Lingue slave meridionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue slave meridionali
Regioni Penisola balcanica
Locutori
Totale 27 milioni
Altre informazioni
Scrittura alfabeto cirillico, alfabeto glagolitico, alfabeto latino
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue slave
Codici di classificazione
ISO 639-5 zls
Slavic europe.png

██ Paesi dove una lingua slava meridionale è lingua nazionale

Le lingue slave meridionali sono un ramo delle lingue slave parlate in Europa, prevalentemente nella Penisola balcanica.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[1] le lingue slave meridionali sono parlate da circa 27 milioni di persone, stanziate principalmente negli stati della regione balcanica. Fa eccezione la lingua croata molisana, che è parlata da un migliaio di persone nella regione del Molise, in Italia.[2]

L'antico slavo ecclesiastico è una lingua estinta che sopravvive come lingua liturgica.[3]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[1] la classificazione delle lingue slave meridionali è la seguente:

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

L'alfabeto cirillico viene utilizzato per il bulgaro, il macedone e il serbo. Croato e sloveno vengono scritti con l'alfabeto latino. Per il bosniaco sono impiegati entrambi gli alfabeti.

L'antico slavo ecclesiastico è scritto in alfabeto glagolitico.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), South Slavic in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  2. ^ Slavomolisano - Ethnologue.
  3. ^ a b Slavonic, Old Church - Ethnologue.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4120345-8