Pagella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La pagella, chiamata anche scheda di valutazione o "documento di valutazione", è un elenco di tutti i corsi frequentati da uno studente, e la relativa valutazione (voto) per ciascuno di essi. La pagella viene consegnata a circa metà e alla fine dell'anno scolastico, cioè una per ogni fine quadrimestre (o a volte fine trimestre, in cui è diviso l'anno, quindi in seguito alla autonomia scolastica tre volte in un anno, dunque una per ogni fine trimestre).

Confronto tra Stati[modifica | modifica sorgente]

Italia[modifica | modifica sorgente]

La scheda di valutazione esprime dei voti espressi in decimi per qualsiasi grado d'istruzione. Non è possibile fare un confronto diretto tra i voti e i giudizi sintetici, usati per le rilevazioni degli apprendimenti degli alunni frequentanti la scuola primaria e secondaria di I°fino all'anno scolastico 2008/2009, poiché dipende dai criteri deliberati dal collegio dei Docenti delle singole istituzioni scolastiche. Comunque i giudizi, in alcuni casi[1], corrispondono ai voti come segue:

Corrispondenza voti/giudizi nella scuola secondaria di secondo grado

  • eccellente: 10
  • ottimo: 9
  • distinto: 8
  • buono: 7
  • sufficiente: 6
  • non sufficiente: da 0 a 5

Il 10 corrisponde a conoscenze autonomamente ampliate, puntuali ed approfondite; partecipazione propositiva ed un comportamento impeccabile.

Nella scuola secondaria di secondo grado, se in una materia la valutazione finale è inferiore a 6, il consiglio di classe può, a propria discrezione, deliberare il debito formativo, dunque, la sospensione del giudizio finale rispetto a tale allievo. L'alunno dovrà così sostenere un esame di riparazione da tenersi entro l'inizio del successivo anno scolastico (di norma entro settembre), in base a ciò che decide il consigli di classe con la sola presenza dei docenti e solo sulle materie il cui voto finale risultava insufficiente.

Così se la valutazione dell'esame risulterà positiva l'alunno esaminato avrà accesso alla classe successiva, al contrario se l'allievo otterrà un risultato insufficiente all'esame non verrà ammesso alla classe successiva). Nella scuola secondaria di primo grado se un alunno ha una materia con valutazione negativa dovrebbe essere bocciato, ma speso il consiglio di classe, per evitare la bocciatura, sceglie di dare un 6 con * che specifica la motivazione per cui non è stato messo il 5.

Nella scuola primaria la valutazione del comportamento e della religione cattolica è prevista (generalmente) con un giudizio sintetico (Ottimo, distinto, buono, sufficiente, insufficiente o non sufficiente). Ciò avviene generalmente anche nelle scuole secondarie ma solo per quanto riguarda la valutazione della religione cattolica.

Nella scuola primaria e secondaria di primo grado le materie studiate (e quindi valutate) sono le seguenti:

  • Italiano
  • Inglese
  • Seconda Lingua straniera
  • Storia
  • Geografia

+ Matematica

  • Scienze
  • Tecnologia

+ Discipline geometriche

  • Arte e immagine
  • Scienze motorie e sportive
  • Religione cattolica/Attività alternativa
  • Comportamento

Per i licei, gli istituti tecnici e professionali le discipline variano in base all'indirizzo scelto.

Germania[modifica | modifica sorgente]

Nelle pagelle tedesche per la valutazione si utilizzano i numeri da 1 a 6. Un numero inferiore indica un voto più alto, mentre un numero superiore indica un voto peggiore; infatti il voto migliore corrisponde all'1 (Ottimo), mentre il voto peggiore corrisponde al 6 (Insufficiente).

  • 1 sehr gut
  • 2 gut
  • 3 befriedigend
  • 4 genügend
  • 5 mangelhaft
  • 6 ungenügend

Svizzera[modifica | modifica sorgente]

Nel sistema di valutazione svizzero, i numeri variano da 1 a 6, come la Germania, con la differenza che il valore si inverte.

  • 6: Ottimo
  • 5,5: Molto Buono
  • 5: Buono
  • 4,5: Discreto
  • 4: Sufficiente
  • 3,5: Leggermente insufficiente (è insufficiente sotto il 4)
  • 3: Insufficiente
  • 2: Gravemente insufficiente

Stati Uniti[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti i voti in pagella sono spesso espressi da lettere. Ad ognuna di esse corrisponde una percentuale di lavoro svolto correttamente, nel caso della valutazione durante l'anno scolastico; oppure la percentuale di apprendimento, nel voto in pagella.

  • A+: 97-100%
  • A: 93-96%
  • A-: 90-92%
  • B+: 87-89%
  • B: 83-86%
  • B-: 80-82%
  • C+: 77-79%
  • C: 73-76%
  • C-: 70-72%
  • D+: 67-69%
  • D: 63-66%
  • D-: 60-62%
  • I, E, N, U, F: meno del 60%

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Piano dell'offerta formativa l.s.s. "G. Galilei" Verona (capitolo 4.1)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]