Atom, il mostro della galassia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atom, il mostro della galassia
Titolo originale ゲゾラ・ガニメ・カメーバ 決戦! 南海の大怪獣, Gezora Ganime Kameba - Kessen! Nankai no kaijuu
Lingua originale Giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1970
Durata 84 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza
Regia Ishirō Honda
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Atom, il mostro della galassia (ゲゾラ・ガニメ・カメーバ 決戦! 南海の大怪獣 Gezora Ganime Kameba - Kessen! Nankai no kaijuu?, lett. "Gezora, Ganime, Kamoeba - Battaglia decisiva! Mostri giganti dei mari del Sud") è un film del 1970, diretto da Ishirō Honda. È una storia di ambientazione fantascientifica. Noto negli USA con altri nomi fra i quali Yog: Monster from Space e Space Amoeba,questo film è famoso perché è l'ultimo film non-Godzilla.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il satellite Elios-7 ritorna sulla terra posseduto da Yog (Atom nel doppiaggio italiano), il quale si impossessa di una seppia trasformandola in Gezora. Gli indigeni dell'isola dove il mostro vive ospita un gruppo di persone (tra le quali un fotografo, un antropologo ed un albergatore), i quali vengono a sapere che un altro giapponese è morto sull'isola, ucciso da Gezora. Anche il suo amico, unico testimone dell'omicidio, muore ucciso dal mostro. Un indigeno, Rico, rimane invece scioccato dall'attacco. Gezora viene più tardi ucciso grazie al fuoco.Nel frattempo Yog si impossessa di Ganime, un granchio gigante, il quale viene fatto esplodere. Durante un matrimonio Rico si risveglia e racconta che Gezora era scappato all'arrivo dei pipistrelli, e Ganime all'arrivo dei delfini. Così capiscono che i mostri odiano gli ultrasuoni. Nel frattempo Yog si impossessa di Kamoebas, un tartarugone, dell'albergatore e di un nuovo Ganimes. L'albergatore dà fuoco ai pipistrelli (chiusi dagli indigeni nelle caverne), ma questi escono comunque e intorpidiscono le menti di Ganimes e Kamoebas, i quali si azzuffano in uno scontro che li porterà a morire cadendo da un vulcano. Subito dopo l'albergatore, che si era ripreso, si butta nella lava uccidendo definitivamente Yog.

Mostri[modifica | modifica wikitesto]

Gezora, il mostro principale e più famoso del film, è una seppia gigante di colore blu-verde, alta circa 30 m e pesante 20.000 tonnellate. Nonostante sia acquatico ha la capacità di muoversi sulla terraferma usando i tentacoli, i due più lunghi li usa come braccia per attaccare e afferrare le vittime. Ma la sua caratteristica più grande sono i due enormi occhi gialli e inespressivi. Come gli altri mostri è sensibile agli ultrasuoni,ma ha anche un altro punto debole: il calore. È il primo mostro ad essersi formato dopo l'arrivo sulla terra di Elios 7 ed è anche il primo a morire, bruciato con della benzina.

Ganime è un granchio gigante dotato di un resistente esoscheletro che lo protegge dai colpi delle armi da fuoco; nato dopo la morte di Gezora, verrà inizialmente ucciso a causa di un'esplosione, ma rinascerà misteriosamente insieme a Kamoebas verso la fine del film, dove combatterà con quest'ultimo; entrambi i mostri moriranno definitivamente cadendo in un cratere vulcanico.

Kamoebas è una grossa tartaruga di colore marrone, dotata di una corazza molto spessa e dei pungiglioni sopra la testa. I suoi artigli sono molto grossi, adatti ad arrampicarsi, e i denti sono acuminati. Per via della mutazione, ha la lingua biforcuta. È il mostro che appare di meno nel film, nascendo verso la fine insieme alla reincarnazione di Ganime, morirà cadendo in un cratere vulcanico

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]