Jean Baptiste Boussingault

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jean Baptiste Boussingault (Parigi, 2 febbraio 1802Parigi, 11 maggio 1887) è stato un chimico e agronomo francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Boussingault, figlio di un mercante, studiò come ingegnere minerario; nel 1821 ha commissionato una società inglese nel sudamerica. Qui si è occupato principalmente di indagini geologiche. Su raccomandazione di Alexander von Humboldt ha fatto ampie esplorazioni in sudamerica, e ha acquisito alta reputazione accademica. Ha tentato nel 1831 la scalata del Chimborazo senza riuscirvi. Nel 1832 è tornato in Francia. Nel 1834 divenne professore di chimica a Lione nel 1839, e professore di chimica agraria e analisi presso il conservatorio di Parigi. Boussingault nel 1836 comprò un podere a Pechelbronn in Alsazia creandovi una stazione agricola sperimentale. Qui si occupa di problemi di alimentazione animale e di fotosintesi, in particolare dei problemi di fertilità del suolo, di rotazione delle colture e di fecondazione. In particolare si interessò della nutrizione azotata delle piante. Boussingault non era soltanto un eccellente chimico, ma anche un esperto coltivatore.Pubblicò un libro, Economia rurale, tradotto in diverse lingue, sullo sviluppo e nutrizione delle piante, l'agronomia e le discipline agricole. Nel 1848 è eletto nell'Assemblea Nazionale come repubblicano moderato, e si dimette tre anni dopo per dedicarsi all'insegnamento. Nel 1878 gli viene assegnata la medaglia Copley per i suoi contributi alla scienza; gli è stato dedicato anche il nome di un cratere lunare.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 76414227 LCCN: n82214388