Robert Wilhelm Bunsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Wilhelm Eberhard Bunsen

Robert Wilhelm Eberhard Bunsen (Gottinga, 31 marzo 1811Heidelberg, 16 agosto 1899) è stato un chimico e fisico tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Perfezionò il bruciatore che ora porta il suo nome (becco Bunsen), inventato dal chimico e fisico britannico Michael Faraday e lavorò sulla spettroscopia di emissione degli elementi.

Ultimo di quattro fratelli, frequentò la scuola a Holzminden e studiò chimica all'Università di Göttingen. Dopo aver ottenuto il dottorato all'età di 19 anni[1] viaggiò dal 1830 al 1833 attraverso l'Europa occidentale. Durante questo periodo conobbe Runge, lo scopritore dell'anilina, Justus von Liebig a Giessen e Mitscherlich a Bonn.

Al suo ritorno in Germania Bunsen divenne professore a Gottinga, dove iniziò i suoi studi sperimentali sulla solubilità dei sali dell'acido arsenioso. Per molto tempo l'ossido ferrico idrato è stato usato come antidoto per l'avvelenamento da arsenico proprio in virtù delle ricerche di Bunsen.

Nel 1836 Bunsen prese il posto di Friederich Woehler a Kassel. Dopo aver insegnato per due anni accettò l'offerta dell'università di Marburgo dove studiò i derivati del cacodile. Il proprio lavoro gli portò rapidamente fama e onori, ma rischiò di morire per avvelenamento da arsenico. Perse inoltre la vista da un occhio in seguito ad un'esplosione che proiettò un frammento di vetro nell'occhio.[2] Nel 1841 Bunsen creò un elettrodo di carbonio da usare al posto del costoso elettrodo di platino nella pila di Grove.

Gustav Kirchhoff (a sinistra) e Robert Bunsen (a destra)

Nel 1852 Bunsen succedette a Leopold Gmelin all'Università di Heidelberg.[1] Utilizzando l'acido nitrico riuscì a preparare numerosi metalli puri tra cui cromo, magnesio, alluminio, manganese, sodio, bario, calcio e litio attraverso l'elettrolisi. Nello stesso anno iniziò una lunga collaborazione con Sir Henry Roscoe con lo scopo di studiare la formazione di acido cloridrico a partire da idrogeno e cloro.

Nel 1859 interruppe la collaborazione con Roscoe e si unì a Gustav Kirchhoff nello studio della spettroscopia di emissione degli elementi. Per questo scopo Bunsen perfezionò uno speciale bruciatore, inventato da Michael Faraday, che ancora oggi è chiamato becco di Bunsen.

Nel 1877 fu il primo scienziato (assieme a Kirchhoff) ad essere insignito della Medaglia Davy.

Si ritirò all'età di settantotto anni dedicandosi alla geologia (che fu per lungo tempo un suo hobby). All'età di 88 anni Robert Bunsen morì a Heidelberg.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b D. J. Lovell, Optical anecdotes Press Monograph Series Volume 141 di SPIE PM, SPIE Press, 2004, p. 95. URL consultato il 31 marzo 2011.
  2. ^ V. D. Athawale, Experimental Physical Chemistry, New Age International, 2001, p. 249. URL consultato il 31 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61621398 LCCN: n85225151