Matteo Paro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matteo Paro
Matteo Paro Rimini-Juventus 2006.jpg
Matteo Paro in Rimini-Juventus 1-1
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Mantova Mantova
Carriera
Giovanili
 ????-????
????-1994
1994-2000
2001-2002
Flag of None.svg Torretta
Asti Asti
Juventus Juventus
Juventus Juventus
Squadre di club1
2000-2001 Bianco e Azzurro.svg Volpiano  ? (?)
2002-2003 Juventus Juventus 1 (0)
2003-2004 Chievo Chievo 0 (0)
2004-2005 Crotone Crotone 54 (5)[1]
2005-2006 Siena Siena 18 (0)
2006-2007 Juventus Juventus 28 (1)
2007-2009 Genoa Genoa 20 (0)
2009-2010 Bari Bari 0 (0)
2010 Piacenza Piacenza 4 (0)
2010-2012 Vicenza Vicenza 45 (4)[2]
2013-14 SPAL SPAL 14 (0)
2014- Mantova Mantova 0 (0)
Nazionale
2003 Italia Italia U-20 6 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 ottobre 2013

Matteo Paro (Asti, 17 marzo 1983) è un calciatore italiano, centrocampista della Mantova Calcio.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Gioca come regista[3], sia in un centrocampo a 4 che a 3 giocatori[4]; è dotato di senso della geometria del gioco e di buone capacità tecniche[5].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver militato nelle giovanili del Torretta e dell'Asti, passa undicenne alla Juventus[6], dove rimane fino al 2003 con una parentesi di una stagione al Volpiano, in Serie D[7]. Con i bianconeri vince il Torneo di Viareggio 2003[8], e nella stessa stagione debutta in prima squadra: prima in Champions League, sul campo della Dinamo Kiev[9], e quindi in Serie A, il 17 maggio 2003 in Reggina-Juventus 2-1[10].

Nella stagione successiva viene ceduto in comproprietà al Chievo Verona (insieme con Sculli e Gastaldello) nell’operazione che porta Legrottaglie alla Juventus[11]. Con la formazione clivense non viene mai impiegato[10] e nel gennaio 2004 la Juventus trasferisce il giovane centrocampista al Crotone, in Serie C1, dove contribuirà alla promozione dei calabresi in Serie B con 15 presenze e 2 reti[10]. Nella stagione 2004-2005 rimane a Crotone, dove disputa 39 gare e realizza 3 reti nella formazione allenata da Gian Piero Gasperini, già suo allenatore nella Primavera juventina[12], che lo schiera regolarmente come titolare[10].

L’anno successivo la Juventus ne riscatta la comproprietà dal Chievo[senza fonte] e lo cede, sempre con questa formula, al Siena[13], con cui debutta in Serie A. In Toscana viene totalizza 28 presenze in campionato, e a fine stagione rientra definitivamente alla Juventus[10], nel frattempo retrocessa in Serie B per i fatti di Calciopoli. Schierato abitualmente dal tecnico Didier Deschamps come regista al fianco di Giuliano Giannichedda o Cristiano Zanetti[3], giocherá 28 partite con la Juventus, delle quali 22 da titolare[10]. Nella seconda parte della stagione, complice un infortunio, cede il posto da titolare a Claudio Marchisio, altro prodotto delle giovanili della Juventus[10].

È lui a realizzare il primo gol della Vecchia Signora nel campionato di Serie B, il 9 settembre 2006 sul campo del Rimini[5][14]. Dopo la promozione, tuttavia, non viene riconfermato: inizialmente destinato all'Empoli come parziale contropartita per Sergio Almiron[12], il 27 giugno 2007 la Juventus lo cede in comproprietà al Genoa allenato da Gasperini, per 1,5 milioni di euro[12]. Titolare nella prima parte di stagione, il 27 febbraio 2008 durante l'incontro Genoa-Napoli, a seguito di un contrasto di gioco, subisce la lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro che lo tiene fermo fino a fine campionato[15].

Il 24 giugno 2008 viene ceduto definitivamente alla squadra ligure, che riscatta per 2 milioni di euro l'altra metà del cartellino del giocatore[16]. All'inizio della stagione 2008-2009 un nuovo infortunio in una delle sue prime apparizioni costringe il giocatore a saltare l'intero campionato[15].

Il 2 luglio 2009 passa in prestito al Bari, neopromosso in Serie A[17]. Anche l'esperienza pugliese viene condizionata da un grave infortunio al legamento crociato del ginocchio, nel corso di un'amichevole estiva contro il Lumezzane[18]; torna in campo il 3 gennaio 2010, in amichevole contro il Barletta disputando 30 minuti nel ruolo di terzino destro[19].

Rientrato al Genoa, il 29 gennaio 2010 si trasferisce in prestito al Piacenza fino alla fine della stagione[20]. A causa dei continui infortuni a Piacenza gioca solo 4 partite e a fine anno torna al Genoa, che nella sessione estiva del calciomercato lo gira nuovamente in prestito al Vicenza[21]; dopo la prima stagione con i veneti, viene acquistato a titolo definitivo il 22 luglio 2011[22].

Al termine del campionato 2011-2012, concluso con la retrocessione dei berici, rimane svincolato[23], e dopo un'intera annata di inattività[3] nel settembre 2013 firma per la SPAL, militante in Lega Pro Seconda Divisione[24].

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha fatto parte della Nazionale Under-20, con la quale ha collezionato 6 presenze e una rete (contro il Messico) nel 2003.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 2003
Juventus: 2002-2003
Juventus: 2006-2007

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 58 (5) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 47 (4) se si comprendono i play-out.
  3. ^ a b c Spal, ora si punta tutto su Paro, La Nuova Ferrara, 21 settembre 2013, pag.33
  4. ^ Conosciamoli meglio: Matteo Paro Vicenzapiu.com
  5. ^ a b Sabato 9 settembre: Rimini-Juventus 1-1 Nicoivaldi.it
  6. ^ Ritrovarsi con un figlio nella Juve, La Stampa, 22 agosto 2002, pag.33
  7. ^ All'Asti il rebus panchina, La Stampa, 16 giugno 2001, pag.43
  8. ^ Si ferma Locatelli dubbio in attacco, La Repubblica, 5 marzo 2003, pag.5 - sez.Bologna
  9. ^ Salas-Zalayeta gelano la Dinamo la Juve 2 difende il primo posto, La Repubblica, 14 novembre 2002, pag.48
  10. ^ a b c d e f g Gli eroi in bianconero: Matteo Paro, Tuttojuve.com.
  11. ^ Juventus Football Club: Accordo con la società A.C. Chievo Verona per l’acquisizione del calciatore Nicola Legrottaglie Juventus.com
  12. ^ a b c Preziosi regala Paro al Genoa, La Repubblica, 28 giugno 2007, pag.14 - sez.Genova
  13. ^ Missione De Luca 'Salvezza tranquilla', La Repubblica, 12 luglio 2005, pag.3 - sez. Firenze
  14. ^ Paro lavora da nuovo Pirlo, La Gazzetta dello Sport, 26 settembre 2006
  15. ^ a b Matteo Paro, il coraggio contro la sfortuna, Pianetagenoa1893.net.
  16. ^ Paro definitivo al Genoa Juventus.com
  17. ^ Mercato, preso il portiere Padelli, Asbari.it.
  18. ^ Bari, figuraccia con il Lumezzane. Paro ko, a rischio l'intera stagione, La Repubblica, 1º agosto 2009, pag.18 - sez.Bari
  19. ^ Ventura: "Prova positiva, ma adesso sotto con il campionato" Tuttobari.com
  20. ^ Piacenza, arrivano in prestito Paro e Amodio Tuttosport.com
  21. ^ Paro va al Vicenza, Ragusa a Salerno, Genoacfc.it, 11 agosto 2010. URL consultato il 29 luglio 2011.
  22. ^ Matteo Paro è un giocatore biancorosso, Vicenzacalcio.com, 22 luglio 2011. URL consultato il 29 luglio 2011.
  23. ^ Da Alex a Zambrotta: gli svincolati Sportmediaset.mediaset.it
  24. ^ UFFICIALE: Spal, preso un centrocampista ex Juventus Tuttolegapro.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]