Thunderstrike

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thunderstrike
Universo Universo Marvel
Nome orig. Thunderstrike
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Eric Kevin Masterson
  • Kevin Masterson
Editore Marvel Comics
Thunderstrike I
Universo Universo Marvel
Nome orig. Thunderstrike I
Lingua orig. Inglese
Alter ego

Eric Kevin Masterson

Autori
Editore Marvel Comics
1ª app.
1ª app. in
  • The Mighty Thor (Vol.1) n. 391 (come Masterson)
  • The Mighty Thor (Vol.1) n. 432 (come Thunderstrike)
Editore it. Play Press
app. it.
app. it. in
  • Il mitico Thor n. 34
  • Il mitico Thor n. 57
Sesso Maschio
Parenti
  • Marcy Masterson Steele (moglie, divorziata)
  • Kevin Masterson (figlio)
Thunderstrike II
Universo Universo Marvel
Nome orig. Thunderstrike II
Lingua orig. Inglese
Alter ego

Kevin Masterson

Autori
Editore Marvel Comics - MC 2
1ª app.
1ª app. in
  • The Mighty Thor (Vol.1) n. 392 (come Kevin Masterson)
  • What if (Vol.2) n. 105 (come Thunderstrike II)
Editore it. Play Press - Marvel Italia
app. it.
app. it. in
  • Il mitico Thor n. 34
  • L'Uomo Ragno n. 274
Sesso Maschio
Parenti
  • Eric Masterson (padre, deceduto)
  • Marcy Masterson Steele (madre)
  • Bobby Steele (patrigno)
  • Maria Sapristi (fidanzata)

Thunderstrike è un personaggio dei fumetti, creato da Tom DeFalco (testi) e Ron Frenz (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics.

La sua identità è stata assunta da due differenti personaggi:

  1. Eric Kevin Masterson, il primo Thunderstrike, esordisce in The Mighty Thor (Vol.1) n. 432
  2. Kevin Masterson, il secondo Thunderstrike, fa la sua prima apparizione in What if? (Vol.2) n. 105

È, in un certo senso, una versione alternativa di Thor, con gli stessi poteri ma con caratteristiche differenti, come lo è War Machine per Iron Man, U.S. Agent per Capitan America e il Ragno Rosso per l'Uomo Ragno.

Biografia dei personaggi[modifica | modifica sorgente]

Eric Masterson[modifica | modifica sorgente]

Eric Masterson era un architetto newyorkese, divorziato dalla moglie e padre di un bambino di nome Kevin, che strinse una profonda amicizia con il dio del tuono Thor. Quando Eric rimase ferito assistendo ad una sua battaglia, Thor chiese addirittura aiuto ad Odino pur di poterlo aiutare. Per salvargli la vita, Odino fece un incantesimo con cui, pur lasciandone separate le personalità, fuse fisicamente i due.

Qualche tempo dopo, quando Thor sembrò uccidere il suo fratellastro Loki, Odino per punirlo lo esiliò in un luogo sconosciuto, mentre Mjolnir e i poteri del dio del tuono vennero dati a Masterson che, battendo il proprio bastone per terra poteva trasformarsi in una sorta di essere uguale in tutto e per tutto a Thor: in pratica Odino diede ad Eric tutte le caratteristiche che aveva dato a Thor diversi anni prima, quando era nei panni del dott. Donald Blake, compresa la maledizione dei sessanta secondi, ovvero quella in cui se Eric si fosse separato da Mjolnir per questo lasso di tempo, sarebbe tornato in forma umana.

Eric Masterson divenne così il nuovo protettore di Midgard (la terra per gli asgardiani), alternando i suoi doveri di dio del tuono a quelli di architetto, facendo non poca fatica nel cercare di nascondere ai colleghi e a suo figlio Kevin la sua doppia identità.

Pur avendo la stessa potenza di Thor, Masterson era decisamente più inesperto nei combattimenti, alternando audaci imprese a clamorose gaffe. Eric entrò a far parte dei Vendicatori, dove fece amicizia con Ercole e Quasar e dove venne istruito da Capitan America in persona. Come Vendicatore, Masterson partecipò a missioni importanti, come l'operazione Tempesta nella galassia o la ricerca delle gemme dell'infinito contro il titano pazzo noto come Thanos. Ben presto però si dedicò alla ricerca del vero Thor e, mentre svolgeva le sue ricerche, la sua strada si incrociò con quella di Dargo Ktor e di Beta Ray Bill, con i quali diede vita al Thor Corps.

Infine si scoprì che Loki non era morto, ma aveva rinchiuso Odino nel regno di Mefisto e imprigionato Thor nei meandri della mente di Eric stesso. Con l'aiuto di Lady Sif e Balder, Eric riuscì a liberarli; per ricompensarlo del suo coraggio il Thor originale lasciò ad Eric il martello incantato affinché lo utilizzasse per proteggere la Terra, mentre Thor rimase ad Asgard per tornare insieme a Lady Sif.

L'Incantatrice, presa dalla gelosia, si trasformò in Sif per ingannare Eric. All'esterno della base dei Vendicatori lo baciò e lo rese succube del suo potere. Così Eric tornò ad Asgard per combattere contro il Thor originale, sfidandosi per l'amore di Sif; durante la lotta sia Eric che il vero Thor brandirono Mjolnir ma nessuno ne uscì realmente vincitore dallo scontro. Infatti il "falso" Thor tornò ad essere l'umano Eric e lasciò la vittoria all'originale, cedendogli il martello incantato e rinunciando all'amore per Sif. Fortunatamente Odino scoprì l'inganno e rimproverò severamente Amora. L'incantesimo venne così interrotto, ed Eric si scusò con Thor per quanto avvenuto a causa dell'Incantatrice. Odino forgiò per lui un nuovo martello con caratteristiche del tutto simili a quelle di Mjolnir, che chiamò Thunderstrike.

Così, mentre Thor rimaneva ad Asgard, Eric divenne il dio del tuono di "Midgard", con un look diverso (privo di elmo e mantello, sostituiti da una lunga coda ed un giubbotto di cuoio smanicato) prendendo come nome di battaglia quello del suo martello.

Nei panni di Thunderstrike, Eric si scontrò col terribile Bloodaxe, un misterioso malvagio che utilizzava la scure che fu di Skurge l'Esecutore, un nemico del Thor originale. Quando riuscì a sconfiggere questo nuovo, mortale avversario, Masterson scoprì con suo sconcerto che questi altri non era che Jackie Lukus, la sua fidanzata. Prese allora in custodia la scure, credendo di poterla tenere sotto controllo, ma poco a poco l'arma cominciò a possederlo e a renderlo sanguinario e violento; sotto il controllo della scure Thunderstrike trucidò Seth, il dio egizio della morte. Divenuto furioso ed incontrollabile, si scontrò con i Vendicatori, implorandoli di ucciderlo affinché potesse liberarsi dell'influsso malefico. Masterson tornò in se stesso giusto in tempo per affrontare l'incarnazione di Bloodaxe, e nello scontro entrambi rimasero uccisi, distruggendosi a vicenda.

Thor chiese ad Odino di far riposare il suo spirito nel Valhalla, il paradiso dei eroi asgardiani, ma Eric rifiutò l'offerta, preferendo riposare come un uomo qualsiasi, visto che egli si è sempre sentito più un uomo che un eroe. Per la sua sepoltura Thor scrisse la frase "Il mondo ha ancora bisogno di eroi".

Kevin Masterson[modifica | modifica sorgente]

Kevin Masterson è il figlio di Eric. Fa parte dei Vendicatori della Terra MC 2, ovvero gli A-next. Ha gli stessi poteri di suo padre, tuttavia è più agile e sa controllare meglio il martello.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Thunderstrike ha gli stessi poteri di Thor, ovvero una forza straordinaria eguagliata da pochi e una resistenza sovrumana.

Il suo martello ha le stesse facoltà di Mjolnir, ovvero gli permetteva di volare e di controllare gli elementi, come i venti o i fulmini.

Tuttavia Eric Masterson non aveva la stessa abilità in combattimento del dio del tuono, risultando goffo e impacciato durante gli scontri con i suoi avversari.

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics