San daikaijū chikyū saidai no kessen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ghidorah, il mostro a tre teste
GTTHM.jpg
Titolo originale 三大怪獣 地球最大の決戦, San daikaijū chikyū saidai no kessen
Paese di produzione Giappone
Anno 1964
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza, azione
Regia Ishiro Honda
Sceneggiatura Shinichi Sekizawa
Produttore Tomoyuki Tanaka
Effetti speciali Eiji Tsuburaya
Musiche Akira Ifukube
Interpreti e personaggi

Ghidorah, il mostro a tre teste (三大怪獣 地球最大の決戦 San daikaijū chikyū saidai no kessen?, lett. "La più grande battaglia decisiva sulla Terra dei tre grandi mostri") è un film del 1964, quinto sequel di Godzilla del 1954.

In questo film vengono introdotte due novità che diventeranno in seguito delle costanti della saga: la presenza di elementi extraterrestri e il drago spaziale tricefalo King Ghidorah, che diventerà la nemesi più famosa di Godzilla. Ma da questo film in poi ci sarà una grande svolta: Godzilla diventa buono e si trasforma in un eroe.

È stato rilasciato in America con il titolo Ghidorah, the Three-Headed Monster. L'edizione italiana è stata resa disponibile dalla Cecchi Gori Home Video il 9 settembre 2014.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Una principessa himalayana viene posseduta dallo spirito di una venusiana, scappata dal suo pianeta prima che venisse devastato dal mostruoso King Ghidorah, potente drago spaziale che viaggia nello spazio che attraversa con un meteorite.

La principessa, che qualcuno intende assassinare, cerca di avvertire i potenti della Terra, ma non viene ascoltata. Solo nelle fatine-sacerdotesse di Mothra riesce a trovare un aiuto. In quello stesso momento tuttavia fanno la loro comparsa anche Godzilla e Rodan, che cominciano ad attaccare il Giappone. Ma quando giungerà King Ghidorah, i due mostri, insieme a Mothra (in stato larvale), gli daranno battaglia, e riusciranno a sconfiggerlo. La principessa può così tornare nella sua patria, mentre Godzilla e Rodan osservano Mothra tornare alla sua isola.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]