunità cattolica albanese di Macedonia fu Agnes (Anjeza) Bojaxhiu, nota anche come Madre Teresa. Ci sono anche alcuni villaggi albanesi cristiani ortodossi situati a Gostivar, Reka e sparsi nel sud-est.

Pjetër Bogdani (1630-1689 circa), noto in italiano come Pietro Bogdano, è lo scrittore più originale della prima letteratura albanese. È autore del Cuneus Prophetarum (La banda dei profeti) del 1685, la prima vasta opera in prosa scritta originariamente in Albania. Nato a Gur i Hasit, Has, vicino al distretto di Kukës, in Albania, intorno al 1630, Bogdani fu educato nelle tradizioni della Chiesa cattolica a cui dedicò tutte le sue energie. Suo zio Andrea o Ndre Bogdani (1600-1683 ca.) era arcivescovo di Skopje e autore di una grammatica latino-albanese, oggi perduta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ENMK) Census of Population, Households and Dwellings in the Republic of Macedonia, 2002 final data (PDF), su stat.gov.mk, State Statistical Office of the Republic of Macedonia, p. 591.
  2. ^ (ENMK) Census of Population, Households and Dwellings in the Republic of Macedonia, 2002 final data (PDF), su stat.gov.mk, State Statistical Office of the Republic of Macedonia, p. 62.
  3. ^ Refworld ; Moving Macedonia Towards Self-Sufficiency: A New Security Approach for NATO and the EU, su refworld.org, p. 11.
  4. ^ a b stat.gov.mk, http://www.stat.gov.mk/pdf/kniga_13.pdf.
  5. ^ Vladimir Ortakovski (2001): Interethnic relations and minorities in the Republic of Macedonia, Sts. Cyril and Methodius University, Skopje
  6. ^ a b ethnologue.com, http://www.ethnologue.com/show_country.asp?name=MK.
  7. ^ nytimes.com, https://www.nytimes.com/2003/12/02/world/world-briefing-europe-macedonia-overdue-ethnic-census-is-completed.html.
  8. ^ Copia archiviata (PDF), su unmikonline.org. URL consultato il 10 giugno 2006 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2006).
  9. ^ a b b92.net, http://www.b92.net/eng/news/region-article.php?yyyy=2008&mm=06&dd=02&nav_id=50731. URL consultato il 2 giugno 2008.
  10. ^ Macedonian Information Agency, 18 Jan. 2019 Archiviato il 12 maggio 2019 in Internet Archive..
  11. ^ Macedonia's Albanian-Language Bill Becomes Law. Radio Free Europe/Radio Liberty. January 15, 2019.
  12. ^ Associated Press: Albanian designated Macedonia’s 2nd official language. January 15, 2019.
  13. ^ Law on Use of Languages will cost a lot and requires a lot of work. 16.01.2019, META.mk
  14. ^ Albanian designated Macedonia’s 2nd official language, New York Times, Jan. 15, 2019.
  15. ^ stat.gov.mk, http://www.stat.gov.mk/Publikacii/knigaX.pdf.
  16. ^ a b stat.gov.mk, http://www.stat.gov.mk/Publikacii/SG2018/03-Naselenie-Population.pdf.
  17. ^ stat.gov.mk, http://www.stat.gov.mk/PrikaziPublikacija_en.aspx?id=34&rbr=407.
  18. ^ stat.gov.mk, http://www.stat.gov.mk/PrikaziPublikacija_en.aspx?id=34&rbr=436.
  19. ^ stat.gov.mk, http://www.stat.gov.mk/Publikacii/PDFSG2014/03-Naselenie-Population.pdf.
  20. ^ Milosavlevski and Tomovski, 1997:15, 49-105
  21. ^ Milosavlevski and Tomovski, 1997:205, and Politika ekspres 10-6-1986
  22. ^ Poulton, 1995:122
  23. ^ http://www.refworld.org/docid/469f38b7a.html
  24. ^ (SQ) Maqedoni, në të gjitha xhamitë grumbullohen ndihma për Shqipërinë!, 29 novembre 2019. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2019).
  25. ^ (SQ) Përmes telefonatave janë mbledhur rreth 40 mijë euro, 28 novembre 2019. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2019).
  26. ^ Conservative Leader Claims 3rd Term In Macedonia, in NPR, 6 giugno 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.[collegamento interrotto]
  27. ^ rezultati.sec.mk, http://rezultati.sec.mk/Parliamentary/Results?cs=en-US&r=2&rd=r&eu=All&m=All&ps=All.
  28. ^ b92.net, http://www.b92.net/eng/news/region-article.php?yyyy=2009&mm=10&dd=01&nav_id=62079.
  29. ^ Rashidi, Nazim, bbc.co.uk, https://www.bbc.co.uk/albanian/regionalnews/2009/09/090921_nayi_enciklopedia.shtml.
  30. ^ rferl.org, http://www.rferl.org/content/Macedonian_Encyclopedia_Sparks_Balkan_Ethnic_Row/1830215.html.
  31. ^ Filmato audio https://www.youtube.com/watch?v=RF2LprmkK4M&feature=player_embedded.
  32. ^ Приведени неколкумина учесници во инцидентот пред Влада, su puls24.mk, Puls 24, 2 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2013).
  33. ^ tv21.tv, http://tv21.tv/mk/?p=109732.
  34. ^ Copia archiviata, su tv21.tv. URL consultato il 12 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2016).
  35. ^ minorityrights.org, http://minorityrights.org/minorities/albanians-3/.
  36. ^ Country Reports on Human Rights Practices for 2015, su 2009-2017.state.gov. URL consultato il 12 settembre 2020.
  37. ^ State University - Tetovo Archiviato il 2 settembre 2006 in Internet Archive.
  38. ^ Copia archiviata, su seeu.edu.mk. URL consultato il 31 maggio 2006 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2006).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]