Sukhoi T-4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sukhoi T-4
Sukhoi T-4 al Museo centrale delle aeronautiche militari di Monino, Mosca
Descrizione
Tipo ricognitore/intercettore trisonico
Equipaggio 2
Costruttore Industrie statali URSS
Data primo volo 22 agosto 1972
Data entrata in servizio rimasto allo stato prototipo
Esemplari 1 + 2 non completati
Dimensioni e pesi
Lunghezza 44,5m
Apertura alare 22,0 m
Altezza 11,2 m
Superficie alare 295,7
Peso a vuoto 55 600 kg
Peso max al decollo 110 000 kg
Propulsione
Motore 4 turbofan Kolesov RD-36-41
Potenza 4 x 160 kN
Prestazioni
Velocità max 2900 km/h
Autonomia 6 000 km
Tangenza 20 000 - 24 000 m

Sukhoi.org

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Sukhoi T-4 (denominazione sovietica "Sotka") era un bombardiere strategico trisonico sovietico costruito dalla Sukhoi (Сухой), dotato di ala a delta ed alette canard rimasto allo stato di prototipo.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo del velivolo ebbe inizio nel 1961. L'obbiettivo dei progettisti era di realizzare un velivolo da bombardamento ad alta velocità da poter impiegare sia per missioni navali che terrestri con un'autonomia di 7000 km.

Il progetto del T-4 venne preferito a quelli depositati dalle altre industrie aeronautiche russe, la Yakovlev e la Tupolev. Ciò fu deciso in quanto la velocità di 3200 km/h tenuta dal velivolo permetteva di rendere inefficaci le armi contraeree avversarie. La realizzazione dei primi modelli venne ordinata nel 1963. Il progettista era il generale N.S. Chernyakov. Nel 1964 vi fu la revisione preliminare del progetto da parte delle autorità competenti.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Caratterizzato dal muso a geometria variabile come il Concorde o il North American XB-70 Valkyrie, per ottenere una sufficiente visibilità nelle fasi di decollo ed atterraggio. Apparentemente ispirato all'XB70, era di dimensioni più contenute, aveva un impennaggio monoderiva ed era equipaggiato con 4 motori RD36-41 turbojet. Per migliorare la manovrabilità era stato fornito di alette canard poste in posizione leggermente sopraelevata rispetto alle due ali a doppio delta principali.

Era realizzato in buona parte in titanio. Il prototipo utilizzato per le valutazioni è custodito presso il Museo centrale delle aeronautiche militari di Monino, Mosca.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sukhoi T-4 - la versione iniziale
  • Sukhoi T-4M - la versione modificata base
  • Sukhoi T-4MS - lo sviluppo ulteriore della versione M

Aerei simili[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]