Paura e delirio a Las Vegas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Fear and Loathing in Las Vegas" rimanda qui. Se stai cercando il gruppo musicale, vedi Fear, and Loathing in Las Vegas.
Paura e delirio a Las Vegas
Pauraedelirio.JPG
Johnny Depp in una scena del film
Titolo originale Fear and Loathing in Las Vegas
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1998
Durata 118 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere commedia, avventura
Regia Terry Gilliam
Soggetto Hunter S. Thompson
Sceneggiatura Terry Gilliam
Fotografia Nicola Pecorini
Montaggio Lesley Walker
Effetti speciali Joe Barden
Musiche Ray Cooper, Michael Kamen
Scenografia Alex McDowell
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Poi la superstrada per Hollywood, dritta verso il frenetico oblio, sicurezza, oscurità. Solo un altro sballato, in un mondo di sballati. »
(Battuta finale del film)

Paura e delirio a Las Vegas (Fear and Loathing in Las Vegas) è un film del 1998 diretto da Terry Gilliam, con protagonisti Johnny Depp e Benicio Del Toro.

È tratto dal libro parzialmente autobiografico Paura e disgusto a Las Vegas di Hunter S. Thompson, in cui lo scrittore usa lo pseudonimo di Raoul Duke, mentre l'avvocato Oscar Zeta Acosta viene chiamato Dr. Gonzo.

Gli stessi personaggi erano già stati portati sul grande schermo nel 1980 rispettivamente da Bill Murray e Peter Boyle nella pellicola mai distribuita in Italia Where the Buffalo Roam, basata anch'essa sui testi dello stesso Thompson.

È stato presentato in concorso al 51º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti, 1971. Il giornalista Raoul Duke viene incaricato dalla redazione del proprio giornale di scrivere un articolo sulla gara motociclistica off-road Mint 400, che si tiene annualmente nel deserto intorno a Las Vegas. Lo accompagnerà nell'impresa il Dott. Gonzo, un'irascibile e corpulento avvocato samoano, suo grande amico. I due, grandi consumatori di sostanze psicotrope, colgono al volo l'occasione per tramutare il viaggio di lavoro in una settimana di sfrenati eccessi, sotto l'effetto delle più disparate ed illegali droghe. Con una decappottabile rossa presa a noleggio attraversano il deserto del Nevada, incontrando sin dall'inizio le prime difficoltà e visioni dovute agli allucinogeni (come alcuni pipistrelli: famosa la frase "We can't stop here, this is bat country!").

Una volta giunti nella città che non dorme mai, i due si incontrano con il fotografo portoghese Lacerda, che gli raccomanda di non perdere la corsa del giorno dopo; ma si verificheranno imprevedibili conseguenze dovute principalmente al loro desiderio spregiudicato di provare ogni tipo di eccesso, anche sociale. Così, dopo aver visto consumarsi l'evento motociclistico senza aver scritto il suo articolo giornalistico, e dopo una sventurata visita al più illustre Casinò della città (il Circo Bazooko) sotto l'effetto dell'etere, Duke abbandona il suo compagno e fugge dall'hotel dove alloggia prendendo l'impulsiva decisione di tornare a Los Angeles, senza pagare l'ingente conto all'hotel, per poi, arrivato ormai alla Death Valley dopo essere stato fermato da un poliziotto, fare rapidamente dietrofront dopo aver scoperto di avere ancora un incarico da svolgere a Las Vegas: un servizio sull'annuale convegno formativo sulle droghe indetto dalla polizia.

I due prenotano una lussuosa suite in un altro hotel, senza però riuscire a rinunciare al loro continuo consumo di stupefacenti neppure durante il convegno della polizia. Gonzo finirà per adescare una giovanissima pittrice, Lucy, drogandola con l'LSD, e solo con molta fatica riusciranno a sbarazzarsi di lei per evitare ulteriori guai.

Alla conclusione inevitabilmente infruttuosa anche del secondo incarico, i due fuggono nuovamente fino all'aeroporto. Durante il tragitto incontrano di nuovo Lucy mentre attraversa la strada, cosa che li fa velocemente invertire senso di marcia e costringendoli a prendere una scorciatoia "fuori strada" per raggiungere in tempo l'aeroporto, dove Gonzo si imbarca per il rientro, mentre Duke prosegue da solo il suo viaggio su strada verso LA per poi dirigersi verso Hollywood.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • A dirigere il film originariamente doveva essere Alex Cox - il regista di Walker - Una storia vera e Diritti all'inferno - che dopo alcuni litigi con la produzione abbandonò il progetto. Al suo posto fu chiamato Terry Gilliam che riscrisse daccapo il copione di Cox.
  • Il copione venne proposto alle maggiori case di produzione americane per oltre 12 anni venendo sempre rifiutato. Alla fine venne proposto a Gilliam che lo realizzò trasformandolo in un'avventura on the road per le strade del Nevada.
  • Hunter S. Thompson (scrittore del libro da cui è tratto il film) compare nella pellicola per alcuni secondi in una scena in un locale chiamato Matrix dove stanno suonando i veri Jefferson Airplane. Il Matrix esiste realmente: è a San Francisco ed è il locale dove esordirono i Jefferson Airplane.
  • L'attore che entra nel bagno del Matrix con Duke è Flea (Michael Balzary, bassista dei Red Hot Chili Peppers).
  • Depp ha coperto interamente il costo dei funerali di Thompson. Tra le ultime volontà dello scrittore c'era la richiesta di essere cremato e che le sue ceneri fossero poi sparate da un cannone alto 45 metri.
  • La band americana Avenged Sevenfold ha composto una canzone, Bat Country, con espliciti riferimenti a questo film.
  • Prima delle riprese del film, fu Thompson a rasare a zero i capelli di Depp.
  • Buona parte dei vestiti ed accessori che Depp indossa nel film, appartenevano a Thompson che li aveva indossati durante gli anni settanta. Depp aveva passato con Thompson quattro mesi per studiare il suo modo di muoversi e il suo modo di parlare.
  • Nel film Tutti gli uomini del deficiente del 1999, nella prima missione del videogioco il personaggio di Doctor Leo Star viene caricato in macchina da Duke e Gonzo.
  • Nel film Mai stata baciata durante il ballo di fine corso, dietro la caraffa del ponch appaiono due ragazzi vestiti come Duke e Gonzo.
  • Nella puntata dei Simpson Viva Ned Flanders si vedono Duke e Gonzo, così come compaiono nelle caricature visibili nei titoli di coda, tornare da Las Vegas.
  • Nel videogame GTA San Andreas i personaggi Maccer e Kent Paul fanno riferimento a Duke e Gonzo.
  • In una puntata della serie Dawson's Creek, Joey e Pacey guardano il film Paura e delirio a Las Vegas.
  • Nel film Rango si vedono Duke e Gonzo in macchina percorrere una strada e investire Rango.
  • Quando Gonzo presenta la ragazza Lucy a Duke fa riferimento alla canzone "Lucy in the sky with Diamonds" dei Beatles'
  • Nella scena in cui Duke assume l'adrenocromo e assiste alla metamorfosi del Dottor Gonzo, questi gli descrive gli effetti della droga che ha appena preso (aumento di peso, ingrossamento della testa, artigli, verruche sanguinanti, liquefazione del corpo, cecità, ecc....). Nel libro invece, gli effetti descritti da Gonzo alludono anche ad una sua personale esperienza, dovuta non all'assunzione di adrenocromo, ma di stramonio.
  • Nel video "Wild Boys" del rapper italiano Noyz Narcos,si può notare come uno dei travestimenti utilizzati è chiaramente ispirato al personaggio Duke.
  • Il video "K-Hole" dei rapper italiani Gemitaiz e Salmo è chiaramente ispirato a Paura e delirio a Las Vegas

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1998, festival-cannes.fr. URL consultato il 3 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema