Osman II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Osman II
Genç Osman.JPG
Sovrano dell'Impero ottomano
In carica 1618 –
1622
Predecessore Mustafa I
Successore Murad IV
Nome completo Genç Osman
Nascita 3 novembre 1604
Morte 20 maggio 1622
Dinastia ottomana
Padre Ahmed I
Firma Tughra of Osman II.JPG

Osman II (عثمان الثاني in arabo, noto anche come Genç Osman, "giovane Osman" in turco; 3 novembre 160420 maggio 1622) fu sultano dell'Impero ottomano dal 1618 alla sua morte.

Osman II era figlio del sultano Ahmed I (1603-1617) e di sua moglie Mâhfirûze Hatice: la madre fu molto attenta alla sua educazione mentre era in giovane età, così che Osman II divenne un eccellente poeta e imparò molte lingue, tra cui arabo, persiano, greco, latino e italiano.

Ascese al trono a soli 14 anni a seguito di un colpo di Stato contro suo zio Mustafa I, ma a dispetto della sua giovane età, Osman II si dimostrò ben presto un governante energico: dopo aver reso sicuro il confine orientale dell'impero firmando un trattato di pace con i Safavidi in Iran, guidò personalmente l'invasione ottomana contro la Confederazione Polacco-Lituana per chiudere l'annosa Guerra dei Magnati di Moldavia. Costretto a firmare il trattato di pace con la Confederazione dopo la sconfitta subìta nella Battaglia di Khotyn ad opera dell'hetman Jan Karol Chodkiewicz nel settembre-ottobre 1621, Osman II fece ritornò a Istanbul deluso e furibondo, rimproverando alla codardia dei suoi corpi speciali, i famosi giannizzeri, e alla pochezza dei suoi collaboratori questa sua umiliazione.

Osman II fu, probabilmente, il primo sultano ad individuare con chiarezza il pericolo che lo strapotere dei giannizzeri costituiva per l'impero: fece chiudere i loro caffè, che spesso erano centri in cui venivano ordite congiure contro il trono, e pensò ad istituire un nuovo corpo armato, fedele al sultano e composto di soldati provenienti dall'Anatolia, dalla Siria e dall'Egitto ma di etnia esclusivamente turca e turcomanna. Per reazione a questo tentativo di ridimensionarli, i giannizzeri ordirono una congiura di palazzo: Osman II fu imprigionato, ma, quando un sicario venne inviato nella sua cella per strangolarlo, oppose una strenua resistenza e venne sopraffatto solo in seguito all'intervento di altri uomini, che lo tramortirono colpendolo alle spalle.

In confronto con molti dei suoi immediati successori e predecessori, Osman era un sovrano di idee moderne e riformatrici, ma gli mancarono appoggio e aiuto nell'ambiente circostante per attuarle.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sultano ottomano Successore Ottoman flag.svg
Mustafa I 1618-1622 Murad IV
Predecessore Califfo dell'Islam Successore Flag of the Ottoman Caliphate.svg
Mustafa I 1618-1622 Murad IV

Controllo di autorità VIAF: 195818854 LCCN: n94059804