Ibrahim I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ibrahim I
Ibrahim I
Sultano dell'Impero ottomano
In carica 1640 –
1648
Predecessore Murad IV
Successore Mehmet IV
Nascita 5 novembre 1615
Morte 12 agosto 1648
Dinastia ottomana
Firma Tughra of Ibrahim.JPG

Ibrahim I (ابراهيم الأول in turco ottomano; 5 novembre 161512 agosto 1648) fu sultano dell'Impero ottomano dal 1640 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Uno dei sultani ottomani più famosi della storia, venne liberato dal Kafes (la prigione dorata all'interno del Palazzo Topkapi in cui venivano rinchiusi i fratelli del sultano regnante in quanto possibili pretendenti al trono) alla morte di suo fratello Murad IV (1623-1640), che fu chiamato a succedere, nonostante lo stesso sultano morente avesse ordinato di farlo uccidere (Murad stesso era succeduto al loro fratello maggiore, Osman II).

Ibrahim ereditò la crudeltà ma non la saggezza politica dei suoi fratelli: il suo governo sconsiderato portò l'impero vicino al collasso in pochissimi anni. Probabilmente mentalmente instabile, alcuni fonti riportano che egli soffrisse di nevrastenia e, dopo la morte del fratello, depressione. Durante il suo regno a prendere le decisioni maggiori fu sostanzialmente sua madre, Kösem Sultan, che d'altra parte si era occupata degli affari di Stato già durante il regno del predecessore.

Sulla "follia" e le stravaganze di Ibrahim sono stati tramandati molti aneddoti: egli è noto per aver avuto una vera e propria ossessione per le donne obese, al punto da inviare i suoi agenti per l'impero affinché gli portassero la donna più grassa possibile. Una di esse fu scovata in Georgia o Armenia e Ibrahim fu così soddisfatto di vederla che le assegnò una pensione e (a quanto sembra) addirittura un governatorato.

Egli dapprima si disinteressò degli affari politici, ma in seguito fece uccidere numerosi visir da lui stesso innalzati. Combatté una guerra navale contro la Repubblica di Venezia: sebbene fortemente in declino, la Serenissima riuscì ad aver ragione della flotta avversaria nel mar Egeo e a conquistare l'isola di Tenedos (1646), punto di accesso ai Dardanelli.

Il governo di Ibrahim divenne ancora più imprevedibile: fece uccidere quasi tutte le 280 donne del suo harem, facendole chiudere in sacchi con dei pesi che venivano gettati nel fiume, perché una di loro era stata sedotta da un estraneo (solo una donna riuscì a salvarsi poiché il suo sacco non era stato zavorrato abbastanza). Questa fu però l'ultima goccia: Ibrahim venne deposto e assassinato, assieme alla madre, alla sua amante favorita e al Gran Visir Hezarpare Ahmet in un colpo di stato guidato dal Gran Mufti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sultano ottomano Successore Ottoman flag.svg
Murad IV 1640-1648 Mehmet IV
Predecessore Califfo dell'Islam Successore Flag of the Ottoman Caliphate.svg
Murad IV 1640-1648 Mehmet IV

Controllo di autorità VIAF: 70004662 LCCN: n78075276