Stef Clement

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stef Clement
Stef Clement 2.jpg
Stef Clement al Tour Down Under 2009
Dati biografici
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 181[1] cm
Peso 65[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Squadra Blanco Blanco
Carriera
Squadre di club
2004 Rabobank GS3 Rabobank GS3
2005 Rabobank Cont. Rabobank Cont.
2006-2008 Bouygues Télécom Bouygues Télécom
2009-2012 Rabobank Rabobank
2013- Blanco Blanco
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Bronzo Stoccarda 2007 Crono Elite
 

Stef Clement (Tilburg, 24 settembre 1982) è un ciclista su strada olandese che corre per il team Blanco.

Professionista dal 2006, è uno specialista delle prove a cronometro[1] e si è laureato tre volte campione olandese di specialità nella categoria élite.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi e gli anni alla Bouygues Télécom[modifica | modifica sorgente]

Dopo la vittoria del campionato olandese a cronometro nella categoria Under 23, nel biennio 2004-2005 è sotto contratto con la Rabobank Beloften, la squadra giovanile sponsorizzata Rabobank. Proprio nel 2005 si aggiudica l'Olympia's Tour, importante corsa olandese riservata ai dilettanti.

Passa professionista nel 2006 con la Bouygues Télécom, squadra francese del circuito UCI ProTour. In maggio prende parte al suo primo grande giro, il Giro d'Italia, concludendolo al 64º posto pur senza mai entrare nei primi dieci in alcuna tappa. Il mese seguente si laurea per la prima volta campione olandese a cronometro superando Erik Dekker e Joost Posthuma, mentre ai primi di settembre vince una tappa al Tour de l'Avenir, corsa francese per ciclisti di età inferiore a 23 anni.

Nel 2007 si riconferma campione olandese a cronometro davanti a Michiel Elijzen e Rick Flens. Partecipa al Tour de France, ritirandosi, e alla Vuelta a España, concludendo al 32º posto della generale; alla Vuelta chiude inoltre terzo nella cronometro del penultimo giorno, vinta da Samuel Sánchez, dopo essere stato primo per più di un'ora.[2] Le qualità di cronoman vengono confermate cinque giorni dopo, con la medaglia di bronzo nella prova a cronometro del Mondiale di Stoccarda, dietro ai più esperti Fabian Cancellara e László Bodrogi.[3] Conclude la stagione con un altro terzo posto, in ottobre, alla Chrono des Nations.

Nella primavera 2008 è quindi ottavo al Critérium International, quinto al Circuit de la Sarthe, terzo nella cronometro di Sion al Tour de Romandie, secondo in quella di Bad Neustadt an der Saale al Giro di Baviera. In luglio partecipa nuovamente al Tour de France, e conclude in 87ª posizione. Il mese seguente è quello dei Giochi della XXIX Olimpiade a Pechino: Clement partecipa sia alla corsa in linea che in quella a cronometro, ritirandosi nella prima e giungendo nono nella seconda. Al Mondiale di Varese del 25 settembre invece delude: partito per quart'ultimo nella prova contro il tempo, conclude solo ventiduesimo, a 2'31" dal vincitore Bert Grabsch.[4] In ottobre riesce ad aggiudicarsi comunque la Chrono des Nations. Nell'agosto 2008 aveva intanto firmato un contratto con la Rabobank per la stagione 2009.[5]

Il ritorno alla Rabobank[modifica | modifica sorgente]

Apre l'annata 2009 con il quarto posto alla Vuelta a Castilla y León, breve corsa a tappe spagnola. Pochi sono i risultati che arrivano nelle corse seguenti, fino al trionfo nell'ultima tappa del Critérium du Dauphiné Libéré, il 14 giugno: nell'occasione è abile a superare in volata i due compagni di fuga Tim Duggan e Sébastien Joly sul traguardo di Grenoble, aggiudicandosi per la prima volta una corsa in linea.[6] In luglio è per la terza volta al via della Grande Boucle, e subito, nel corso della seconda tappa, coglie l'occasione per mettersi in mostra andando in fuga insieme ad altri tre ciclisti. Ripreso a 10 km dal traguardo,[7] ha comunque la soddisfazione di indossare il numero rosso di corridore più combattivo di giornata. Un mese dopo si laurea nuovamente campione olandese a cronometro.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Campionati olandesi, Prova a cronometro Under-23
  • 2003 (Van Hemert Groep, una vittoria)
9ª tappa Olympia's Tour
  • 2005 (Rabobank Continental, due vittorie)
1ª tappa Cinturón Ciclista Internacional a Mallorca
Classifica generale Olympia's Tour
  • 2006 (Bouygues Télécom, due vittorie)
Campionati olandesi, Prova a cronometro
9ª tappa Tour de l'Avenir
  • 2007 (Bouygues Télécom, una vittoria)
Campionati olandesi, Prova a cronometro
  • 2008 (Rabobank, una vittoria)
Chrono des Nations - Les Herbiers Vendée
  • 2009 (Rabobank, due vittorie)
Campionati olandesi, Prova a cronometro
7ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
  • 2011 (Rabobank, una vittoria)
Campionati olandesi, Prova a cronometro

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2006: 64º
2011: 108º
2012: 71º
2013: 48º
2007: ritirato
2008: 90º
2009: 118º
2014: ritirato (7ª tappa)
2007: 32º
2008: ritirato
2012: 100º
2013: ritirato (13ª tappa)
2014: 69º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

2006: ritirato
2012: ritirato
2012: ritirato
2013: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Rabobank - Cycling - Pro Riders, www.rabobank.com. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  2. ^ (EN) Gregor Brown, Hernan Alvarez, Sánchez triples on way to final Vuelta podium spot in cyclingnews.com, 22 agosto 2007. URL consultato il 24 maggio 2010.
  3. ^ (EN) Gregor Brown, Cancellara reigns as World Champion in cyclingnews.com, 27 settembre 2007. URL consultato il 24 maggio 2010.
  4. ^ (EN) Susan Westemeyer, Grabsch grabs title in cyclingnews.com, 25 settembre 2008. URL consultato il 24 maggio 2010.
  5. ^ (EN) Hedwig Kröner, Clement to Rabobank in cyclingnews.com, 1° agosto 2008. URL consultato il 24 maggio 2010.
  6. ^ (EN) Jean-François Quénet, A first for Clement, a last for Valverde? in cyclingnews.com, 14 giugno 2009. URL consultato il 24 maggio 2010.
  7. ^ (EN) Anthony Tan, Cavendish wins sprint in Brignoles in cyclingnews.com, 5 luglio 2009. URL consultato il 24 maggio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]