Thomas Dekker (ciclista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Dekker
Thomas Dekker 2006.jpg
Thomas Dekker (2006)
Dati biografici
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 185 cm
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Squadra Garmin Garmin
Carriera
Squadre di club
2005-2008 Rabobank Rabobank
2009 Silence Silence
2011 Chipotle
2012- Garmin Garmin
 

Thomas Dekker (Amsterdam, 6 settembre 1984) è un ciclista su strada olandese che corre per il Team Garmin-Barracuda, vincitore in carriera di una Tirreno-Adriatico, un Tour de Romandie e due volte campione nazionale a cronometro.

È uno specialista delle prove a cronometro.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Prodotto della Rabobank, nei due anni da dilettante consegue 14 successi, conquistando inoltre due medaglie d'argento ai campionati del mondo 2004 nella categoria Under 23, sia nella prova in linea che a cronometro.[1]

Dopo tre mesi da stagista a fine 2004, passa professionista nel 2005 con la Rabobank; la prima vittoria da pro la ottiene il 27 marzo nella seconda tappa del Critérium International, in Francia, quando va a staccare Jörg Jaksche, Bobby Julich e Ivan Basso in un arrivo in volata a 4.[2] Chiuderà la corsa al secondo posto.

Tra le vittorie più importanti degli anni seguenti si ricordano l'edizione 2006 della Tirreno-Adriatico e l'edizione 2007 del Tour de Romandie, oltre a due campionati nazionali a cronometro. Nel 2008 non ottiene invece successi: i suoi migliori piazzamenti sono due terzi posti in classifica generale alla Vuelta a Castilla y León e alla Vuelta al País Vasco. Dopo un deludente Giro di Svizzera, la Rabobank lo esclude dai convocati per il Tour de France.

A seguito di contrasti con la dirigenza, anche a causa dell'esclusione dalla Grande Boucle, il 28 settembre 2008 firma un contratto biennale con la Silence-Lotto, squadra belga capitanata da Cadel Evans.[3] Lascia così la Rabobank dopo quattro stagioni da professionista.

Il 20 giugno 2009 viene trovato positivo all'EPO in seguito a controlli antidoping effettuati a Colonia su dei campioni prelevatigli nel dicembre 2007, in periodo di non competizione.[4] Il 1º luglio seguente viene quindi sospeso dalla Silence-Lotto; le controanalisi del settembre 2009 confermano poi la positività.[4]

Scontata la squalifica, il 1º agosto 2011 firma con la formazione Continental statunitense della Chipotle, con cui disputa il Giro del Portogallo.[5][6]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Thomas Dekker al Sachsen-Tour 2008
1ª tappa Ster Elektrotoer
3ª tappa Ster Elektrotoer
Prologo Boucles de la Mayenne
Classifica generale Tour de Normandie
Prologo Olympia's Tour
5ª tappa Olympia's Tour
Classifica generale Olympia's Tour
Campionati olandesi, Prova a cronometro
2ª tappa Giro dei Pirenei
Grand Prix Eddy Merckx (con Koen de Kort)
1ª tappa Tour de l'Avenir
2ª tappa Rheinland-Pfalz-Rundfahrt
2ª tappa Triptyque des Monts et Châteaux
Classifica generale Triptyque des Monts et Châteaux
Classifica generale Internationale Thüringen Rundfahrt
1ª tappa Critérium International
Grote Prijs Stad Zottegem
Campionati olandesi, Prova a cronometro
8ª tappa Tour de Pologne
Classifica generale Tirreno-Adriatico
Trofeo Pollença
5ª tappa Tour de Romandie
Classifica generale Tour de Romandie
6ª tappa Tour de Suisse
2ª tappa 3-Länder-Tour
4ª tappa 3-Länder-Tour
Classifica generale 3-Länder-Tour
Duo Normand
5ª tappa Circuit de la Sarthe

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Classifica giovani Critérium International
Classifica giovani Eneco Tour
Classifica punti Tour de Romandie
Profronde van Stiphout
Profronde van Heerlen
Profronde van Almelo
Classifica punti Vuelta a Castilla y León
Draai van de Kaai
2ª tappa Tour of Qatar (cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2005: 75º
2013: 136°

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

2013: 107º

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Claudio Ghisalberti, L' Italia scopre l' altro Dekker: è baby Thomas in La Gazzetta dello Sport, 26 aprile 2005. URL consultato il 17-05-2010.
  2. ^ 2ª tappa: Les Vieilles Forges - Monthermé in Cicloweb, 27 marzo 2005. URL consultato il 17-05-2010.
  3. ^ (EN) Thomas Dekker to Silence - Lotto in Cyclingnews.com, 28 settembre 2008. URL consultato il 17-05-2010.
  4. ^ a b (EN) Dekker's counter-analysis positive for EPO in Cyclingnews.com, 30 settembre 2009. URL consultato il 17-05-2010.
  5. ^ Chipotle - Development Team (pt) Volta-portugal.com
  6. ^ Thomas Dekker, o `demónio´ vem salvar a alma em Portugal (pt) A Bola

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]